L’attacco della Russia all’Ucraina ha mandato in tilt i mercati, con il prezzo del petrolio che è crollato a 105 dollari al barile.

I prezzi del petrolio sono saliti a oltre 105 dollari al barile per la prima volta dal 2014, i futures europei sul gas naturale sono aumentati del 31% e gli indici azionari globali sono crollati. Come giovedì La Russia lancia l’invasione dell’UcrainaEsacerba le turbolenze del mercato guidate dai timori di un attacco su vasta scala negli Stati Uniti e in Europa.

Il business di Wall Street era pronto per lo scivolone quando è iniziato, indicando un calo del 2% nel futuro S&P 500.

Dopo il forte calo degli indici asiatici, l’indice Stoxx Europe 600 è sceso del 3,6%, mentre l’indice Hong Kong Hong Kong Sheng ha perso il 3,2%.

A livello globale, il prezzo del greggio Brent è salito di oltre l’8% a 105,32 dollari al barile. Anche il greggio West Texas Intermediate è salito dell’8%, superando i 100 dollari al barile per la prima volta in sette anni.

I futures pre-mensili olandesi sul gas, lo standard europeo per il gas naturale, sono aumentati del 31% all’inizio delle negoziazioni a 116,5 euro per megawattora. La Russia fornisce circa un terzo del gas dell’UE, parte del quale passa attraverso gasdotti in Ucraina.

I titoli bancari globali stanno scendendo più rapidamente rispetto ai mercati generali poiché i settori finanziari difficili sono attivi contro la Russia. Le azioni delle banche europee con le maggiori operazioni russe sono in calo: l’austriaco Raiffeisen ha perso il 17 per cento, mentre l’italiana UniCredit e la francese Société Générale hanno perso l’11 per cento del loro valore a inizio contrattazione.

A Mosca, le azioni sono scese e il rublo è sceso al minimo storico nei confronti del dollaro. L’indice azionario MOEX Russia ha perso quasi un terzo del suo valore. Il mercato azionario russo ha chiuso la sessione del giorno precedente alle 10:00 ora locale e ha ripreso a negoziare.

READ  "Abbiamo finito": gli avvocati dell'immigrazione lasciano l'amministrazione Biden

I mercati mondiali hanno registrato negli ultimi giorni cali diffusi. Stoxx Europe 600 è sceso dello 0,3% mercoledì. L’S&P 500 ha registrato il suo quarto giorno consecutivo di perdite, perdendo l’1,8% e scendendo più in profondità nell’area correttiva, oltre il 10% dai recenti massimi. Ora è al picco del 3 gennaio dell’11,9%.

Le notizie provenienti dall’Ucraina si sono rivelate pessime Giovedi. Il presidente russo Vladimir V. Putin ha ordinato il lancio di una “operazione militare speciale” e il governo ucraino ha confermato che diverse città erano state attaccate. Gli attacchi informatici hanno anche distrutto le istituzioni governative in Ucraina.

Il mercato azionario di Mosca ha smesso di essere scambiato e il rublo è sceso al minimo storico contro le principali valute.

L’invasione su vasta scala potrebbe avere effetti di vasta portata su prodotti tra cui petrolio, gas naturale, grano e metalli. L’Europa fa molto affidamento sulla Russia per l’energia. Anche se le catene di approvvigionamento rimangono le stesse e le esportazioni russe non sono interessate da sanzioni, Mr.

Alcune delle esportazioni russe vanno direttamente negli Stati Uniti, ma le interruzioni altrove potrebbero far salire i prezzi, prolungando l’inflazione che si è già trascinata più a lungo del previsto. La Federal Reserve ha indicato che si prepara ad aumentare i tassi di interesse, con l’obiettivo di ridurre l’inflazione tagliando i costi e trattenendo i tempi di consegna. Ma tassi più alti rallenteranno la crescita, e farlo mentre i mercati sono già in calo sono rischi che prolungheranno la caduta.

READ  40 La migliore palle da tennis del 2022 - Non acquistare una palle da tennis finché non leggi QUESTO!

Le azioni statunitensi hanno oscillato con una correzione durante la settimana poiché gli investitori si preoccupavano della rapidità con cui la Federal Reserve avrebbe alzato i tassi. L’S&P 500, il benchmark statunitense, è sceso diverse volte oltre la soglia del 10% nel trading intraday, ma è salito alla fine del trading. I titoli tecnologici, in particolare, sono scesi ben lontano dal loro picco e il mix Nasdaq ricco di tecnologia è inferiore del 18,8% rispetto al record di novembre. Questo segna un cambiamento ancora peggiore nel sentiment a Wall Street: un mercato ribassista o un calo del 20%.

Anton Troyanovsky Rapporto contribuito.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,503FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles