I russi organizzano una rara protesta dopo che una diga è crollata e ha allagato le case vicino al confine kazako

I russi si sono riuniti lunedì nella città di Orsk in una rara protesta, per chiedere un risarcimento in seguito al genocidio Crollo della diga e conseguenti inondazioni Nella regione di Orenburg vicino al confine con il Kazakistan.

Le proteste sono uno spettacolo insolito in Russia, dove le autorità reprimono costantemente ogni forma di dissenso Il presidente Vladimir Putin'S Invasione dell'Ucraina. L’agenzia di stampa russa TASS ha riferito che centinaia di persone si sono radunate lunedì davanti all’edificio amministrativo di Orsk, mentre i video condivisi sui canali dei social media russi mostravano persone che cantavano “Putin, aiutaci” e “Vergogna”.

Le inondazioni causate dall’innalzamento del livello delle acque del fiume Ural hanno costretto più di 4.000 persone, tra cui 885 bambini, allo sfollamento. Per evacuare Lo ha detto domenica il governo regionale nella regione di Orenburg. La TASS ha riferito lunedì che circa 10.000 case, di cui circa 7.000 a Orsk, sono state allagate nella regione e che le acque alluvionali nella città continuano a salire. Le riprese di Orsk e Orenburg hanno mostrato che l’acqua ha parzialmente sommerso gli edifici, comprese le case, nonché i campi vicini.

Domenica il governo russo ha dichiarato emergenza federale la situazione nelle zone colpite dalle inondazioni di Orenburg, con i preparativi per possibili inondazioni in altre tre regioni, hanno riferito i media statali.

In seguito alla protesta, la TASS ha riferito che il governatore della regione di Orenburg, Denis Basler, ha promesso di pagare un risarcimento di 10.000 rubli al mese (circa 108 dollari) per sei mesi alle persone costrette ad abbandonare le loro case a causa dell'alluvione.

READ  Israele e Hamas sono in guerra dopo che i militanti palestinesi hanno lanciato attacchi mortali da Gaza

Il governo regionale ha dichiarato domenica che i danni totali causati dalle inondazioni nella regione sono stati stimati in 21 miliardi di rubli (227 milioni di dollari).

Secondo il sindaco di Orsk Vasily Kozubitsa, la città di Orsk, situata a meno di 20 chilometri (meno di 13 miglia) a nord del confine con il Kazakistan, ha subito il peso maggiore delle inondazioni che hanno causato il crollo di una diga venerdì.

È stata aperta un'indagine penale per indagare su presunte violazioni edilizie che potrebbero aver causato il crollo della diga. Le autorità locali hanno affermato che la diga può sopportare livelli d’acqua fino a 5,5 metri (circa 18 piedi). Kozubitsa ha detto che il livello dell'acqua ha raggiunto circa 9,3 metri (30,51 piedi) sabato mattina e sta aumentando. Domenica, il livello a Orsk ha raggiunto i 9,7 metri, secondo il sito russo di informazioni sul livello dell’acqua AllRivers.

Le autorità di Orsk hanno riferito che quattro persone sono morte, ma hanno affermato che la loro morte non è collegata alle inondazioni.

La classificazione della situazione come emergenza federale riflette il rischio di inondazioni al di fuori della regione di Orenburg.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto domenica che il presidente russo Vladimir Putin ha parlato con il capo del Ministero per le situazioni di emergenza, nonché con i capi delle regioni di Kurgan e Tyumen, situate nella regione degli Urali, per discutere della situazione e “della necessità .” …per l'adozione tempestiva di misure di assistenza alle persone e alla loro possibile evacuazione.

Il fiume Ural, lungo circa 2.428 chilometri (1.509 miglia), scorre dalla parte meridionale dei Monti Urali all'estremità settentrionale del Mar Caspio, attraverso la Russia e il Kazakistan.

READ  L'inquinamento atmosferico a Delhi supera di 100 volte il limite salutare fissato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità | Delhi

Nella regione di Smolensk, nella Russia occidentale, parte di un cavalcavia è crollato nella città di Vyazma, 233 chilometri (144 miglia) a ovest di Mosca, uccidendo una persona e ferendone diverse altre, ha riferito la TASS.

Il ponte è caduto sui binari ferroviari, fermando i treni lungo la linea verso la Bielorussia e tagliando le forniture di gas a quasi 9.000 persone, ha detto la TASS, aggiungendo che i funzionari locali avevano aperto un'indagine penale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto