Il CEO di Starbucks Kevin Johnson va in pensione, Howard Schultz torna come CEO ad interim

Starbucks Il CEO Kevin Johnson va in pensione dopo cinque anni di lavoro.

Howard Schultz tornerà come CEO ad interim, ancora una volta al timone dell’azienda che ha elevato a marchio globale mentre l’azienda è alla ricerca di un successore a lungo termine. Questo sarà il suo terzo mandato come CEO del colosso del caffè.

Le azioni della società sono aumentate del 6% nel trading pre-mercato al telegiornale. La società ha annunciato la transizione alla leadership in vista dell’assemblea annuale degli azionisti di mercoledì.

“Un anno fa, ho indicato al consiglio di amministrazione che mentre la pandemia globale si avvicinava alla fine, avrei preso in considerazione la possibilità di ritirarmi da Starbucks. Sento che questa è la fine naturale dei miei 13 anni con l’azienda”, ha detto Johnson in una nota.

Johnson è entrato a far parte del Consiglio di amministrazione nel 2009 mentre prestava servizio come CEO di Juniper Networks ed è diventato membro del gruppo dirigente nel 2015 come Presidente e Direttore operativo. Nel 2017, Johnson è stato nominato presidente e CEO per succedere a Schultz. Nella sua ultima lettera ai dipendenti, ha scritto che l’assemblea annuale degli azionisti di mercoledì coincide con il suo quattordicesimo incontro con l’azienda.

Oltre a guidare l’azienda attraverso la pandemia, Johnson ha utilizzato la sua esperienza come ex CTO durante il suo incarico per spingere Starbucks nell’era digitale, rinnovando il suo programma fedeltà e aggiornando l’impronta del suo negozio per riflettere i diversi modi in cui i consumatori vogliono acquistare il loro caffè . . Ha anche accelerato l’espansione della catena in Cina, che ora è il suo secondo mercato più grande.

READ  Amazon annuncia la divisione delle azioni 20 a 1, il riacquisto di 10 miliardi di dollari

Durante il suo periodo come presidente della società, le azioni di Starbucks sono aumentate di oltre il 50%, compresi i guadagni pre-mercato di mercoledì.

Il CEO di Starbucks Melody Hobson ha dichiarato a “Squawk Box” della CNBC che la società intende scegliere un successore permanente entro l’autunno.

“Non assumeremo più di Zoom, te lo posso dire”, ha detto alla CNBC Hobson, co-CEO di Ariel Investments. “Squawk Box”.

Ha aggiunto che la società aveva già un numero di candidati forti in lizza per la prima posizione.

Schultz, 68 anni, ha dichiarato in una dichiarazione di non aver mai avuto in precedenza alcun piano per tornare in azienda. Ha ricoperto il ruolo di CEO dal 1986 al 2000 e di nuovo dal 2008 al 2017. Ha anche Il peso della probabilità di candidarsi alla presidenza prima delle elezioni del 2020.

“Quando ami qualcosa, hai un profondo senso di responsabilità per aiutare quando chiami. E anche se non avevo intenzione di tornare in Starbucks, so che l’azienda deve trasformarsi di nuovo per incontrare un nuovo entusiasmante futuro in cui tutti i nostri stakeholder prosperano “, ha detto Schultz in una nota. “Sullo sfondo della ripresa del coronavirus e delle turbolenze globali, è fondamentale preparare il tavolo per reimmaginare e reinventare la futura esperienza Starbucks per i nostri partner e clienti”.

La società ha affermato che lo stipendio di Schultz come CEO ad interim sarà di $ 1. Hobson ha affermato che l’azienda farà affidamento sulla sua “eccellenza e brillantezza” durante la transizione, ma ha negato di rimanere più a lungo come prossimo CEO a tempo pieno dell’azienda.

READ  40 La migliore letto matrimoniale del 2022 - Non acquistare una letto matrimoniale finché non leggi QUESTO!

“Abbiamo una grande lista di candidati”, ha detto. “Le persone vogliono questo lavoro e siamo molto fiduciosi che avremo un nuovo leader in autunno”. “Non resterà per tre anni… Lo avremo fino all’autunno, punto e basta. Credimi.”

L’inversione di tendenza del CEO cade sullo sfondo di un aumento degli sforzi di sindacalizzazione tra i dipendenti di Starbucks. Anche oggi, Quasi 140 negozi Starbucks in 26 stati Ha presentato una petizione al National Labor Relations Board per formare sindacati, secondo i regolatori di Starbucks Workers United. Sei siti finora Hanno votato per il sindacato.

Con una mossa che potrebbe segnalare il suo ritorno in azienda, Schultz è apparso nei caffè di Buffalo, nell’area di New York, prima delle elezioni sindacali, insieme ai massimi amministratori delegati di Starbucks, per scoraggiare i baristi dal votare per i sindacati.

Questa settimana, il National Labor Relations Board Presentare un reclamo Sullo sfondo delle accuse, Starbucks ha risposto a due dipendenti di Phoenix che stavano cercando di standardizzare l’ubicazione del loro negozio. Martedì, un gruppo di 75 investitori in Starbucks Ho inviato un messaggio Hobson e Johnson hanno esortato l’azienda ad adottare una politica di neutralità per tutti i tentativi attuali e futuri di organizzazione da parte dei suoi lavoratori.

Hobson ha detto martedì che Starbucks “ha commesso degli errori” quando gli è stato chiesto dell’impegno del sindacato.

“Quando pensi, ancora una volta, al motivo per cui dipendiamo così tanto da Howard in questo momento, quella connessione con la nostra gente in cui crediamo che sia unicamente in grado di interagire con la nostra gente in un modo che farà la differenza”, ha detto.

READ  Buser: Indiana 66, Wyoming 58 - All'interno del corridoio

L’annuncio del pensionamento di Johnson segna la quarta grande mossa del CEO da una società di ristoranti quotata in borsa negli ultimi mesi.

Pizza di Domino Il CEO Rich Allison andrà in pensione alla fine di aprile e Ristoranti Darden Jin Lee avrebbe fatto lo stesso il mese successivo. arresto dell’ala Lunedì è stato annunciato che il CEO Charlie Morrison si è dimesso per diventare il CEO di Salad and Go, una catena di alimentazione molto più piccola.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,598FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles