La NASA rivela le mappe dell’inquinamento raccolte dallo strumento spaziale TEMPO

La NASA ha pubblicato le prime mappe del suo nuovo strumento per l’inquinamento spaziale, TEMPO (Tropospheric Emissions: Pollution Monitoring). Anche se non saresti sorpreso di apprendere che rivela tassi di inquinamento più elevati nelle aree urbane, lo strumento potrebbe aiutare gli scienziati a studiare meglio la qualità dell’aria nel Nord America 24 ore su 24. “I quartieri e le comunità di tutto il paese trarranno vantaggio dai dati TEMPO che cambieranno le regole del gioco per i decenni a venire”, ha scritto oggi l’amministratore della NASA Bill Nelson in un comunicato stampa.

Lo strumento, che è stato lanciato in aprile e orbita a 22.000 miglia sopra l’equatore, potrebbe aiutare gli scienziati a studiare meglio gli effetti sulla salute degli inquinanti “su scala locale”. Può effettuare misurazioni orarie, fornendo informazioni sugli effetti del traffico nelle ore di punta, del fumo e delle ceneri degli incendi e di come i fertilizzanti influenzano il paese agricolo. Lo strumento misura la luce solare che rimbalza sulla superficie terrestre, sull’atmosfera e sulle nuvole. La NASA ha spiegato che “i gas nell’atmosfera assorbono la luce solare e gli spettri risultanti vengono quindi utilizzati per determinare le concentrazioni di diversi gas nell’aria, compreso il biossido di azoto”.

La NASA afferma che condividerà i suoi dati con agenzie partner, tra cui l’Environmental Protection Agency (EPA) e la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA). Da quando hanno effettuato le prime misurazioni all’inizio di questo mese, le squadre sono state impegnate a controllare e calibrare i sistemi satellitari prima dell’inizio delle regolari operazioni orarie in ottobre. E la NASA vede i dati come un vantaggio nel perseguimento degli obiettivi climatici dell’amministrazione Biden.

READ  Il primo volo spaziale Starliner della Boeing è stato interrotto all'ultimo minuto

NASA

Lo strumento lo ha rispedito indietro Prime foto Il 2 agosto, mostra il corridoio I-95 nel nord-est (aree di New York, Filadelfia e Washington, D.C.), una parte del sud (Texas centrale e orientale che si estende fino a New Orleans) e una parte del sud-ovest ( da Los Angeles a New Orleans e Las Vegas). Come previsto, le mappe rivelano una densa concentrazione di biossido di azoto sulle città e la sua espansione nelle periferie.

“Viste dettagliate di tre regioni mostrano livelli elevati di biossido di azoto sulle città al mattino e livelli aumentati di biossido di azoto sulle principali autostrade”, ha scritto oggi la NASA. “Con l’avanzare della giornata, l’inquinamento mattutino spesso si dissipa. Più tardi nel pomeriggio, riprenderà quando le città entreranno nella seconda ora di punta della giornata.

“Quest’estate, milioni di americani hanno sperimentato in prima persona l’impatto del fumo degli incendi sulla nostra salute”, ha detto Nelson. “La NASA e l’amministrazione Biden-Harris sono impegnate a rendere i dati TEMPO più facili da accedere e utilizzare per gli americani comuni e i politici per monitorare e migliorare la qualità dell’aria che respiriamo, a beneficio della vita qui sulla Terra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto