OneWeb: l’agenzia spaziale russa si rifiuta di lanciare satelliti Internet, indica le sanzioni del Regno Unito

OneWeb, una startup satellitare con sede a Londra che lotta per la connettività Internet globale e uno dei principali concorrenti della costellazione di Internet satellitare di Elon Musk StarLink, lancerà venerdì una costellazione di 36 satelliti Internet come parte del suo piano per una costellazione di 648 satelliti. Ma quei piani sono ora in pericolo poiché sembra che l’agenzia spaziale russa Roscosmos ostacolerà questi sforzi.

Il razzo Soyuz di fabbricazione russa operato dalla francese Arianespace SA aveva lo scopo di trasportare satelliti in orbita terrestre bassa, lanciandoli dal cosmodromo di Baikonur di proprietà russa in Kazakistan. OneWeb e la Russia hanno firmato un accordo pluriennale per il lancio di satelliti, con la società che lancia i suoi satelliti esclusivamente su un razzo russo Soyuz.

Ma Dmitriy Rogozin, direttore generale di Roscosmos ed ex vice primo ministro con una retorica incendiaria, si rifiuta di andare avanti con quello che dovrebbe essere un lancio di routine in risposta alle sanzioni del Regno Unito alla Russia sulla scia dell’invasione dell’Ucraina.

L’agenzia chiede al governo del Regno Unito di vendere tutte le sue partecipazioni in OneWeb e alla società di garantire che i satelliti non vengano utilizzati per scopi militari, secondo L’allarme è inserito Twitter Dal conto ufficiale di Roscosmos. Mercoledì, Roscosmos ha sottolineato che le richieste erano “dovute all’atteggiamento ostile del Regno Unito nei confronti della Russia”. La scadenza per la presentazione delle domande è alle 21:30 ora di Mosca di giovedì, ha detto Rogozin Colloquio con la Russia 24.
OneWeb ha già 428 satelliti in orbita, con L’ultimo lancio del satellite è avvenuto solo il mese scorso. La società sta lavorando per attirare clienti e ripagare gli investitori dopo il governo del Regno Unito e la società indiana Bharti salvalo globale Da fallimento nell’anno 2020.

Rogozin ha twittato in passato commenti incendiari in risposta alle sanzioni occidentali, in particolare nel 2014 dopo l’annessione della Crimea alla Russia. “Dopo aver analizzato le sanzioni imposte alla nostra industria spaziale, propongo agli Stati Uniti di portare gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale usando un trampolino”, ha detto Rogozin all’epoca. Su Twitter dopo le sanzioni statunitensi contro il settore spaziale russo.

Nonostante i tweet e le interviste incendiari di Rogozin, gli Stati Uniti e Russia Storicamente hanno collaborato nello spazio. Mentre le tensioni sulla Terra hanno portato a minacce di un’uscita anticipata, Rogozin ha promesso che la Russia sarebbe rimasta un partner della NASA sulla Stazione Spaziale Internazionale almeno fino al ritiro della stazione.
I legislatori britannici non hanno mostrato alcun segno di inchinarsi a Roscomos e di aderire alle richieste. “Nessun negoziato con OneWeb: il governo del Regno Unito non vende quote”, cinguettare Kwasi Querting, ministro britannico per gli affari e l’energia mercoledì. “Siamo in contatto con altri contributori per discutere i prossimi passi…”

OneWeb non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento della CNN.

READ  In una cerimonia in cui si è tenuto un nuovo traghetto, Putin ha fornito i dettagli di una telefonata con il leader della Bielorussia e ha menzionato uno sbocco sul Mar Baltico

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,430FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles