Gennaio 17, 2022

Il Tarlo

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Il Tarlo

Il telescopio Web dispiega con successo il suo schermo solare grande quanto un campo da tennis nello spazio

Telescopio spaziale James Webb, questo Inaugurato il giorno di NataleMartedì, ha completato con successo il dispiegamento del suo scudo solare di 21 metri (70 piedi). Questo importante traguardo era una delle tante cose che dovevano accadere affinché la sorveglianza della NASA funzionasse correttamente nello spazio, e raggiungerlo è stato un enorme sollievo per il team del Web.

“L’espansione dello scudo solare di Webb nello spazio è un’incredibile pietra miliare, fondamentale per il successo della missione”, ha affermato Gregory L., direttore del progetto di Webb presso la sede della NASA. Robinson ha detto in una nota. “È stato necessario lavorare su migliaia di parti proprio per scoprire completamente questa straordinaria ingegneria. Il team ha compiuto un’impresa scoraggiante nella complessità di questa distribuzione, uno degli sforzi ancora più audaci di Webb”.

Secondo l’agenzia, questo è uno degli schieramenti di veicoli spaziali più impegnativi che la NASA abbia mai tentato.

Il più grande scudo solare a cinque strati protegge il vetro gigante e l’attrezzatura dal calore del sole. Per osservare il design dell’universo, sia il vetro che gli strumenti devono essere collocati a una temperatura molto fredda di 370 gradi Fahrenheit (negativi 188 gradi Celsius). Ciascuno dei cinque fogli è sottile come un capello umano e rivestito di metallo riflettente.

Quando la rete è stata lanciata, lo scudo solare si è piegato per adattarsi al razzo Ariane 5 che ha trasportato il telescopio nello spazio. Il 28 dicembre è iniziato il processo di otto giorni per allargare e rafforzare lo scudo protettivo. Ciò include l’espansione della struttura di supporto per lo scudo diversi giorni prima che inizi la tensione o la tenuta di ogni strato.

READ  "Questo è preoccupante": Biden ha affrontato le preoccupazioni sull'inflazione durante il discorso di Baltimora

Il quinto strato di crema solare è stato stretto e fissato a ET alle 11:59 di martedì.

Nel complesso, l’intero processo, controllato da gruppi sulla terra, comporta il movimento corretto e integrato di centinaia di meccanismi di uscita, cerniere, motori di smistamento, pulegge e cavi.

“La fase di tensione della membrana dell’implementazione di Sunshield è particolarmente impegnativa a causa delle complesse connessioni tra strutture, meccanismi di tensione, cavi e membrane”, ha affermato James Cooper, Web Sunshield Manager della NASA presso il Goddard Space Aviation Center. . “E’ stata la parte più difficile da provare sul campo, quindi è fantastico che tutto stia andando bene oggi”.

I team hanno lavorato in turni di 12 ore per garantire che tutto proceda senza intoppi con le distribuzioni di Webb.

Sebbene il Sunshield sia un successo, il project manager di Webb, Bill O’Callaghan, ha affermato che il telescopio è in grado di interrompere dal 70% al 75% della sua efficienza operativa in più di 300 guasti a punto singolo.

Sembra un sacco che si chiude con un cordoncino.  I team hanno testato questo difficile processo un anno prima che iniziasse sulla Terra.

“Questo traguardo riflette la passione pionieristica di migliaia di ingegneri, scienziati e tecnologi che hanno trascorso gran parte della loro carriera progettando, progettando, producendo e testando questa tecnologia spaziale di prima classe in Northrop”, ha affermato Jim Flynn, manager di Northrop. Krumman, il principale appaltatore della NASA per Webb, in una dichiarazione.

Il telescopio ha la capacità di guardare indietro nel tempo, usando le sue osservazioni a infrarossi per rivelare caratteristiche invisibili e guardare più in profondità nell’universo che mai.

Il telescopio web osserva ogni fase della storia cosmica Si illumina per primo dopo il Big Bang che ha creato il nostro universo E la formazione di stelle, stelle e pianeti che la riempiono oggi. Le sue capacità abilitano il monitor Sbircia nelle atmosfere degli esopianeti Ed esplora i deboli segnali delle prime galassie che si sono formate 13,5 miliardi di anni fa.

Thomas Zurbuchen, co-direttore esecutivo della direzione delle operazioni scientifiche della NASA, ha dichiarato in una dichiarazione: “Questa è la prima volta che qualcuno ha tentato di mettere un telescopio così grande nello spazio”. Il successo della sua implementazione altamente impegnativa – Sunshield – è un’incredibile testimonianza dell’ingegno umano e dell’abilità ingegneristica che consentirà al Web di raggiungere i suoi obiettivi scientifici. “

READ  Google afferma che Apple non dovrebbe beneficiare del bullismo creato dal lock-in di iMessage

Quello che viene dopo

Si prevede che il web impiegherà circa 29 giorni per raggiungere la sua orbita a un milione di miglia dalla Terra, insieme ad altri importanti passaggi, alla fine di questa settimana che comportano un’altra grande sfida: estendere il vetro del telescopio.

Il vetro può estendersi per 21 piedi e 4 pollici (6,5 metri), una grande lunghezza che consente al telescopio di raccogliere più luce dagli oggetti mentre si trova nello spazio. Più luce può raccogliere il vetro, più dettagli può osservare il telescopio.

È il più grande specchio che la NASA abbia mai creato, ma le sue dimensioni hanno creato un problema unico. Il vetro era troppo grande per entrare nel razzo. Gli ingegneri hanno piegato il telescopio in stile origami e progettato una serie di parti mobili che possono essere montate per essere lanciate a intervalli di 16 piedi (5 metri).

Il tecnico ottico della Paul Aerospace Scott Murray ha ispezionato le prime parti in vetro primarie dorate durante l'assemblaggio.
Questo è il prossimo di una serie di importanti passaggi di Webb: garantire che le 18 parti esagonali placcate in oro del vetro si espandano e si blocchino insieme. Tutti questi passaggi Dovrebbe essere completato entro questo fine settimana.

Infine, il web effettuerà un’altra regolazione orbitale per inserirsi nell’orbita oltre la luna.

Orbiterà per 29 giorni, un periodo di tempo durante il quale il telescopio funzionerà nello spazio, della durata di circa cinque mesi e mezzo, che includerà il raffreddamento, l’allineamento e la calibrazione dei suoi strumenti. Tutti gli strumenti passeranno attraverso il processo di check-out per vedere come funzionano.

Il Web inizierà a raccogliere dati e le sue prime immagini nel 2022 e dovrebbe essere rilasciato a giugno o luglio, il che cambierà sempre il modo in cui vediamo e comprendiamo l’universo.

READ  Entro l'undicesima settimana gli Steelers sono fuori servizio e i caricatori