Per la prima volta, un pianeta simile a Tatooine è stato scoperto tramite una stella oscillante

Non tutti i sistemi planetari sono uguali. Lì nella Grande, Vasta Galassia, sono state osservate diverse formazioni, alcune delle quali sono molto diverse dal nostro sistema natale. Questi includono pianeti extrasolari, o esopianeti, che ruotano non attorno a una stella, ma a due stelle, come una fantasia Guerre stellari Il mondo di Tatooine.

Ora, per la prima volta, gli astronomi sono stati in grado di rilevare la minuscola forza gravitazionale che un esopianeta esercita su una stella ospite, fornendoci un nuovo strumento per esplorare ed esplorare questi mondi esotici.

L’esopianeta in sé non è una nuova scoperta. Il suo nome è Kepler-16b, e si trova a 245 anni luce di distanza, e La sua scoperta è stata annunciata nel 2011..

È stata salutata come la prima scoperta confermata e inequivocabile di un esopianeta in orbita attorno a due stelle in quella che chiamiamo un’orbita circolare. In quanto tale, è stato molto osservato dagli astronomi e ne sappiamo molto.

Questo lo rende ideale per provare qualcosa di nuovo: in astronomia, l’uso di un obiettivo ben caratterizzato e ben congegnato è un buon modo per vedere se le tecniche funzionano.

In questo caso, un team guidato dall’astronomo Amaury Triaud dell’Università di Birmingham nel Regno Unito voleva vedere se potevano rilevare il sistema planetario oscillando una delle sue stelle, una tecnica nota come velocità radiale.

“Kepler-16b è stato scoperto per la prima volta 10 anni fa dal satellite Kepler della NASA utilizzando il metodo di transito”, Spiegazione dell’astronomo Alexander Santern dell’Università di Marsiglia in Francia.

“Questo sistema è stata la scoperta più inaspettata fatta da Kepler. Abbiamo scelto di utilizzare il nostro telescopio e ripristinare Kepler-16 per convalidare i metodi della velocità radiale”.

READ  Il trailer di "Doctor Strange 2" con Charles Xavier e Evil Wanda

Quando cerchiamo esopianeti, ci sono diversi modi, ma due sono i più comuni. Il metodo di gran lunga più produttivo è quello che chiamiamo metodo di transito. Il telescopio spaziale scruterà in una macchia di cielo, cercando deboli e regolari cali di luce stellare che indicano un esopianeta che passa tra una stella e noi.

Come accennato in precedenza, il secondo metodo fruttuoso è il metodo della velocità radiale, e questo dipende dalla complessità gravitazionale di un sistema planetario. Le stelle, come puoi vedere, non sono corpi stazionari, stazionari, attorno ai quali ruotano gli esopianeti. Ogni pianeta esercita la propria attrazione gravitazionale sulla stella, facendola vibrare leggermente, come un eiettore di un disco. Anche il sole fa questo, principalmente influenzato da Giove.

Questo movimento cambia la luce osservata dalla stella. Quando la stella si allontana, le lunghezze d’onda si allungano e aumentano leggermente verso l’estremità rossa dello spettro; Quando si avvicina, le lunghezze d’onda vengono compresse e spostate verso l’estremità blu dello spettro. Gli astronomi possono utilizzare questi cambiamenti per scoprire la presenza di un esopianeta in orbita attorno al sistema solare.

In precedenza, questo veniva fatto solo su singole stelle. Le stelle binarie sono una possibilità più complessa; Dal momento che orbitano l’un l’altro, hanno movimenti molto maggiori nello spazio, il che rende più difficile rilevare l’attrazione gravitazionale molto più piccola di qualsiasi esopianeta in orbita attorno al Sistema Solare.

Per aggirare i problemi sorti dal tentativo di separare gli spettri di due stelle luminose, il team ha preso di mira un sistema con una stella più luminosa e una stella più debole. Ha funzionato. Il telescopio di 1,93 metri dell’Osservatorio dell’Alta Provenza in Francia ha rilevato un segnale di velocità radiale dalla stella più luminosa.

READ  40 La migliore lampada da scrivania del 2022 - Non acquistare una lampada da scrivania finché non leggi QUESTO!

Questo può aiutarci a imparare molto. Per prima cosa, le misurazioni della velocità radiale mostrano quanto si sta muovendo la stella, il che può fornire agli astronomi misurazioni accurate di una delle proprietà principali di un esopianeta: la sua massa.

Le misurazioni del team hanno mostrato che Kepler-16b è circa un terzo della massa di Giove, coerentemente con le stime precedenti.

A loro volta, queste informazioni possono aiutarci a capire come si sono formati i mondi circolari, cosa difficile da spiegare utilizzando gli attuali modelli di formazione planetaria. Intorno a una singola stella, si pensa che un disco di polvere e gas chiamato disco protoplanetario – i resti della stessa formazione della stella – si raggrumi insieme in grumi che formano i pianeti.

“Usando questa interpretazione standard, è difficile capire come esistano i pianeti circolari. Questo perché la presenza di due stelle interferisce con il disco protoplanetario e questo impedisce alla polvere di aggregarsi nei pianeti, un processo chiamato accrescimento”. Chiarisci che vuoi.

“Forse il pianeta si è formato lontano dalle due stelle, dove la loro influenza è più debole, e poi si è spostato nell’entroterra in un processo chiamato migrazione guidata dal disco o, in alternativa, potremmo scoprire che dobbiamo rivedere la nostra comprensione del processo di accrescimento planetario .”

Informazioni più dettagliate sui tipi di esopianeti in orbite circolari (o anche circonferenziali) possono aiutare gli astronomi a risolvere questo problema. Il team spera che il loro lavoro apra la strada a scoperte future, e in effetti scoperte, di mondi circolari.

La ricerca è stata pubblicata in Avvisi mensili della Royal Astronomical Society.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,432FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles