Playoff NBA: gli arbitri ammettono di aver commesso un errore nel chiamare il tiro vincente nel controverso minuto finale dei Pacers-Knicks

I funzionari hanno evidenziato gli ultimi momenti della prima partita di lunedì tra i New York Knicks e gli Indiana Pacers, che ha visto un finale emozionante al Madison Square Garden.

Le controverse chiamate in ritardo si sono rivelate costose per i Pacers, poiché i Knicks hanno resistito fino a un’emozionante vittoria per 121-117. Gli arbitri hanno ammesso dopo la partita di aver sbagliato uno dei due.

Con la partita in pareggio sul 115-115 nell’ultimo minuto, la guardia dei Knicks Jalen Brunson ha dribblato la palla oltre metà campo. Ha quindi consegnato un passaggio errante che è rimbalzato sulle mani della guardia dei Pacers Aaron Nesmith e nelle mani del compagno di squadra dell’Indiana Andrew Nembhard per un apparente turnover.

Ma gli arbitri hanno fischiato a Nesmith e i Knicks hanno mantenuto la palla. Nesmith, che non ha calciato il pallone, ha protestato contro la chiamata.

Dodici secondi dopo, Donte DiVincenzo ha segnato una tripla portando i Knicks in vantaggio per 118-115.

Poi, a meno di 20 secondi dalla fine, i Pacers avevano la palla e hanno avuto la possibilità di passare in vantaggio mentre erano in svantaggio per 118-117. Tyrese Haliburton ha dribblato a metà campo e Myles Turner ha bloccato il suo difensore, Divincenzo.

DiVincenzo è caduto a terra e gli arbitri hanno fischiato a Turner per uno schermo in movimento. Questo ha fatto arrabbiare l’analista di TNT Stan Van Gundy.

“Questo è scioccante”, ha detto Van Gundy. “Non vedrai mai quella chiamata a questo punto del gioco. Voglio dire, mai.”

“È un ottimo lavoro di recitazione. Ci sono un sacco di grandi attori qui a New York City. Li ho visti a Broadway tutto il tempo. È un ottimo lavoro di recitazione, come puoi vedere. Si è mosso un po’ tecnicamente. L’Indiana sta andando farlo. Non credo che vinceranno la sfida.”

Van Gundy aveva ragione. I Pacers non hanno vinto la sfida e i Knicks avevano la palla.

READ  La marchesa Brown è entusiasta di "mostrare" le sue abilità ai capi
L'allenatore dei Pacers Rick Carlisle ha scelto di non infliggere una multa nei suoi commenti post partita.  (Sarah Steer/Getty Images)

L’allenatore dei Pacers Rick Carlisle ha scelto di non infliggere una multa nei suoi commenti post partita. (Sarah Steer/Getty Images)

A questo punto Joel Embiid ha visto abbastanza. I suoi Philadelphia 76ers erano appena stati eliminati dai Knicks al primo turno e si trovavano anche dalla parte sbagliata di alcune controverse chiamate al Madison Square Garden. Ha espresso i suoi sentimenti sui social media.

Anche se c’erano molte aree grigie intorno allo schermo in movimento, non c’era alcuna giustificazione per il finto calcio che ha dato il via al New York 3. Tutto ciò che gli arbitri potevano fare dopo la partita era ammettere di aver sbagliato.

“Sul campo, abbiamo ritenuto che sarebbe stata una violazione della palla calciata”, ha detto il capo dell’equipaggio Zach Zarba al giornalista della piscina Fred Katz. “Dal controllo post partita è emerso che la palla ha colpito la mano del difensore, cosa che sarebbe stata legale.”

Poiché il kicker non è idoneo alla revisione del replay, i Pacers non hanno potuto ricorrere per correggere la chiamata attraverso una sfida durante la partita.

All’allenatore dei Pacers Rick Carlisle è stato chiesto dell’arbitro nel postpartita. Ha rifiutato di rischiare una multa.

“Non voglio parlare di gestione” ha detto ai giornalisti. “Non ci aspettiamo di ricevere chiamate qui.”

L’NBA ha ammesso attraverso un rapporto Last Minute che gli arbitri hanno commesso diversi errori nella controversa partita vinta dai Knicks contro i 76ers al Madison Square Garden. Il resoconto di martedì sulla prima partita di lunedì sarà molto atteso.

READ  College Football 25 ha finalmente una data di uscita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto