La Cina, il più grande produttore mondiale di grafite, sta limitando le esportazioni di materiali chiave per le batterie

I camion passano dai container al porto in acque profonde di Yangshan a Shanghai, Cina, il 13 gennaio 2022. Foto scattata il 13 gennaio 2022. REUTERS/Ali Song/file Foto Ottenere i diritti di licenza

PECHINO (Reuters) – La Cina ha dichiarato venerdì che cercherà permessi di esportazione per alcuni prodotti di grafite per proteggere la sicurezza nazionale, nella sua ultima mossa per controllare le forniture del minerale vitale in risposta alle sfide al suo dominio industriale globale.

La Cina è il più grande produttore ed esportatore di grafite al mondo. Inoltre, oltre il 90% della grafite mondiale viene trasformata nel materiale utilizzato in quasi tutti gli anodi delle batterie dei veicoli elettrici, ovvero la parte caricata negativamente della batteria.

Pechino richiede permessi di esportazione in un momento in cui molti governi stranieri stanno aumentando la pressione sulle aziende cinesi riguardo alle loro pratiche industriali.

L’Unione Europea sta valutando la possibilità di imporre tariffe sulle auto elettriche prodotte in Cina, sostenendo che beneficiano ingiustamente dei sussidi. Inoltre, all’inizio di questa settimana il governo degli Stati Uniti ha ampliato le restrizioni sull’accesso delle aziende cinesi ai semiconduttori, compreso il blocco delle vendite di chip AI più avanzati prodotti da Nvidia.

Il Ministero del Commercio cinese ha affermato che la mossa “favorisce a garantire la sicurezza e la stabilità della catena di approvvigionamento globale e della catena industriale, e favorisce una migliore protezione della sicurezza e degli interessi nazionali”.

Ha aggiunto che non prende di mira nessun paese specifico. Secondo i dati doganali cinesi, i principali acquirenti di grafite dalla Cina includono Giappone, Stati Uniti, India e Corea del Sud.

READ  Litecoin guida Cardano 12x su questo fronte: cosa sta succedendo?

In base alle nuove restrizioni, dal 1° dicembre, la Cina richiederà agli esportatori di richiedere i permessi per spedire due tipi di grafite, tra cui grafite sintetica ad elevata purezza, elevata durezza e alta densità e scaglie e prodotti di grafite naturale.

Il Ministero del Commercio ha affermato che tre tipi di elementi di grafite “altamente sensibili” sono già stati soggetti a controllo temporaneo e sono inclusi nel nuovo elenco.

Allo stesso tempo, sono stati eliminati i controlli temporanei su cinque elementi meno sensibili della grafite utilizzata nelle industrie di base come acciaio, metalli e prodotti chimici.

Con l’aumento delle vendite di veicoli elettrici, le case automobilistiche stanno facendo a gara per assicurarsi le forniture dall’esterno della Cina, ma la carenza incombe.

“Con queste nuove restrizioni all’esportazione di grafite, le aziende sudcoreane che fanno molto affidamento sulla Cina per le importazioni di grafite dovranno cercare alternative, come le miniere degli Stati Uniti o dell’Australia, ma questo probabilmente aumenterà il peso dei costi per molti”, Kang Dong detto.. -Jin, analista di Hyundai Motor Securities.

Il portavoce del governo giapponese Hirokazu Matsuno ha detto venerdì che il Paese intende chiedere alla Cina le “politiche operative” delle nuove misure e che adotterà “misure appropriate” se violano le regole dell’Organizzazione mondiale del commercio.

Le azioni delle nuove società energetiche e dei produttori di batterie in Cina sono aumentate dopo questo annuncio.

Barriere simili

Le restrizioni sono simili a quelle imposte dal 1° agosto su due metalli utilizzati nella fabbricazione di chip: gallio e germanio. Le restrizioni hanno recentemente ridotto le esportazioni di questi minerali e aumentato i prezzi al di fuori del paese.

READ  OpenAI si dirige a Hollywood per promuovere il film rivoluzionario Sora

Gli analisti hanno affermato che non era chiaro quale impatto avrebbero le nuove misure sulla grafite nel breve termine.

“Questo controllo non è un divieto totale e non c’è stato alcun impatto significativo su nessun settore durante il precedente controllo temporaneo”, ha affermato Evan Lam, analista senior di Counterpoint Research.

Secondo Mysteel, i prezzi dei fiocchi di grafite naturale hanno raggiunto 3.950 yuan (539,62 dollari) per tonnellata questa settimana, in calo del 25,5% rispetto all’inizio di quest’anno a causa della minore domanda da parte del settore dei veicoli elettrici.

Tuttavia, è probabile che le esportazioni aumentino prima del 1° dicembre, soprattutto verso i paesi con industrie di batterie ben consolidate come il Giappone, la Corea del Sud e gli Stati Uniti, ha affermato Echo Ma, analista di Rystad Energy.

“Crediamo che il prezzo medio della grafite continuerà a salire in futuro a causa degli squilibri tra domanda e offerta, inclusa la Russia, che era uno dei principali fornitori di grafite prima della guerra russo-ucraina”, ha detto Lam di Counterpoint.

Negli ultimi anni la Cina ha ridotto l’estrazione di grafite naturale per proteggere l’ambiente, e dal 2021 ha invece aumentato la produzione di grafite sintetica. Secondo la società di consulenza Mysteel, la forma sintetica ora rappresenta il 70% della produzione cinese.

Grafica Reuters

($1 = 7,3200 yuan cinesi)

(Segnalazione di Siyi Liu, Amy Love e Dominic Paton a Pechino, Brenda Goh a Shanghai e Heikung Yang a Seul – Preparato da Muhammad per l’Arab Bulletin) Montaggio di Christopher Cushing e Christian Schmollinger

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto