L'impatto di Kaitlyn Clark ha reso il basket femminile uno dei biglietti più in voga di tutti i tempi

  • Scritto da Brandon Drennon
  • Notizie della BBC, Washington

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto,

Caitlin Clark gioca per l'Iowa State

Ha descritto la scena come “caos controllato”.

Decine di persone si sono messe in fila lungo l'isolato e dietro l'angolo per raggiungere Sports Bra a Portland, Oregon, il primo bar al mondo che, secondo la proprietaria Jenny Newgen, propone solo sport femminili.

Il fatto che fosse mezzogiorno di lunedì non ha smorzato l'entusiasmo della folla, né ha impedito loro di bere “tre volte” la quantità di drink che avrebbero normalmente.

Erano lì per guardare un'epica partita di campionato di basket femminile del college tra gli Iowa Hawkeyes e gli LSU Tigers, guidati dalle star Caitlin Clark e Angel Reyes.

Dai fan di Sports Bra alle celebrità Lebron James e Travis Scott, più di 12 milioni di spettatori si sono sintonizzati. È stata la partita di basket universitaria più vista di sempre, sia per le donne che per gli uomini.

“La partita è stata emozionante”, ha detto Newgen, ricordando l'atmosfera che ha visto la vittoria dell'Università dell'Iowa sulla Louisiana State University, una vittoria guidata da Clark, che ha segnato 41 punti.

“Seguo il basket femminile da decenni. Sento che tutti si stanno aggiornando… era ora”, ha aggiunto.

La National Collegiate Athletic Association (NCAA) ospita il torneo di basket noto come March Madness dal 1939.

In sole tre settimane, 68 delle migliori squadre universitarie vengono selezionate per formare un unico campione.

L'evento annuale è una frenesia mediatica con milioni di fan che guardano le partite 24 ore su 24 per giorni e giorni.

Per decenni questo si è applicato solo al torneo maschile. Non più.

I prezzi dei biglietti per il torneo femminile di quest'anno costano in media il doppio di quello maschile, pari a $ 11.000 (£ 8.736).

Uno dei motivi per cui questo è un “momento spartiacque nel basket femminile” è il talento generazionale come Kaitlyn Clark dell'Iowa State, ha detto la giornalista di Front Office Sports Amanda Kristovich.

Un’altra ragione, ha detto, è che la spinta per l’uguaglianza di genere negli sport universitari ha raggiunto un nuovo livello.

Nel 2024, la NCAA ha firmato un contratto televisivo con ESPN che valorizza il torneo femminile a 65 milioni di dollari all'anno, più di 10 volte il tasso precedente. Meno di cinque anni fa non era nemmeno possibile guardare tutte le partite del torneo femminile NCAA nelle trasmissioni nazionali.

Il palco più grande ha dato una piattaforma più grande alle star più grandi. Clark, probabilmente il nome più importante di questo sport al momento, è stato il principale motore dell'ultimo furore.

L'anziana del college ha segnato più di 3.900 punti nella sua carriera, più di qualsiasi altro atleta universitario, maschio o femmina, nella storia della NCAA.

Spiegazione video,

Kaitlyn Clark: la star dell'Iowa batte i record dentro e fuori dal campo

Cos'è l'effetto Caitlin Clark?

Kaitlin Clark è una guardia dell'Iowa di 22 anni affascinante, controversa, da prima pagina e chiacchierona, considerata uno dei più grandi giocatori di basket nella storia del college.

Vince le partite. Molti giochi. Batte i record. Molti record. Gli stadi sono pieni di un vasto pubblico desideroso di vederla.

Molti sperano di assistere ai suoi famosi tiri da tre punti dalla lunga distanza.

Si trova a decine di metri dal canestro, a volte al centro del campo, e tira senza sforzo la palla sopra le teste dei suoi avversari. La distanza spesso sfida la portata media di un giocatore collegiale.

Clark ha recentemente battuto il record per il maggior numero di tiri da tre punti realizzati in una stagione, un record precedentemente detenuto dal giocatore professionista Steph Curry.

Fonte immagine, USA Today Sport

Commenta la foto,

Kaitlyn Clark mette a segno una tripla

Il suo potere da star, punteggiato da oltre un milione di follower su Instagram, ha attirato una sfilza di nuovi fan verso questo sport. Le persone viaggiano per migliaia di chilometri e spendono migliaia di dollari solo per vederlo.

Il fenomeno del suo effetto è stato chiamato effetto Caitlin Clark.

Come nel caso di Taylor Swift, il suo aspetto non solo fa aumentare i prezzi dei biglietti, ma fa anche salire i prezzi degli hotel e comprime gli elenchi di prenotazione per i ristoranti vicini.

“È una giocatrice unica in una generazione. È fantastica. Sta diventando virale”, ha detto Kristovich. “È il canale attraverso il quale molte persone hanno scoperto il basket universitario femminile quest'anno.”

Tuttavia, la Kristovich ha aggiunto: “Caitlyn Clarke avrebbe ottenuto l'attenzione che riceve adesso 20 anni fa? Probabilmente no.”

“E non è perché non fosse buono”, ha detto, “è perché la gente non prestava attenzione”.

Per decenni, secondo la Krestovich, il torneo femminile è stato trattato come un “evento di secondo livello”.

Un esempio è che al torneo femminile non è stato consentito utilizzare il logo March Madness con il marchio NCAA fino alla stagione 2022. Fino a poco tempo fa era difficile trovarlo anche in televisione, ha detto Krestovich.

Abbattere le barriere

“Il momento in cui ci troviamo è stato una palla di neve per l'ultima generazione o giù di lì”, ha detto Kate Fagan, ex giocatrice di basket dell'Università del Colorado e autrice di Hoop Muses.

Ci furono tre grandi punti di svolta, separati da decenni.

Innanzitutto, negli anni '70, la NCAA fu costretta a fornire eque opportunità atletiche alle donne quando entrò in vigore una legge federale nota come Titolo IX. Poi, nel 1996, la creazione della Women's National Basketball League ha dato ai giovani giocatori la possibilità di diventare atleti professionisti.

Il terzo grande catalizzatore è arrivato più di 20 anni dopo, su TikTok. Nel 2021, una giocatrice di basket femminile dell'Università dell'Oregon ha pubblicato un video che confrontava una struttura di allenamento per un torneo NCAA femminile con una struttura maschile.

C'erano enormi differenze. La struttura maschile presentava file di piattaforme per esercizi, dotate di manubri, bilancieri e pesi in grado di raggiungere centinaia di libbre. La struttura femminile aveva una torre con manubri da 30 libbre (14 kg) e alcuni tappetini da yoga. Il video è diventato virale.

Un'indagine successiva condotta da uno studio legale esterno ha rilevato che la NCAA “dà priorità al basket maschile, contribuisce alla disuguaglianza di genere” e che “sottovaluta significativamente il basket femminile come risorsa”.

La NCAA ha quindi effettuato una revisione che includeva la possibilità per il torneo femminile di utilizzare il marchio March Madness. Un altro sottoprodotto è stato un nuovo contratto mediatico con ESPN, che ora trasmette tutte le partite femminili di March Madness su più piattaforme.

“Ci sono sempre stati grandi giocatori. Ci sono sempre stati grandi atleti, ma ora c'è un gruppo più ampio di persone che li vedono”, ha detto Pamela Grande, coautrice di Shattering the Glass, che racconta il basket femminile.

“E onestamente, è molto meglio di quanto la gente pensi.”

Ma ha sottolineato che “lo sport non dipende solo dai biglietti, ma anche dagli sponsor”.

Fonte immagine, USA Today Sport

Commenta la foto,

Nuovi fan sono attratti da questo sport

Milioni di dollari vengono pagati agli atleti universitari

Nel 2021, una combinazione di leggi statali e modifiche alle regole NCAA ha aperto opportunità senza precedenti per gli atleti universitari di guadagnare denaro vendendo i diritti sul loro nome, immagine e somiglianza (NIL).

Seguirono rapidamente accordi di sponsorizzazione a sei cifre, firmati dai giocatori, alcuni ancora adolescenti. I migliori marchi come State Farm e Nike hanno iniziato a collaborare con atleti di punta come Caitlin Clark.

“Sono poche le atlete che guadagnano milioni di dollari attraverso NIL ogni anno”, ha affermato Blake Lawrence, fondatore e CEO di Opendorse.com, una piattaforma per contratti NIL.

Gli accordi di sponsorizzazione nazionale mettono inoltre gli atleti di fronte a più persone più spesso, trasmettendoli sulle televisioni di tutta l'America in spot pubblicitari e giochi.

Lawrence ha affermato che le donne hanno il vantaggio di avere una presenza sui social media, che è una “componente enorme” della maggior parte delle operazioni senza perdite.

Tuttavia, le giocatrici di basket universitarie sono ancora ostacolate in molti modi dalla struttura della NCAA, ha detto la signora Krestovich.

Nel torneo, le squadre di basket maschile possono guadagnare soldi per le loro conferenze man mano che avanzano nei round. Le squadre femminili no.

Per le prime quattro squadre rimaste quest'anno sia nel torneo maschile che in quello femminile, ciò equivale a una differenza di circa 40 milioni di dollari.

“Ciò che è incredibilmente impressionante nel successo del torneo femminile è che avviene nonostante gli ostacoli”, ha detto Kristovic.

READ  Blog in tempo reale sulla scadenza commerciale NHL 2024: ultime indiscrezioni, notizie e operazioni completate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto