Il produttore cinese di auto elettriche Neo ha lanciato un rivale della Model Y di Tesla

Il produttore cinese di veicoli elettrici (EV) Neo ha presentato la prima auto del suo nuovo marchio a basso costo Onvo, una sfidante diretta dell’auto più venduta di Tesla.

Con prezzi a partire da 219.900 yuan ($ 30.465, £ 23.990), il SUV L60 è più economico di oltre il 10% rispetto al veicolo elettrico più popolare al mondo, il Model Y di Tesla, che costa 249.900 yuan.

Ciò avviene nella stessa settimana in cui il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato di quadruplicare le tariffe sulle importazioni di auto elettriche dalla Cina.

Come altri produttori di veicoli elettrici, Tesla ha dovuto lottare contro il calo delle vendite a fronte della forte concorrenza dei marchi cinesi.

Il veicolo è stato presentato a Shanghai dall’amministratore delegato di Neo, William Lee, che ha affermato che la società competerà con il Modello Y di Tesla e la Toyota RAV4.

“Mentre le tecnologie si evolvono e la comprensione da parte delle persone dei veicoli elettrici intelligenti si approfondisce, è tempo di ridefinire nuovi standard per le auto familiari”, ha affermato Li.

L’azienda ha iniziato a prendere ordini per l’L60 e punta a iniziare le consegne entro settembre.

I dirigenti di Neo hanno affermato che intendono introdurre un nuovo modello Onvo all’anno come parte degli sforzi per espandere il mercato delle auto familiari.

Il marchio potrebbe aiutare Neo a costruire la propria presenza al di fuori del suo paese d’origine.

Tuttavia, deve far fronte a tariffe del 100% negli Stati Uniti e a un’indagine antisovvenzioni avviata dall’Unione Europea sulle importazioni di veicoli elettrici dalla Cina.

I marchi di auto elettriche in tutto il mondo si trovano ad affrontare sfide importanti a causa del rallentamento delle vendite e della crescente concorrenza.

READ  40 La migliore girarrosto elettrico e del 2022 - Non acquistare una girarrosto elettrico e finché non leggi QUESTO!

Ad aprile, Tesla ha iniziato a licenziare oltre il 10% della sua forza lavoro globale nel settore dei veicoli elettrici.

Nello stesso mese, la società ha annunciato che i suoi profitti per i primi tre mesi dell’anno erano diminuiti di oltre la metà rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Nel frattempo, la cinese BYD ha dichiarato che i suoi profitti sono diminuiti a causa della debolezza della domanda e della guerra dei prezzi nel più grande mercato automobilistico del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto