La Russia prevede di sequestrare i beni delle società occidentali che si ritirano | Russia

La Russia ha elaborato piani per confiscare i beni delle società occidentali che lasciano il paese mentre il Cremlino si oppone a sanzioni radicali e all’esodo delle società internazionali dall’invasione dell’Ucraina.

La mossa è stata annunciata dopo che una serie di società globali ha dichiarato che avrebbero sospeso le loro operazioni in Russia questa settimana, Compresi McDonald’s, Coca-Cola e PepsiIl ministero dell’Economia del paese ha affermato che potrebbe assumere il controllo temporaneo dell’abbandono delle società poiché la proprietà straniera supera il 25%.

Parlando tramite un collegamento video con i membri del suo gabinetto giovedì, Vladimir Putin ha affermato che il Cremlino potrebbe trovare modi legalmente praticabili per sequestrare società internazionali. Putin ha detto che il governo spingerà per “l’introduzione di un’amministrazione esterna e poi il trasferimento di queste aziende a coloro che vogliono davvero lavorare”. “Ci sono abbastanza strumenti legali e di mercato per questo”.

Mikhail Mishustin, primo ministro russo, ha affermato che mentre la maggior parte delle aziende ha temporaneamente sospeso le operazioni, la situazione sarà monitorata da vicino e sarà possibile utilizzare le misure per “entrare in una gestione esterna”.

La mossa arriva quando i governi occidentali cercano di esercitare la massima pressione su Putin dopo l’invasione dell’Ucraina attraverso la dichiarazione Restrizioni rigorose alle importazioni di petrolio e gas russi Oltre alle sanzioni pecuniarie e Congelamento dei beni dell’eminente oligarchia.

Oltre alle sanzioni ufficiali, le maggiori società occidentali e Marchi importanti hanno adottato misure per uscire completamente dal paese o sospendere le operazioni In risposta all’invasione, inclusi Starbucks e McDonald’s. La Shell ha annunciato i suoi piani per ritirarsi dal petrolio e dal gas russoBP ha affermato che avrebbe abbandonato le sue partecipazioni in grandi progetti, mentre Unilever ha affermato che avrebbe interrotto le importazioni e le esportazioni nel paese.

READ  Funzionari di Biden hanno affermato che la Russia ha chiesto alla Cina assistenza militare ed economica per la guerra in Ucraina

il re degli hamburger annunciato giovedì Sospenderà tutto il suo supporto istituzionale al mercato russo, comprese le operazioni, il marketing e la catena di approvvigionamento. L’azienda non gestisce ristoranti direttamente nel paese, con il marchio invece gestito da partner in franchising locali.

Riassumendo la risposta del Cremlino al suo crescente isolamento internazionale, l’ex presidente russo Dmitry Medvedev ha affermato che sta utilizzando una “risposta coerente” alle sanzioni imposte dall’Occidente, “compresa l’espropriazione e la possibile nazionalizzazione di attività straniere”.

“Lo stesso vale per il rifiuto delle compagnie straniere di lavorare nel nostro Paese”, ha scritto in un post sul sito di social network VKontakte, accusando le compagnie occidentali che lasciano il Paese di essere “stupide per aver ballato sulle note di Washington e Bruxelles”.

Ha detto che Mosca risponderà “sostanzialmente e duramente” alle partenze, aggiungendo: “Qualunque sia il motivo della migrazione di massa, le compagnie straniere devono capire che non sarà facile tornare nel nostro mercato”.

Giovedì la Russia ha annunciato piani volti a fare pressione sull’Occidente attraverso sanzioni economiche, anche attraverso divieto di esportazione Su legno, dispositivi elettronici e comunicazioni.

Mosca ha anche approvato leggi per sequestrare 10 miliardi di dollari (7,6 miliardi di sterline) di aeromobili noleggiati ad Aeroflot e ad altre compagnie aeree russe da organizzazioni occidentali.

Arriva quando la Russia è vicina all’insolvenza sul debito pubblico, con le agenzie di rating che avvertono di un “imminente” fallimento in una mossa che potrebbe portare a perdite finanziarie per i detentori di obbligazioni sovrane russe.

Giovedì l’economista capo della Banca mondiale, Carmen Reinhart, ha affermato che sia la Russia che la Bielorussia erano “quadrate nell’ipotetica regione” in un’intervista a Reuters. Fitch ha abbassato il rating sovrano della Russia a “spazzatura” all’inizio di questa settimana, avvertendo che è sempre più probabile che il governo faccia marcia indietro sui suoi impegni di pagamento.

READ  Gli Stati Uniti affermano di avere informazioni credibili sulla "lista delle vittime" della Russia nella possibile invasione dell'Ucraina

La Russia effettuerà pagamenti di circa 117 milioni di dollari sui prestiti del governo in dollari USA mercoledì della prossima settimana. Tuttavia, sono stati sollevati dubbi sul fatto che i pagamenti delle cedole avverranno tra le sanzioni occidentali alla Banca centrale russa e agli istituti di credito commerciali, nonché le misure di ritorsione annunciate da Mosca.

Reinhart ha affermato che l’impatto sul sistema finanziario globale è stato finora limitato, sebbene abbia avvertito che potrebbero sorgere rischi Europa. Circa la metà delle obbligazioni internazionali russe sono di proprietà di investitori stranieri. Le banche estere hanno esposizioni per oltre 121 miliardi di dollari in Russia, e gran parte di questo è concentrato tra gli istituti di credito europei, secondo i dati della Banca dei regolamenti internazionali.

“Sono preoccupato per ciò che non vedo”, ha detto Reinhart. “Le istituzioni finanziarie sono ben capitalizzate, ma i bilanci sono spesso opachi… C’è un problema di default del settore privato russo. Non si può essere compiacenti”.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,515FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles