I palestinesi di Gaza si trovano di fronte ad una scelta impossibile: restare nelle loro case sotto il peso degli attacchi aerei, o fuggire sotto il peso degli attacchi aerei?

Il fumo si alza mentre i palestinesi prendono parte a una protesta dopo gli attacchi israeliani su Gaza, a Nablus, nella Cisgiordania occupata, il 13 ottobre 2023. Foto di Raneen Sawafta/Reuters

GAZA CITY, Striscia di Gaza (AP) – Mentre Naji Jamal osservava i vicoli del campo profughi di Jabalia, nel nord di Gaza, vuoti di persone, si bloccava nell’indecisione.

Dovrebbe dare ascolto alla richiesta dell’esercito israeliano di evacuare tutti i palestinesi e intraprendere il pericoloso viaggio verso il sud di Gaza, dove la sua unica certezza è lo sfollamento? Oppure dovrebbe rimanere nel suo edificio a più piani – all’interno dell’area che l’esercito israeliano ha ora designato come zona bersaglio – prima di una possibile invasione di terra israeliana?

“È una domanda esistenziale, ma non c’è risposta”, ha detto Jamal, un operatore sanitario di 34 anni. “Non esiste un rifugio sicuro, non esiste un posto che non sia bombardato e assediato e non c’è nessun posto dove andare”.

Egli guarda: Guerra in Terra Santa – Rapporto speciale PBS News

Con un ordine senza precedenti rivolto ai civili nel nord di Gaza e nella città di Gaza, l’esercito israeliano ha concesso a Jamal – e ad altri 1,1 milioni di palestinesi – 24 ore per prendere una decisione. Questo è stato il sesto giorno di bombardamenti israeliani, il risultato di un brutale attacco di Hamas che ha ucciso più di 1.300 israeliani e ha scioccato il Paese.

Mentre il tempo passava prima dell’ultimatum, centinaia di migliaia di soldati di riserva dell’esercito israeliano si stavano ammassando vicino al confine settentrionale di Gaza. Gli aerei da guerra israeliani volavano sopra la città e atterravano a bassa quota per sganciare bombe su case e grattacieli residenziali. I gruppi umanitari hanno lanciato un appello alla comunità internazionale affinché interrompa quello che denunciano come un potenziale crimine di guerra del trasferimento forzato di popolazione.

READ  Zelenskyj ucraino destituisce il capo della Guardia di Stato per un complotto omicida Notizie sulla guerra russo-ucraina

Negli ospedali a corto di personale e scarsamente forniti, i medici palestinesi hanno affermato di ritenere di non avere altra scelta se non quella di restare dov’erano. Il suo direttore generale, Muhammad Abu Salim, ha detto che non c’era modo di evacuare l’ospedale Al-Shifa, il più grande ospedale di Gaza. Sebbene l’ospedale fosse nel caos – l’elettricità è diminuita a causa del blocco israeliano, i letti sono sovraffollati e l’obitorio traboccante – Abu Salim ha detto che semplicemente non c’era altro posto sicuro a Gaza dove mettere 600 pazienti, molti dei quali in gravi condizioni a causa degli attacchi. .

Abu Salim ha detto: “Chiederci di evacuare è ridicolo, è impossibile”.

Ma centinaia di migliaia di altri palestinesi in tutta la regione hanno discusso di questa dolorosa scelta mentre la ritorsione israeliana si intensificava. L’esercito israeliano afferma che i suoi attacchi aerei colpiscono le infrastrutture militanti, non i civili – un’affermazione respinta dai palestinesi.

Molti sono fuggiti al sud per salvarsi la vita, si sono ammassati nelle auto dei parenti e hanno camminato per strade bloccate dalle macerie, anche se il fragoroso bombardamento infuriava intorno a loro. Una linea mista di trattori, carri trainati da cavalli e asini si estendeva per circa 30 chilometri (18 miglia) attraverso la striscia, trasformando un viaggio che normalmente durava 45 minuti in un viaggio straziante – e, per dozzine di persone, mortale – di due ore.

Egli guarda: Brooks e Capehart parlano della guerra tra Israele e Hamas e del sostegno americano

L’ufficio stampa di Hamas ha affermato che gli attacchi aerei israeliani sui veicoli evacuati hanno ucciso almeno 70 persone.

READ  Russia e Ucraina aggiornamenti in tempo reale e ultime notizie

Ali Abdel Bari (37 anni), residente a Gaza City, ha detto dell’esercito israeliano: “Non mi fido di loro”. “Ma farò sempre tutto il possibile per mantenere la mia famiglia al sicuro.”

L’appartamento di Barry, situato all’estremità nord-occidentale di Gaza City, è stato raso al suolo in un massiccio attacco aereo giovedì scorso. Stordito ed esausto per le notti trascorse sveglio, è arrivato a Khan Yunis, una città nel sud di Gaza, dopo che era stato emesso l’ordine di evacuazione, ma non è riuscito a far salire tutta la sua famiglia in macchina. Ha promesso agli zii che sarebbe tornato da loro sabato. Barry ha detto che la decisione è stata semplice per lui.

“Sono responsabile dei miei genitori, fratelli e sorelle”, ha detto.

Alla domanda su come i civili potessero essere evacuati in luoghi sicuri anche se continuavano i pesanti bombardamenti, l’ammiraglio Daniel Hagari, portavoce dell’IDF, ha detto ai giornalisti: “Cercheremo di assicurarci che ciò accada”.

Nonostante il pericolo, alcuni si rifiutavano ostinatamente di lasciare le proprie case. Guardavano passare i convogli, ricordando le precedenti ondate di profughi palestinesi che erano fuggiti da altre guerre ma non erano riusciti a tornare alle loro case. Alcuni palestinesi sottolineano quella che chiamano la “Nakba” o “catastrofe” scaturita dalla fondazione di Israele nel 1948, quando circa 700.000 persone fuggirono o furono espulse dalle loro case in quello che oggi è conosciuto come Israele. Anche i governanti di Hamas a Gaza hanno esortato le persone a non fuggire, descrivendo l’ordine israeliano come una “guerra psicologica” per spezzare la loro solidarietà.

L’attivista Yasser Hassouna di Gaza City ha detto: “Questa è la Nakba, tutti i nostri traumi si ripetono ancora”. “Non ci faremo intimidire.”

READ  Yulia Navalnaya: un tribunale russo ne ordina l'arresto in contumacia

Altri non avevano i mezzi o la lungimiranza per fare le valigie e andarsene.

Jamal, nel campo di Jabalia, non aveva un’auto. Il pensiero di caricare il figlio neonato, la madre malata e altri 30 membri della famiglia su una carrozza trainata da cavalli e di mandarli in una zona di guerra lo faceva rabbrividire. Ha detto che si è arreso a ciò che Dio gli aveva destinato.

“In questo modo staremo insieme e potremo leggere il Corano e pregare”, ha detto.

Per molti, la notizia delle evacuazioni è arrivata lentamente, a causa del collasso delle reti di telefonia mobile e internet in gran parte di Gaza.

Nel cuore della città di Gaza – un’area un tempo vivace e devastata da pesanti bombardamenti – l’ingegnere di 27 anni Saeb Al-Jarz stava aspettando notizie da suo padre, che è stato ferito in un attacco aereo sul grattacielo del loro appartamento giovedì sera. Tre dei suoi vicini sono stati uccisi e la casa della sua famiglia è stata distrutta.

Al-Jarz è ancora sotto shock per le scene a cui ha assistito e ha sentito per la prima volta dell’avviso di evacuazione emesso dall’esercito israeliano da un giornalista dell’Associated Press. È andato nel panico, cercando di capire i passi successivi con 25 parenti.

Ha aggiunto: “Forse resteremo, perché se moriamo, moriremo insieme”.

La sua voce tremava. Cambia idea.

“Voglio solo vivere davvero”, ha detto.

Debre ha riferito da Gerusalemme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto