Nazanin Zaghari-Ratcliffe “torna a casa” nel Regno Unito dopo 6 anni di detenzione in Iran, afferma il legislatore britannico

La TV statale iraniana ha affermato che Zaghari-Ratcliffe è stato consegnato al governo del Regno Unito, senza fornire ulteriori dettagli. L’agenzia di stampa semi-ufficiale iraniana Fars ha detto che sarebbe stata trasferita all’aeroporto internazionale di Teheran, Imam Khomeini, con una squadra negoziale britannica.

Mercoledì, Hojjat Kermani, un avvocato di Zaghari-Ratcliffe, ha detto alla CNN di non voler commentare gli ultimi sviluppi in questo momento.

In precedenza ha detto a Reuters che Zaghari-Ratcliffe e un altro cittadino britannico-iraniano, Anousheh Ashouri, stavano “andando all’aeroporto di Teheran per lasciare l’Iran”.

Il sindaco di Londra Sadiq Khan si è detto “contento” che Zaghari-Ratcliffe sia stato rilasciato dalla “carcerazione sbagliata” in una dichiarazione rilasciata mercoledì.

“Nazanin e i suoi cari hanno mostrato grande coraggio, forza e resilienza durante quello che è stato un periodo inimmaginabilmente difficile e vorrei rendere omaggio a tutti coloro che hanno combattuto instancabilmente per la sua liberazione”, ha detto Khan. Londra non vede l’ora di accogliere la sua casa.

Mercoledì, un gruppo di campagna che ha spinto per il rilascio di Zaghari-Ratcliffe ha ringraziato un’amica, un membro della famiglia del parlamento, per il suo lavoro sul caso.

“TulipSiddiq ha fatto la differenza! Grazie per tutto il supporto straordinario che hai dato a #FreeNazanin in questi 6 lunghi anni”, ha scritto il gruppo su Twitter.

Lo sciopero della fame del marito

Zaghari-Ratcliffe è stata detenuta per la prima volta all’aeroporto di Teheran nell’aprile 2016 dopo una vacanza per vedere la sua famiglia con sua figlia.

È stata accusata di collaborare con organizzazioni che avrebbero cercato di rovesciare il regime iraniano ed è stata successivamente condannata a cinque anni di carcere.

READ  Guerra ucraino-russa: notizie in diretta e ultimi aggiornamenti

Zaghari-Ratcliffe e il suo datore di lavoro, la Thomson Reuters Foundation, hanno ripetutamente negato le accuse di spionaggio contro di lei.

Nell’aprile 2021 è stata condannata una seconda volta al carcere e al divieto di viaggio per aver diffuso propaganda contro il regime e ad ottobre ha perso un appello nel suo caso.

Zaghari-Ratcliffe ha ottenuto la protezione diplomatica britannica nel 2019 ed è stato classificato da Amnesty International come prigioniero di coscienza.

Ha fatto almeno tre scioperi della fame mentre era in custodia, uno dei quali era nel disperato tentativo di ottenere cure mediche per noduli al seno e intorpidimento agli arti.

Anche suo marito, Richard Ratcliffe, ha fatto lo sciopero della fame in solidarietà con sua moglie.

La figlia della coppia, Gabriella, che aveva solo 22 mesi al momento dell’arresto della madre, ora ha quasi otto anni.

Nel 2019, i sostenitori di Zaghari-Ratcliffe hanno affermato che è stata trasferita nel reparto psichiatrico di un ospedale di Teheran e le è stato negato l’accesso a suo padre.

Nel febbraio 2020, la famiglia di Zaghari-Ratcliffe ha affermato di ritenere di avere il Covid-19 nella prigione di Evin fuori Teheran.

Questa è una storia in evoluzione, ricontrolla per ulteriori aggiornamenti.

Hamdi Al-Khashali, Vasco Cutovio e Lauren Saeed Morehouse della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,601FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles