Ostaggi tenuti da Hamas: “progressi significativi” nei negoziati guidati dal Qatar, ma i problemi restano



CNN

Fonti diplomatiche vicine ai negoziati hanno detto alla Galileus Web che sono stati compiuti “progressi significativi” nei negoziati per il rilascio degli ostaggi detenuti da Hamas, ma i problemi rimangono.

“I negoziati stanno andando molto bene. Abbiamo raggiunto una svolta”, ha detto la fonte.

La fonte ha aggiunto: “Ci sono ancora questioni in sospeso, ma i colloqui continuano e siamo ancora ottimisti”.

Una fonte vicina agli incontri ha detto che il sottosegretario di Stato americano per gli affari del Vicino Oriente, Barbara Leaf, è in visita a Doha per tenere incontri con la leadership del Qatar.

Un funzionario statunitense ha detto alla CNN che sono stati compiuti progressi sulla questione degli ostaggi, ma la questione rimane “molto in fase di stallo”. Hanno espresso cautela riguardo all’idea di una “svolta decisiva”.

Amir Levy/Getty Images

Parenti e familiari degli ostaggi rapiti da Hamas manifestano a Tel Aviv il 26 ottobre, chiedendo al governo israeliano di negoziare il loro rilascio.

In risposta a una domanda sullo stato dei negoziati, il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant ha commentato giovedì in una conferenza stampa che “ogni canale è un canale potenziale”.

“Una cosa deve essere chiara: abbiamo un obiettivo e ho fiducia nello Stato di Israele e nell’esercito israeliano… e continueremo a fare ogni sforzo per restituire gli ostaggi e i dispersi”, ha detto Gallant.

Il 7 ottobre Hamas ha rapito più di 200 persone e ne ha uccise altre 1.400, tra cui soldati e civili, nel sud di Israele. Tra gli ostaggi ci sono cittadini di paesi come Messico, Brasile, Stati Uniti, Germania e Tailandia, oltre a civili e soldati israeliani. Questa incursione su larga scala rappresenta l’attacco più mortale compiuto dai militanti nei 75 anni di storia di Israele, e le autorità israeliane hanno dovuto affrontare severe critiche per non essere riuscite ad anticiparlo.

READ  L'esercito israeliano conferma la morte del soldato americano-israeliano Itai Chen; Il corpo è ancora a Gaza

In risposta, Israele ha lanciato pesanti bombardamenti sulla Striscia di Gaza e ha imposto un blocco totale sulla Striscia. Secondo un rapporto pubblicato dal Ministero della Salute palestinese controllato da Hamas, i raid israeliani hanno ucciso almeno 7.028 palestinesi, tra cui 2.913 bambini. Sotto le macerie risultano disperse circa 1.600 persone Edifici pianiSi teme che molti di loro siano morti. Venerdì il ministero ha affermato che il numero effettivo delle vittime a Gaza è probabilmente molto più alto.

Human Rights Watch ha detto lunedì che Israele “punizione collettiva” I palestinesi a Gaza costituiscono un crimine di guerra.

Il Qatar e l’Egitto stanno mediando tra Israele, Stati Uniti e Hamas per liberarlo Ostaggi controllata dal gruppo armato. Finora sono stati rilasciati quattro ostaggi, due americani e due israeliani.

Mercoledì il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ammesso che “dovrà fornire risposte” ai fallimenti dell’intelligence del suo governo. Questa è la prima volta che parla del suo ruolo nel crollo della sicurezza dal 7 ottobre.

Sanaa Noor Haq, Jennifer Hansler, Hamdi Alkhashali, Jumana Karadsheh, Mustafa Salem e Leanne Coleraine della CNN hanno contribuito al reportage.

Questa storia è in evoluzione e verrà aggiornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto