I mercati argentini sono arretrati dopo i risultati scioccanti delle elezioni primarie

Ricevi aggiornamenti gratuiti sull’Argentina

Lunedì i mercati hanno vacillato dopo la clamorosa vittoria dell’intransigente economista libertario e candidato espatriato Javier Millay al voto delle primarie argentine in vista delle elezioni presidenziali alla fine di quest’anno.

Sia le obbligazioni che le azioni sono aumentate nettamente dopo che Miley ha vinto oltre il 30% dei voti sulla promessa di dollarizzare l’economia del paese e tagliare drasticamente la spesa.

La banca centrale ha risposto rapidamente abbassando il tasso di cambio ufficiale del 18% a 350 pesos per dollaro per stabilizzare i mercati. La mancanza di una copertura contro la sua valuta ha portato a un aumento dei tassi di interesse di 21 punti percentuali al 118%.

L’incertezza creata dalla decisione dello shock sta aggravando le preoccupazioni tra gli investitori che circondano la fragile economia argentina, lasciando il voto in ottobre. L’inflazione supera il 115%, le riserve valutarie sono a livelli pericolosamente bassi e il peso ha perso più della metà del suo valore rispetto al dollaro negli ultimi 12 mesi. Quattro persone su 10 in Argentina vivono in povertà.

“Il risultato delle elezioni primarie è stato un terremoto politico”, ha affermato Paul Greer, gestore del portafoglio FX e credito dei mercati emergenti presso Fidelity International. “Abbiamo avuto un’enorme infusione di incertezza e il mercato si è adattato per riflettere questo”.

I prezzi delle obbligazioni denominate in dollari più liquide dell’Argentina sono scesi fino al 15% all’apertura del mercato e hanno chiuso in ribasso di circa il 10%, scambiando tra circa 28 e 34 centesimi di dollaro.

L’indice di riferimento S&P Merval ha registrato una perdita iniziale del 3%, ma è aumentato del 3,3%. L’ETF Global X MSCI Argentina, quotato a New York, un indicatore delle opinioni degli investitori internazionali sul paese, ha chiuso in ribasso del 2,9%, ma all’apertura era in ribasso del 7%.

READ  I mammut lanosi sono un passo avanti verso il ritorno

Miley, che ha guadagnato fama come personaggio televisivo contro la classe politica argentina, non ha esperienza dirigenziale e ha trascorso solo due anni come rappresentante del Congresso.

“Sono preoccupati per la politica, se può attuarli e per la governance – se può attuare le sue misure radicali, fino a che punto può contenere le proteste”, ha affermato Peter West, consulente economico di EM. -Finanza.

Il tasso swap blue-chip, un tasso di cambio pre-flottante per gli investitori internazionali che acquistano azioni e obbligazioni, lunedì è sceso di 40 centesimi a 637 pesos per dollaro.

Thierry Larose, gestore del fondo obbligazionario dei mercati emergenti di Vontopal, ha affermato che la svalutazione del tasso di cambio aumenterebbe il dollaro argentino e le obbligazioni locali poiché il “enorme divario” tra i tassi di cambio ufficiali e non ufficiali ha causato un “drenaggio permanente” sulle riserve di valuta estera.

Il consiglio di amministrazione del Fondo monetario internazionale dovrebbe approvare un prestito di 7,5 miliardi di dollari all’Argentina il 23 agosto, concordato provvisoriamente alla fine di luglio dopo mesi di negoziati dopo che non è riuscito a raggiungere gli obiettivi chiave del programma. L’Argentina rimane il più grande creditore del FMI dopo aver ricevuto un programma di prestiti da 44 miliardi di dollari l’anno scorso per rifinanziare il suo debito del 2018.

“Accogliamo con favore le recenti azioni politiche e l’impegno delle autorità per preservare la stabilità, ricostruire le riserve e migliorare l’ordine fiscale”, ha dichiarato il FMI in una nota.

Fernando Marrul, fondatore di FMyA, una società di consulenza economica con sede a Buenos Aires, ha affermato che la svalutazione del peso – a lungo richiesta dal FMI – è stato un tentativo del governo populista di rassicurare le finanze in un momento di estrema incertezza.

READ  40 La migliore prese intelligenti wi fi del 2022 - Non acquistare una prese intelligenti wi fi finché non leggi QUESTO!

“Il governo non può permettersi che la consegna non avvenga”, ha detto. Ma ha aggiunto che la demonetizzazione avrà un forte impatto sull’inflazione in vista delle elezioni. “Andrà sicuramente a due cifre, probabilmente il 15%. Colpirà duramente i portafogli degli elettori”, ha detto.

Tuttavia, gli investitori hanno affermato che i risultati hanno fornito segnali incoraggianti per i mercati. I due partiti principali – con il 58% dei voti – domenica hanno entrambi sostenuto il taglio della spesa fiscale e un’ulteriore svalutazione della valuta.

Gli investitori hanno affermato che la vittoria di Miley ha evidenziato la possibilità di una chiusura del parlamento a novembre dopo le elezioni di ottobre.

“Penso che i mercati siano soggetti a un’attrazione bidirezionale: i caucus orientati alle riforme insieme hanno preso i due quinti dei voti e l’incertezza creata dalla piattaforma politica radicale di Miley potrebbe essere impraticabile”, ha aggiunto West.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto