Il prezzo del Bitcoin supera i 71.000 dollari prima del dimezzamento

Il prezzo del Bitcoin è balzato al massimo settimanale di oltre $ 71.000, e mancano solo poche settimane prima che i tanto attesi premi in blocco della criptovaluta vengano dimezzati.

Il prezzo del Bitcoin ha toccato i 71.000 dollari lunedì sera, prima di crollare e salire fino al massimo di 71.419,17 dollari martedì mattina. Secondo i dati di La regina Geco.

BTC ha avuto un paio di settimane volatili da quando ha raggiunto il massimo storico di quasi 74.000 dollari all'inizio di questo mese, ed è crollato insieme alle azioni in seguito alla notizia che l'inflazione a febbraio era più calda del previsto, prima che un crollo improvviso nel mercato azionario causasse… BitMEX nel calo dei prezzi. A partire da $ 62.000.

Tuttavia, la criptovaluta si è ampiamente ripresa da tali perdite mentre i trader si preparano al dimezzamento del Bitcoin, previsto per aprile. Sulla base di regole predefinite nel codice Bitcoin, il dimezzamento avviene circa ogni quattro anni e vede dimezzata la ricompensa in blocco distribuita ai minatori Bitcoin.

Attualmente, i minatori Bitcoin ricevono 6,25 BTC per aver aggiunto con successo un blocco alla blockchain; Intorno al 19 aprile, scenderà a 3.125 BTC. Storicamente, gli halving sono stati rialzisti per Bitcoin, con il prezzo della criptovaluta che è aumentato diversi mesi dopo l'evento, portandolo a nuovi massimi.

Tuttavia, la correlazione non implica causalità e alcuni sostengono che gli aumenti dei prezzi dopo gli eventi di dimezzamento sono dovuti maggiormente a fattori macro esterni. Ad esempio, Coinbase Rapporto di ricerca Il post pubblicato all'inizio di questo mese citava un “contesto di politica monetaria estremamente allentato e stimoli fiscali storicamente forti in risposta alla pandemia di COVID-19” poiché ciò ha spinto il prezzo del Bitcoin dopo il suo dimezzamento nel 2020.

READ  Le azioni diminuiscono in Corea del Sud e la fiducia delle imprese migliora in Giappone

A complicare ulteriormente le cose nel 2024 è l’arrivo di diversi ETF Bitcoin negli Stati Uniti, che stavano accumulando scorte di BTC prima del dimezzamento. Ciò è in parte responsabile della spinta del prezzo ai massimi storici Prima La metà, cosa mai accaduta prima.

Alcuni analisti indicano la crisi dell’offerta causata dagli ETF su Bitcoin come un indicatore rialzista in vista dell’halving, avvertendo però che fattori macro, tra cui tassi di interesse più elevati, potrebbero portare a un consumo debole – e quindi a una minore domanda di Bitcoin.

A cura di Stacey Elliott.

Rimani aggiornato sulle notizie sulle criptovalute e ricevi aggiornamenti quotidiani nella tua casella di posta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto