Johnston: I giocatori di Coyotes affrontano la “guerra mentale” e l'incertezza man mano che un potenziale trasferimento si avvicina

Quella che era già una stagione lunga e difficile per gli Arizona Coyotes è diventata decisamente dura mercoledì quando le porte si sono aperte alla notizia delle discussioni in corso nella NHL per trasferire potenzialmente la squadra a Salt Lake City.

La notizia è arrivata poche ore prima della 79esima partita di quella che è stata una campagna incredibilmente impegnativa per i giocatori e lo staff dei Coyote. Non solo hanno continuato a giocare in una struttura universitaria spartana di cui non sono l'inquilino principale, ma lo hanno fatto in mezzo a un turbinio di vari rapporti e voci sul futuro del franchise.

Il peso di ciò è già crollato sui giocatori negli ultimi mesi, secondo l'ex compagno di squadra Matt Dumba, che è stato ceduto dai Coyote ai Tampa Bay Lightning l'8 marzo.

“È stato decisamente sentito”, ha detto Dumba. L'atleta. “Provi quella sensazione ogni giorno che entri allo Stadio Mollet. Non è facile per questi ragazzi. Mi dispiace per loro. L'incertezza su cosa accadrà in futuro – voglio dire, può continuare, sai? Quando le cose andranno bene se non va bene, è ancora più diffuso.

“È una specie di guerra mentale per questi ragazzi.”

Il futuro dei Coyote non è ancora stato deciso: ai giocatori è stato detto che potrebbero rimanere alla Mullett Arena da 4.600 posti di Tempe la prossima stagione se le attuali voci di un trasferimento nello Utah crollassero, secondo molteplici fonti vicine alla situazione. Non è una decisione. È facile per loro scendere sul ghiaccio a Vancouver mercoledì sera poiché l'argomento è ora una conversazione pubblica aperta.

Tuttavia, hanno vinto 4-3 ai supplementari, lasciando tutte le loro chiacchiere sul ghiaccio: lo staff delle pubbliche relazioni della squadra ha detto ai giornalisti che i giocatori non avrebbero parlato di “voci di trasferimento”.

READ  Jordan Travis, QB della Florida State, ha preso il via dopo un infortunio alla gamba

Quando è stato chiesto dopo la partita se lo spogliatoio fosse aperto secondo i regolamenti della NHL, Coyotes PR ha indirizzato i giornalisti verso uno sfondo adiacente, secondo L'atletaTommaso Drence. L'unico giocatore che si è presentato lì è stato Logan Cooley, e ha risposto alle domande esclusivamente di un reporter televisivo della squadra prima che la riunione venisse bruscamente interrotta.

L'Arizona non ha tenuto un allenamento a Edmonton giovedì e lì affronterà gli Oilers venerdì.

Le speculazioni su un potenziale trasferimento dei Coyote si sono intensificate alla fine di gennaio dopo che Smith Entertainment Group ha presentato una richiesta formale alla NHL chiedendo alla lega di aprire un processo di espansione in modo da poter portare una squadra nello Utah. Ha indicato che potrebbero ospitare una squadra NHL già a partire dalla stagione 2024-25, utilizzando il Delta Center su base temporanea mentre viene costruita una nuova arena.

Una settimana dopo, il direttore esecutivo della NHLPA Marty Walsh ha parlato dell'incapacità dell'Arizona di fare progressi su una nuova arena propria mentre parlava ai giornalisti durante il fine settimana dell'NHL All-Star: “La prossima scadenza per me è domani. Sta nevicando. adesso.”

Tutto è coinciso con l'inizio del periodo che ha affondato la stagione dei Lupi. Dumba crede che i Coyote abbiano giocato un buon hockey durante quel periodo 0-12-2 dal 24 gennaio al 29 febbraio, ma sono stati ostacolati dal numero crescente di distrazioni fuori dal ghiaccio.

“Solo incertezza, non lo so”, ha detto Dumba, “non credo che nessuno lo sappia. È difficile per i ragazzi che hanno famiglia o per i ragazzi che vivono lì da molto tempo e hanno una casa propria.

READ  FP1: Sainz davanti a Leclerc e Russell mentre inizia lo Sprint Weekend a San Paolo

“Non sai mai quando potrebbe esserti tolto da sotto i piedi.”

Questo non accadeva a una squadra della NHL da quando, il 31 maggio 2011, è arrivata la notizia che gli Atlanta Thrashers erano stati venduti e trasferiti a Winnipeg per la stagione successiva.

Secondo Thrasher Evander Kane dell'epoca, la mossa arrivò quasi completamente fuori stagione per i giocatori. Ricorda di aver sentito qualche lamentela quando entrarono in campo quell'estate, ma lui e i suoi compagni di squadra pensavano di essere al sicuro perché la NHL sembrava avere a che fare con una situazione di franchigia più importante.

“Tutti pensavano che se qualcuno sarebbe andato per primo, sarebbe stato l'Arizona”, ha detto Kane. L'atleta. “E sono ancora qui oggi in cerca di casa”.

Essendo un giocatore con solo due anni di esperienza in NHL e senza profonde radici ad Atlanta, l'inconveniente che Kane dovette affrontare a quel punto fu relativamente minore. Stava affittando un appartamento e ha dovuto rescindere il contratto di locazione come parte del suo rapido trasferimento al nord.

“Ho appena compiuto 20 anni”, ha detto Ken. “Single, senza figli. Per me, trasferirmi da Atlanta a Winnipeg è un grande cambiamento, ma non riesco nemmeno a immaginare se avessi una moglie, una fidanzata e dei figli, come hai oggi. Non sarebbe l'ideale. “

“L'incertezza è ciò che uccide anche te, non è vero?”

Anche se la maggiore possibilità di trasferirsi dall’Arizona potrebbe avvantaggiare i giocatori nel loro insieme – una franchigia con sede nello Utah genererebbe sicuramente ricavi più elevati rispetto a una squadra che gioca in una struttura universitaria – non è stata accolta come una notizia gradita da molti. Su base individuale.

Ciò include coloro che hanno costruito case a lungo termine nella zona e amano lo stile di vita. Puoi anche contare il numero crescente di giocatori della NHL cresciuti in Arizona e attratti da questo sport grazie ai Coyote.

READ  Howie Roseman spiega perché gli Eagles hanno scambiato per Albert Okwuegbunam - NBC Sports Philadelphia

“Spero che possano restare lì, ma è fuori dal mio controllo”, ha detto l'attaccante dei Maple Leafs Matthew Kniss, cresciuto a Phoenix. “Non sono molto contento di questa situazione, ma è quello che è.”

L'incapacità dei Coyote di garantire la corretta configurazione dell'arena è in definitiva ciò che ha portato l'organizzazione a questo punto.

Prima di trasferirsi alla Mullett Arena prima della stagione 2022-23, la squadra ha costruito spogliatoi in edifici adiacenti che richiedevano lunghe passeggiate sulla superficie del ghiaccio. Il pubblico è ovviamente piccolo per gli standard NHL e spesso pende a favore delle squadre ospiti in termini di supporto. Anche quando i Coyote si allenano all'Ice Den di Scottsdale, i giocatori si cambiano in un'area abbastanza lontana da poter portare alcuni sulla pista con i golf cart.

“Guarda, hanno fatto del loro meglio con quello che dovevano fare”, ha detto Keane. “Ma ci sono aspettative sulla NHL e su cosa sia e quale sia lo standard, e sicuramente non è questo.”

Dumba in realtà ha scelto i Coyote tra molti altri corteggiatori interessati come agente libero la scorsa estate. Possedeva un investimento immobiliare in Arizona dopo essersi innamorato della zona all'inizio della sua carriera.

“Se la pista e tutto il resto verranno sistemati, sarà uno dei posti migliori in cui giocare nella (NHL)”, ha detto Dumba. “Se riesci a capirlo, metterai i ragazzi in free agency. Sarà abbastanza facile.

“Non penso che dovresti torcere le braccia a troppe persone per sopravvivere in Arizona.”

Puoi acquistare i biglietti per ogni partita della NHL Qui.

(Foto: Norm Hall/NHLI tramite Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto