Il terremoto in Nepal uccide almeno 132 persone e distrugge centinaia di case

KATHMANDU, Nepal – Un terremoto ha colpito venerdì sera una remota regione del Nepal himalayano, uccidendo almeno 132 persone e distruggendo centinaia di case, hanno detto funzionari nepalesi, avvertendo che il bilancio delle vittime potrebbe aumentare.

L’US Geological Survey ha affermato che il terremoto di magnitudo 5,6 si è verificato poco dopo le 23:30 di venerdì, ora locale, a una profondità di 11 miglia. L’epicentro del terremoto è stato vicino al distretto di Jajarkot, più di 300 miglia a ovest della capitale, Kathmandu. Il terremoto è stato avvertito dagli abitanti di Kathmandu e Nuova Delhi, la vicina capitale dell’India.

Il Nepal, soprannominato il “Tetto del mondo” perché si trova a cavallo dell’Himalaya, soffre di strade povere e tortuose, edifici scadenti e povertà endemica in molti dei suoi distretti. Secondo quanto riferito, alcune strade sono state chiuse a causa della caduta di massi, ostacolando le operazioni di ricerca, salvataggio e soccorso.

Il portavoce dell’esercito nepalese, Brig. Generale Krishna Prasad Bhandari. Centinaia sono rimasti feriti.

“La squadra di ricerca e soccorso dell’esercito nepalese ha raggiunto alcuni luoghi”, ha detto Bhandari. “Le strade sono difficili, quindi potrebbe volerci del tempo per raggiungere subito alcuni posti.”

Narendra Gautam, assistente subispettore della stazione di polizia di Jajarkot, ha detto al Washington Post che non esiste una rete cellulare mobile e che l’elettricità è interrotta nelle aree colpite.

“È difficile stabilire un contatto”, ha detto, aggiungendo che per raggiungere alcune zone terremotate ci vogliono sei ore in macchina o due giorni a piedi.

Il primo ministro Pushpa Kamal Dahal, noto come Prachanda, ha mobilitato tutte le agenzie di sicurezza del paese e ha lasciato Kathmandu in elicottero sabato mattina presto per visitare la regione, ha riferito l’Himalaya Times.

READ  Bashar al-Assad: un tribunale francese conferma un mandato di arresto contro il presidente siriano

Narendra Modi, primo ministro indiano, ha affermato sui social media che l’India è “pronta a fornire tutta l’assistenza possibile”.

Situato sull’Himalaya sismicamente attivo, dove si incontrano le placche tettoniche indiana ed eurasiatica, il Nepal ha una storia di terremoti devastanti che risale a secoli fa.

Quasi 9.000 persone sono state uccise in un paio di terremoti nel 2015, a 50 miglia dalla densamente popolata Kathmandu. Interi villaggi sono stati rasi al suolo, centinaia di migliaia di nepalesi sono rimasti senza casa e ancora oggi è in corso un processo di ricostruzione del valore complessivo di 6 miliardi di dollari.

Gli esperti avvertono che, oltre alla geologia, il Nepal è particolarmente vulnerabile ai terremoti a causa della scarsa qualità dei suoi edifici.

Xie ha riferito da Nuova Delhi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto