Purdue ha battuto NC State per raggiungere la partita del campionato nazionale nonostante il gioco “terribile” di Braden Smith.

GLENDALE, Arizona – Braden Smith è passato dal battere le mani sarcasticamente lento sul pavimento al borbottare nel tunnel dell'arena, al sedersi su una sedia pieghevole e spiegare perché era così pessimo in una partita delle Final Four. “Terribile”, infatti, era la frase esatta del secondo playmaker di Purdue. Questo sacrificio personale continuò per un po'. Alla fine, lo spogliatoio si svuotò e Smith era solo nel suo box quando il suo allenatore passò.

Matt Painter gli ha dato una forte pacca sulla schiena tre volte.

“Ben fatto, amico”, annunciò l'allenatore dei Boilermakers prima di scomparire nel retro.

“guarda questo?” disse Smith dopo che il pittore se ne andò. “Sono così fortunato. Ho giocato da schifo e lui mi ha lasciato per 40 minuti. Si fida di me. Non tutti possono dirlo”.

La buona notizia, come tutti giustamente hanno sottolineato, è stata la vittoria per 63-50 sulla NC State e un posto nella partita del campionato nazionale che ne è derivata, il tutto mentre il motore ha funzionato senza olio per alcune ore. Il problema meno riconosciuto è che sia successo. Uno dei playmaker dei Big Ten sembrava, per un po', aver dimenticato come si gioca a playmaker. Considerando i mostri sotto il letto di questo particolare programma, l’idea che un problema risolto sia improvvisamente diventato di nuovo un problema non è un’impresa da poco.

Quando il Connecticut salta nel serbatoio lunedì e l'acqua sale fino al mento di Purdue, cinque palle perse, tiri 1 su 9 e una maggiore passività nella parte offensiva di Smith sono un ottimo modo per garantire che il Connecticut vinca il titolo nazionale. Questi non sono gli scatti più hot. Tuttavia, è una realtà. Il punto di pressione che continuerà per tutto il fine settimana; Smith ora tira con il 39,2% dall'inizio di marzo, e cinque delle sue 12 partite con punteggi a una cifra nella stagione sono arrivate nella postseason.

READ  Coco Gauff oscilla e poi ruba la scena agli US Open

Anche se il Bordeaux non è preoccupato, ci sono migliaia qui e altrove che saranno preoccupati per il Bordeaux. “Non vedo l'ora che arrivi lunedì, perché so che Braden è nervoso e Braden è davvero bravo”, ha detto il direttore dello sviluppo dei giocatori P.J. Thompson.

Il punteggio ufficiale del box in realtà mostra Smith che ha segnato 40 minuti, ma non è del tutto accurato: dopo aver subito un fallo a 1,9 secondi dalla fine del primo tempo, solo per interrompere la spinta di NC State per un tiro finale, si è diretto in panchina. Cadde sul sedile come se avesse ingoiato un pezzo di cenere. Si prese la testa tra le mani. Si strofinò le tempie. Non aveva un bell'aspetto.

Prima che Smith si unisse, Thompson – un ex playmaker della Purdue – gli disse che non c'era nessun altro playmaker che avrebbe preferito gestire lo spettacolo. È questa relazione tra loro che Thompson pensava di ricevere una richiesta di filmati da Smith poco dopo che la squadra aveva consumato un pasto di ritorno a casa in un hotel nel centro di Phoenix, ed è la loro relazione in cui Thompson può calcolare la giusta quantità di gravità o leggerezza. . Ciò tirerebbe fuori Smith dal vortice.

Sabato sera, a pochi minuti dalla fine del primo tempo, si è girato a destra e si è inchinato.

Non sono preoccupato“Ha detto a Smith. Sono le sei e stai giocando la partita peggiore della tua vita.

È stata una sorta di triage per un giocatore che potrebbe essere più duro con se stesso di chiunque altro nella stanza e che ha commesso errori insolitamente banali come un fallo ripetuto nel primo tempo. Nessun aggiustamento tattico. Non esiste una soluzione completa per Xs-and-Os. Era tutto stress o ansia, secondo la stima di Pinter. Quindi Purdue aveva bisogno di far sì che il cervello di Braden Smith smettesse di tormentarsi.


Braden Smith non riusciva a spiegare le sue difficoltà, ma i Boilermakers marceranno comunque fino a lunedì sera. (Grace Hollers/USA Today)

Volto forte, è ciò che l'attaccante Mason Gillis gli ha detto, più e più volte, evocando le parole in codice della squadra per affrontare potenziali situazioni fiscali e contrattuali. (Se c'è una squadra che ha questo tipo di punto di riferimento, è questa.)

READ  Partite, punteggi e risultati del torneo NCAA: segui lo streaming live dell'azione di March Madness sabato

“Questo è il nostro lavoro: prenderlo”, ha detto Gillis. “Ricordategli cosa ha fatto per noi. Ricordategli come lo abbiamo preso. Mantenete quella faccia forte. Staremo bene.”

La multa è relativa. Smith non ha commesso un altro turnover dopo la pausa. Ha anche conteggiato uno dei suoi sei assist e non ha tirato un tiro fino a quando una tripla a tre minuti e mezzo dalla fine, portando il vantaggio a 18 e causando un timeout di NC State. Un momento di trionfo che Smith accolse con un po' di disprezzo per se stesso.

Essendosi già ritirato nella parte difensiva, si voltò verso il pubblico. Strinse le labbra. Non fissava nessuno in particolare. Si è concesso qualche lungo e stanco applauso prima che Gillis arrivasse a trascinarlo di nuovo nell'assemblea. “Sono una persona molto autocritica”, ha detto Smith. “Mi mantengo con le più alte aspettative possibili. Sembra che siamo nel campionato nazionale e sono un po' deluso di me stesso.”

“L'unico modo è passare”, ha osservato Painter dopo la partita. Lascia lì Smith a capirlo come un gesto di fiducia. Tre palle recuperate e otto rimbalzi non significano nulla quando sembra che ogni altra parte del tuo gioco stia andando in pezzi. “Vorrei avere una risposta per te”, ha detto Smith nello spogliatoio, confuso come tutti gli altri.

Un punto controverso, però, a patto che non accada di nuovo. “Quando è negativo e non tira con ritmo, il nostro attacco viene danneggiato”, ha detto Thompson. “E lui lo sa. Ma questo è il punto del film. Ho avuto la possibilità di sistemare le cose e giocare per un campionato nazionale”.

READ  I Rams valutano gli scenari riguardanti l'infortunio al pollice di Matthew Stafford, secondo la fonte: quali sono le loro opzioni QB?

Il Bordeaux non era favorevole all'idea di una ripetizione sabato. Per spiegare come appare il suo compagno di stanza quando è arrabbiato, la guardia dei Boilermakers Fletcher Lower ha indicato dicembre. Smith ha segnato due punti nella vittoria contro l'Iowa State. Non ne era molto contento. Ha poi segnato un totale di 53 punti nelle partite contro Alabama e Arizona.

Lauer capisce meglio di chiunque altro come Smith possa superare le scarse prestazioni. Gli piace pensare di poter dire le cose giuste per spodestare il suo playmaker. Continuava a ricordare a Smith che dopo tutto avrebbe giocato nel campionato nazionale. È preoccupato come chiunque altro del successo del suo messaggio.

“Se mi ascolta, potremo vederlo lunedì”, ha detto Lauer. “Perché giocherà meglio.”

(Immagine in alto: Jamie Squire/Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto