Shai Gilgeous-Alexander batte Luka Doncic nella prima partita il giorno prima dell’annuncio del premio MVP

OKLAHOMA CITY – La guardia del tuono Shai Gilgeous-Alexander, uno dei tre finalisti per il premio NBA Most Valuable Player, potrebbe vedere il premio annunciato mercoledì pomeriggio. Anche lui l’aveva saltato.

“Assolutamente”, ha detto Gilgeous-Alexander. “Perché no? Se sei a casa. Non sapevo che fosse domani.”

Gilgeous-Alexander non esplode di entusiasmo in quasi tutti gli ambienti mediatici. Ma il suo approccio docile in questo caso è giustificato. Il franchise dei Thunder non si sta preparando per una grande conferenza stampa. Il mondo sa già da che parte soffia il vento. Mercoledì Nikola Jokic vincerà il suo terzo premio MVP. Gilgeous-Alexander finirà secondo o terzo, davanti o dietro Luka Doncic.

Questo è il dramma ancora da svelare, amplificato dal momento. Gilgeous-Alexander e Doncic si affrontano nella serie playoff Gilgeous-Alexander ha appena sferrato il primo colpo, segnando 29 punti, nove rimbalzi e nove assist in Gara 1 in una vittoria per 117-95 su Doncic e i Mavericks. Poche ore prima che vengano rivelate le stagioni regolari che gli elettori apprezzano di più.

La sua serata è iniziata con un punteggio intorno e poi sopra Dončić. Entrambi sono arrivati ​​dopo che i Thunder hanno cercato un cambio, lasciando spazio a Gilgeous-Alexander dopo che Doncic è arrivato sull’isola. Ecco il layup:

Ecco la linea di base sbiadita:

Gilgeous-Alexander ha dominato il primo tempo con la sua estrema pazienza e capacità di inseguire gli errori mentre dettava la direzione dell’arbitraggio notturno. Gli arbitri di Gara 1, guidati dal capo squadra Tony Brothers, hanno descritto la prima metà della serie di apertura come serrata. Ci sono stati 21 falli combinati nel primo tempo e 35 tiri liberi.

READ  Coco Gauff vs Aryna Sabalenka: come guardare la finale degli US Women's Open mentre le americane inseguono la gloria in casa

Nessuna delle due squadre ha tirato bene la palla né sembrava avere molto ritmo. Il flusso era intermittente. Ma è spesso quello il momento in cui Gilgeous-Alexander – e Donjic – riescono a prendere il volante. Gilgeous-Alexander ha fatto del suo meglio martedì sera.

Con un possesso palla alla fine del primo quarto, il punteggio era 17-17 e lui ha segnato in anticipo. Gilgeous-Alexander ha poco spazio nel semiturno contro la difesa senza la sua posizione dietro il lavoro. Quindi si dirige dritto verso PJ Washington, assorbe l’urto da un fianco all’altro e lancia una volata mentre Brothers fischia un fallo.

I Thunder hanno sprecato 11 secondi su 16 nel primo tempo. Jalen Williams, il secondo capocannoniere della squadra, ha sbagliato i suoi primi sei tiri e non ha segnato un punto nel primo tempo. Era 1 su 9 fino all’impennata del quarto trimestre.

Questi sono i momenti – quando Williams fatica, quando i tiri da fuori non cadono, quando la difesa è fisica e il fischio è serrato – in cui Gilgeous-Alexander è al suo meglio. Può trasformare quello che altrimenti sarebbe un tempo debole e inefficace in un vantaggio di 62-53, facendosi strada verso punti liberi spingendosi lungo la linea nelle fessure, generando angoli, scontrandosi con i fianchi e amplificando il contatto.

Gilgeous-Alexander ha segnato 19 punti nel primo tempo e ha tirato 11 tiri liberi nel primo tempo, realizzandone nove. Ecco altre tre chiamate che gli sono valse sei di quegli 11 tentativi:

I Mavericks non si sono lamentati pubblicamente della loro gestione post partita. Nel secondo tempo i fischi diminuiscono. I Mavericks hanno tirato 25 tiri liberi nel gioco. I Thunder hanno tirato 28. Gilgeous-Alexander ha subito sette falli e ha effettuato 13 tiri liberi. Doncic ha commesso fallo sette volte e ha tirato dieci tiri.

READ  Byron Buxton si è infortunato durante la partita di mercoledì tra Twins e White Sox

“Gli arbitri hanno fatto un buon lavoro stasera”, ha detto l’allenatore dei Thunder Mark Daigneault. “Pensavo che fossero costanti dall’inizio alla fine. Ovviamente abbiamo commesso alcuni errori di tocco su Dončić e sono stati tutti errori. Dobbiamo essere migliori in quelle situazioni. Alla fine hanno avuto situazioni simili. Ci siamo adattati al modo in cui loro Ho sparato. Pensavo che avessero sparato. Ha un nome chiaro.

I Thunder si sono allontanati nel terzo quarto dopo che Daigneault ha sostituito Josh Giede e ha inserito Isaiah Joe. Jedi, come previsto, era dotato di spazio. Ha mancato gravemente entrambe le sue triple e i Thunder sono stati negativi -7 in 17 minuti. Dopo aver segnato 26,5 minuti di media (e aver giocato bene) nel primo turno, i 17 minuti di Guede sono stati il ​​minimo giocato in una partita da dicembre.

Lo dettava il testo. Così hanno fatto Joe, Cason Wallace e Aaron Wiggins, le tre opzioni in panchina per sostituire Gedi. Entrando nel terzo quarto, Joe ha sepolto un 3 al suo primo possesso. Ne ha fatti due. Lo stesso ha fatto Wallace, che ha inseguito sia Doncic che Kyrie Irving quando è stato incaricato. Wiggins ha realizzato la prestazione più importante della sua carriera, segnando 16 punti in 23 minuti dalla panchina. Tutti e tre erano in doppia cifra più/meno. I Thunder hanno superato i Mavericks di 29 punti con Jedi che si alzava dal campo.

Ma è stato Gilgeous-Alexander a stabilizzare il primo tempo, ed è stato Gilgeous-Alexander a chiudere il tie-break del terzo quarto con quelle due triple.

Gilgeous-Alexander ha concluso con un record di 29 punti. Aveva due corsi. Erano più 21.

READ  Knies e Wall emergono come improbabili eroi per i Maple Leafs nella vittoria in Gara 5

D’altra parte, Doncic e Irving hanno faticato nelle notti difficili, girando la palla nove volte e combinando per 39 punti su 33 tiri. Irving, con l’aria un po’ stanca, ha avuto quattro palle perse nel primo tempo. Dončić ne aveva cinque. I suoi 19 punti (su tiri 6 su 19) sono stati i minimi in una partita da metà marzo.

Dončić lo ha fatto in 41 minuti, un record, anche se sembrava zoppicare a causa del ginocchio slogato. Anche Gilgeous-Alexander a un certo punto ha zoppicato, subendo un contatto con il ginocchio. Ma ha detto che stava bene dopo la partita e che avrebbe dovuto essere più attivo dopo più di una settimana tra una serie e l’altra. Sembrava così nella vittoria schiacciante della prima partita.

(Foto di Shai Gilgeous-Alexander e Luka Doncic: Zach Baker/NBAE tramite Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto