Le azioni Disney stanno crollando mentre la società cerca di rendere redditizia la sua attività di streaming

Disney (DIS) ha dichiarato martedì che una parte significativa della sua attività di streaming ha realizzato un profitto per la prima volta, ma si aspetta risultati più deboli in quel segmento durante il trimestre in corso, facendo crollare le sue azioni di quasi il 10% nelle prime negoziazioni.

La previsione evidenzia le sfide che Disney deve affrontare nel raggiungere una redditività sostenibile nello streaming, una priorità chiave in un momento in cui il suo business della TV lineare è in declino. Nel complesso, l’ultimo piano di risanamento del CEO Bob Iger ha reso gli investitori più ottimisti riguardo al titolo negli ultimi mesi. La società ha anche ottenuto un’altra vittoria in una lotta per procura di alto profilo contro l’investitore attivista Nelson Peltz.

Nel secondo trimestre fiscale di Disney, la parte direct-to-consumer (DTC) delle sue attività di intrattenimento, che comprende Disney+ e Hulu, ha generato un utile operativo di 47 milioni di dollari, rispetto a una perdita di 587 milioni di dollari nello stesso periodo dell’anno precedente.

La società ha dichiarato di aspettarsi che i risultati DTC nel segmento dell’intrattenimento saranno in rosso nel terzo trimestre, a causa delle perdite del suo marchio indiano Disney+ Hotstar.

Inoltre, non tutti i servizi di streaming Disney hanno registrato profitti nel secondo trimestre. Includendo ESPN+, le perdite dirette al consumatore ammontano a 18 milioni di dollari rispetto alla perdita di 659 milioni di dollari riportata nello stesso periodo dell’anno precedente. Disney prevede la piena redditività dello streaming entro il quarto trimestre di quest’anno.

La società ha riportato un utile rettificato per il secondo trimestre di 1,21 dollari per azione, una vittoria rispetto agli 1,10 dollari attesi dagli analisti intervistati da Bloomberg e superiore agli 0,93 dollari riportati da Disney nel secondo trimestre del 2023.

READ  Gli obiettivi di guadagno falliscono quando i consumatori diminuiscono. Le azioni vacillano.

I ricavi sono stati di 22,1 miliardi di dollari, soddisfacendo le aspettative di consenso e superando i 21,82 miliardi di dollari dichiarati dalla società nello stesso periodo dell’anno scorso.

Disney ha inoltre aumentato la guidance sulla crescita degli utili rettificati per l’intero anno al 25%, rispetto al precedente 20%. Tuttavia, la Disney ha subito un duro colpo dopo aver fuso la sua attività Star India con Reliance Industries, riportando perdite di valore per oltre 2 miliardi di dollari.

“Le indicazioni sullo streaming di intrattenimento soft per il prossimo trimestre potrebbero smorzare l’entusiasmo. Tuttavia, le notizie di oggi rafforzano la tesi di Iger secondo cui la Disney è nel mezzo di una svolta tanto attesa”, ha detto l’analista di KeyBanc Brandon Nispel in una nota dopo i risultati del secondo trimestre.

Nispel ha anche osservato che gli investitori potrebbero considerare le tiepide prospettive della Disney per le sue attività, che includono i parchi a tema, come un “negativo” per il titolo. La società ha affermato che l’utile operativo del terzo trimestre per il segmento dovrebbe essere “più o meno paragonabile a quello dell’anno precedente”.

Durante la presentazione degli utili, il CFO della Disney Hugh Johnston ha affermato che la società ha visto “alcune prove di moderazione globale dal picco di viaggi post-coronavirus” nei suoi parchi a tema. Ha inoltre osservato che l’aumento dei costi e l’inflazione potrebbero avere un impatto sui profitti.

Nel secondo trimestre, il gigante dei media ha registrato un aumento nell’aggiunta di abbonati Disney+ poiché gli abbonati Charter Cable hanno iniziato a ricevere abbonamenti gratuiti come parte dei loro pacchetti.

READ  La cinese Evergrande afferma che le sue perdite si sono ridotte del 50% nella prima metà del 2023

Disney ha aggiunto più di 6 milioni di abbonati Disney+ di base nel secondo trimestre, superando le proprie indicazioni e superando facilmente la stima di consenso di Bloomberg di 4,7 milioni.

L’azienda ha inoltre registrato uno slancio positivo continuo nel ricavo medio per utente, o ARPU, tra i recenti aumenti dei prezzi e un giro di vite sulla condivisione delle password. Le entrate medie per utente (ARPU) sono aumentate sequenzialmente di $ 0,44 fino a raggiungere $ 7,28.

“Penso che nel tempo vedrete un aumento costante dei prezzi sul servizio di streaming perché vale la pena pagare per i contenuti che abbiamo”, ha detto martedì Johnston al direttore esecutivo di Yahoo Finance, Brian Suozzi.

Nel frattempo, il business dei parchi a tema ha prodotto un altro ottimo trimestre di risultati con un utile operativo nazionale in aumento a 1,61 miliardi di dollari rispetto a 1,52 miliardi di dollari dell’anno precedente.

La società ha attribuito questo aumento ai maggiori profitti di Walt Disney World Resort e Disney Cruise Line, parzialmente compensati dai risultati inferiori di Disneyland Resort.

Il CEO della Disney, Bob Iger, ha recentemente guidato l’azienda attraverso una lotta per procura con l’investitore attivista Nelson Peltz.  (Foto di VCG/VCG tramite Getty Images)

Il CEO della Disney, Bob Iger, ha recentemente guidato l’azienda attraverso una lotta per procura con l’investitore attivista Nelson Peltz. (VCG/VCG tramite Getty Images) (VCG tramite Getty Images)

Nel frattempo, il reddito operativo nazionale di ESPN è sceso del 9% su base annua a 780 milioni di dollari, penalizzato dalle minori entrate di affiliazione e dal minor numero di abbonati poiché un numero maggiore di consumatori ha interrotto il servizio. La società ha anche attribuito i risultati all’aumento dei costi di produzione dovuti alla programmazione del College Football Playoff (CFP).

READ  L’S&P 500 tocca un nuovo massimo storico poiché gli investitori ignorano i dati sull’inflazione piatta

La situazione è stata simile per i ricavi della rete lineare nazionale nella divisione intrattenimento, che sono diminuiti dell’11% su base annua nel trimestre. Il risultato operativo del settore è diminuito del 18%. Ciò è stato attribuito anche ai minori ricavi di affiliazione, insieme ai minori ricavi pubblicitari.

A febbraio, la Disney ha raddoppiato i suoi sforzi nello streaming sportivo svelando un’imminente partnership di joint venture con Fox e Warner Bros. Scoperta. La società sta anche lavorando su una piattaforma di streaming sportivo separata per ESPN, il cui debutto è previsto nell’autunno del 2025.

Per quanto riguarda lo sport, secondo quanto riferito, la Disney ha accettato di aumentare il suo accordo sui diritti mediatici con la NBA a 2,6 miliardi di dollari, rispetto agli 1,5 miliardi di dollari precedenti. L’attuale accordo sui diritti NBA scade alla fine della prossima stagione.

Canale di Alessandra È un reporter senior presso Yahoo Finance. Seguitela su X @allie_canal, linkedin, E invialo via email a alexandra.canal@yahoofinance.com.

Per gli ultimi rapporti e analisi sugli utili, voci e previsioni sugli utili e notizie sugli utili aziendali, fare clic qui

Leggi le ultime notizie finanziarie e commerciali da Yahoo Finanza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto