Gennaio 17, 2022

Il Tarlo

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Il Tarlo

I funzionari statunitensi chiedono ad AT&T e Verizon di ritardare il wireless 5G per motivi di sicurezza aerea

Il team contrattuale di Verizon installa apparecchiature per le telecomunicazioni 5G il 3 dicembre 2019 in una torre a Orem, nello Utah. Foto scattata il 3 dicembre 2019. REUTERS / George Frey / Foto d’archivio

Iscriviti ora per un accesso gratuito illimitato a Reuters.com

WASHINGTON, 31 dicembre (Reuters) – Il segretario ai trasporti degli Stati Uniti Pete Boutique e il capo della Federal Aviation Administration (FAA) hanno chiesto ad AT&T venerdì. (TN) E Verizon Communications (VZ.N) Ritardare il lancio del nuovo servizio wireless 5G il 5 gennaio per motivi di sicurezza aerea.

In una lettera a Reuters venerdì, il dirigente di Boutique e FAA Steve Dixon ha chiesto all’amministratore delegato di AT&T John Stanky e all’amministratore delegato di Verizon Hans Westberg di ritardare l’accordo di oltre due settimane. Coesistenza dell’implementazione della banda C e del 5G in operazioni di volo sicure. “

Il Dipartimento dell’Aviazione Civile e la FAA hanno espresso preoccupazione per la possibile interruzione del 5G da parte di componenti elettronici sensibili dell’aeromobile come i radioaltimetri, che potrebbero interrompere i voli.

Iscriviti ora per un accesso gratuito illimitato a Reuters.com

“Esortiamo le vostre aziende a continuare a sospendere l’introduzione del servizio commerciale in banda C per un ulteriore breve periodo di non più di due settimane oltre la data di implementazione attualmente prevista del 5 gennaio”, afferma la lettera.

Sia Verizon che AT&T hanno affermato di aver ricevuto la lettera e che l’avrebbero esaminata. Venerdì, entrambe le società hanno accusato il dipartimento aerospaziale di aver tentato di tenere in ostaggio la distribuzione dello spettro in banda C “fino a quando l’industria wireless non sarà in grado di coprire i costi di aggiornamento degli altimetri obsoleti”.

READ  Mark Ingram esce con i santi di New Orleans a corto di armi che prendono banconote da bufalo senza Jack Moss

Boutique e Dixon hanno affermato che “il servizio commerciale in banda C inizierà come previsto a gennaio, con poche eccezioni negli aeroporti prioritari”.

La Faa e il Dipartimento dell’aviazione civile individueranno gli aeroporti prioritari, “una zona cuscinetto consentirà alle operazioni di traffico aereo di procedere in sicurezza, mentre la Faa finalizzerà le valutazioni delle potenziali interruzioni”.

Il governo lavorerà per identificare “dighe per tutti gli aeroporti prioritari” per garantire che la maggior parte dei “grandi aerei commerciali operino in sicurezza a tutti i livelli”. Ciò consentirà di “mandare a rotazione gli aeroporti prioritari” – finalizzati a garantirne l’operatività entro il 31 marzo per evitare imprevisti.

I vettori, che hanno vinto lo spettro ad un’asta governativa da 80 miliardi di dollari, hanno concordato sei mesi prima le misure precauzionali per controllare l’interferenza.

Giovedì, il gruppo commerciale statunitense Airlines ha chiesto alla Federal Communications Commission (FCC) di interrompere l’utilizzo del nuovo servizio wireless 5G in diversi aeroporti, avvertendo che migliaia di voli potrebbero essere interrotti: “I danni al solo settore dell’aviazione sono impressionanti”.

Sarah Nelson, presidente dell’Air Staff Association, che rappresenta 50.000 assistenti di volo presso 17 compagnie aeree, ha affermato che la proposta del Dipartimento dei trasporti è “la mossa giusta per implementare con successo il 5G senza utilizzare i viaggiatori (e l’equipaggio sui loro voli) come cavie”.

Il gruppo industriale wireless CTIA ha affermato che il 5G è sicuro e lo spettro è utilizzato in 40 paesi.

Venerdì il presidente della commissione per i trasporti della Camera, Peter Defacio, ha approvato la petizione della compagnia aerea, avvertendo che “non possiamo ispezionare la sicurezza aerea”.

Relazione di David Shepherdson; Montaggio di Rosalba O’Brien e Lisa Schumacher

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.