Guerra Israele-Hamas: ai palestinesi è stato ordinato di evacuare parti di Rafah

GERUSALEMME (AP) – Lunedì l’esercito israeliano ha ordinato l’evacuazione di decine di migliaia di persone nella città di Rafah, nel sud di Gaza, segnalando che un’invasione di terra promessa da tempo potrebbe essere imminente.

L’annuncio ha complicato gli sforzi disperati dei mediatori internazionali, compreso il direttore della CIA, per mediare un cessate il fuoco. Hamas e il Qatar, il principale mediatore, hanno avvertito che un’invasione di Rafah farebbe deragliare i colloqui.

Israele ha descritto Rafah come l’ultima roccaforte di Hamas dopo una guerra durata sette mesi.

Il tenente colonnello Nadav Shoshani, portavoce dell’esercito, ha detto che a circa 100.000 persone è stato ordinato di recarsi nella vicina zona umanitaria di Muazi, dichiarata da Israele. Ha detto che Israele si sta preparando per una “operazione a scopo limitato” e non può dire se fosse l’inizio di un’invasione più ampia della città. Ma lo scorso ottobre Israele non ha annunciato formalmente l’inizio dell’offensiva di terra che continua ancora oggi.

La mossa arriva il giorno dopo che i militanti di Hamas hanno lanciato un attacco missilistico mortale dalla zona che ha ucciso tre soldati israeliani.

Shoshani ha detto che Israele ha pubblicato una mappa della zona di evacuazione e gli ordini sono stati impartiti attraverso volantini lanciati dal cielo, messaggi di testo e trasmissioni radiofoniche.

Ha detto che Israele ha esteso gli aiuti umanitari a Muwasi, inclusi ospedali da campo, tende, cibo e acqua.

Lunedì l’esercito israeliano ha dichiarato sul sito di social media X che agirà “con estrema forza” contro i militanti e ha invitato le persone ad andarsene immediatamente per la propria sicurezza.

Israele intende occupare Rafah Lanciato l’allarme globale Perché ha il potenziale di danneggiare più di un milione di persone I civili palestinesi si sono rifugiati lì.

READ  Il consiglio comunale di Auckland approva il piano EIR Of A's Ballpark

Circa 1,4 milioni di palestinesi – più della metà della popolazione di Gaza – sono intrappolati nella città e nei suoi dintorni. La maggior parte di loro è fuggita dalle proprie case in altre parti del territorio per sfuggire all’assalto di Israele, e ora deve affrontare un’altra mossa terribile, o il rischio di affrontare il peso di un nuovo attacco. Vivono in tendopoli densamente popolate, in rifugi stracolmi delle Nazioni Unite o in appartamenti sovraffollati, e fanno affidamento sugli aiuti internazionali per il cibo, con sistemi sanitari e infrastrutture mediche paralizzati.

Il più stretto alleato di Israele, gli Stati Uniti, hanno ripetutamente esortato Israele a non lanciare un’invasione, affermando che non ha un piano credibile per proteggere i civili.

Ma proprio mentre Stati Uniti, Egitto e Qatar premevano per un accordo di cessate il fuoco, il Primo Ministro Benjamin Netanyahu La settimana scorsa ha ripetuto che si sarebbe mosso verso la città “con o senza accordo” per raggiungere il suo obiettivo di distruggere l’esercito. Gruppo militante di Hamas.

Domenica, il ministro della Difesa Yoav Gallant ha detto che Hamas non prende sul serio un accordo e ha messo in guardia da “una mossa potente a Rafah in futuro”. I suoi commenti sono arrivati ​​dopo che Hamas ha attaccato domenica un passaggio chiave israeliano per aver offerto aiuti, uccidendo tre soldati.

Shoshani non ha voluto dire se l’imminente azione di Rafa fosse una rappresaglia per l’omicidio di domenica. Ha detto che l’incidente non avrà alcun effetto sul volume degli aiuti estremamente necessari che entrano a Gaza poiché altri punti di passaggio rimangono operativi.

Tuttavia, non ha voluto commentare gli avvertimenti degli Stati Uniti di non invadere e non è chiaro se l’evacuazione sia stata coordinata con l’Egitto.

READ  Le migliori offerte per controller di gioco Black Silver: Xbox, PlayStation, Switch e molti altri

L’Egitto, partner strategico di Israele, ha affermato che un’acquisizione militare israeliana del confine tra Gaza e l’Egitto – che deve essere smilitarizzato – o qualsiasi mossa per spingere i palestinesi in Egitto minaccerebbe il suo accordo di pace quarantennale con Israele.

A Rafah, lunedì mattina, le persone hanno ricevuto volantini in arabo che dettagliavano quali quartieri lasciare e dove erano state estese le zone umanitarie. I servizi umanitari si estenderanno da Deir al-Balah, nel nord, fino al cuore della città di Khan Younis, nel mezzo della Striscia di Gaza, dicono i volantini.

Dopo che i palestinesi di Rafah hanno ricevuto i volantini, le persone si sono riunite per discutere le loro opzioni. La maggior parte ha affermato di non voler viaggiare da sola e di preferire viaggiare in gruppo.

“Molte persone sono state sfollate qui e ora devono tornare indietro, ma nessuno resta qui e non è sicuro”, ha detto al telefono Nidal Aljanin all’Associated Press.

Alzanin, padre di cinque figli, lavora per un gruppo umanitario internazionale e all’inizio della guerra si è trasferito a Rafah da Beit Hanoun, nel nord.

Ha detto che la gente era preoccupata perché le truppe israeliane avevano sparato sui palestinesi durante i precedenti ordini di evacuazione.

Alzanin ha detto che aveva preparato le sue carte e le sue borse, ma che avrebbe aspettato 24 ore per vedere cosa stavano facendo gli altri prima di trasferirsi. Ha detto che aveva un amico a Khan Yunis che sperava potesse montare una tenda per la sua famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto