UAW e Ford raggiungono un accordo contrattuale provvisorio

Il sindacato United Auto Workers e Ford Motor Co. hanno raggiunto un accordo provvisorio su un nuovo contratto di lavoro quadriennale, ha annunciato mercoledì il sindacato, circa sei settimane dopo che il sindacato ha iniziato una crescente ondata di scioperi contro le tre case automobilistiche di Detroit.

Il sindacato ha affermato che l’accordo prevede un aumento salariale di circa il 25% in quattro anni e significativi guadagni sulle pensioni e sulla sicurezza del lavoro, nonché il diritto di sciopero per la chiusura delle fabbriche. Ha invitato i lavoratori della Ford in sciopero a tornare al lavoro mentre l’accordo iniziale attende la ratifica.

L’accordo sarà presentato al Consiglio UAW, che sovrintende alle relazioni con Ford, in una riunione domenica, ha detto il presidente del sindacato Sean Fine in una trasmissione live su Facebook. Se il consiglio approverà, il sindacato presenterà i termini del contratto ai 57.000 lavoratori sindacalizzati dell’azienda affinché si pronuncino.

“Abbiamo fatto la storia”, ha detto Fine.

Ford ha rilasciato una breve dichiarazione che in parte afferma: “Siamo lieti di aver raggiunto un accordo provvisorio su un nuovo contratto di lavoro con la UAW che copre le nostre operazioni negli Stati Uniti”.

Il sindacato continua a negoziare con General Motors e Stellantis, i cui marchi includono Chrysler, Jeep e Ram.

Due settimane fa – quando ha affermato di aver raggiunto il limite di ciò che poteva permettersi senza danneggiare la propria attività – Ford ha offerto un aumento salariale del 23%, adeguando i salari in risposta all’inflazione e riducendo il tempo necessario ai nuovi assunti per passare al livello successivo. salario più alto. A quattro anni da otto. Altre società hanno fatto offerte simili.

READ  Modelo su Bud Light in occasione della Giornata nazionale della birra 2024

Ma la UAW ha spinto per maggiori concessioni, ha intensificato gli scioperi e ha preso di mira le fabbriche che producono alcuni dei modelli più redditizi delle case automobilistiche.

In tutto, circa 45.000 lavoratori della Ford, GM e Stellantis sono in sciopero in tutto il paese, inclusi 8.700 lavoratori dello stabilimento Ford Kentucky Truck di Louisville, il più grande dell’azienda, e circa altri 10.000 negli stabilimenti Ford in Illinois e Michigan.

Il tentativo di accordo con Ford potrebbe aumentare la pressione su altre aziende affinché raggiungano un accordo con il sindacato. In passato, una volta che il consorzio raggiungeva un accordo con una casa automobilistica, seguivano rapidamente accordi preliminari con altre società. Ma quella storia potrebbe non essere rilevante ora perché la UAW non ha colpito tutte e tre le società contemporaneamente fino a quest’anno.

Le aziende stanno investendo miliardi nel passaggio alle auto alimentate a batteria, il che, secondo loro, rende loro difficile pagare salari molto più alti. La settimana scorsa, il CEO di Ford William C. Ford Jr., le richieste del sindacato rischiano di compromettere la capacità delle case automobilistiche di Detroit di competere contro aziende non sindacalizzate come Tesla e rivali stranieri.

“Toyota, Honda, Tesla e altri amano lo sciopero, perché sanno che più dura, meglio è per loro”, ha detto. “Loro vinceranno e noi perderemo tutti.”

La UAW presenta un caso diverso: il successo nella sua battaglia contrattuale con le Tre Grandi le darebbe lo slancio per organizzare i lavoratori del settore automobilistico anche in altre aziende.

Gli scioperi sono iniziati alla scadenza dei contratti sindacali delle aziende, a metà settembre. Ha ricevuto il sostegno immediato dal presidente Biden, che ha invitato le case automobilistiche a “garantire che profitti aziendali record significhino contratti record” e si è unita brevemente ai lavoratori in un picchetto in uno stabilimento della General Motors vicino a Detroit alla fine del mese scorso.

READ  Mastercard e Binance interrompono la partnership per le carte di criptovaluta

Inizialmente il sindacato aveva chiesto un aumento salariale del 40% in quattro anni, un importo che secondo i funzionari sindacali corrispondeva agli aumenti ricevuti dagli alti dirigenti delle tre società negli ultimi quattro anni. Gli aumenti sono anche destinati a compensare gli aumenti più modesti che i lavoratori del settore automobilistico hanno ricevuto negli ultimi anni e le concessioni che il sindacato ha offerto alle aziende a partire dal 2007.

Inoltre, il sindacato ha chiesto la fine del sistema che paga ai nuovi dipendenti poco più della metà del salario massimo di 32 dollari l’ora. Ha cercato aggiustamenti del costo della vita che spingessero i salari più in alto per compensare l’inflazione. Vuole ripristinare le pensioni a tutti i lavoratori, migliorare i benefici dei pensionati e ridurre l’orario di lavoro.

GM e Stellantis hanno affrontato l’ultima escalation di scioperi alla UAW quando lunedì il sindacato ha richiamato 6.800 lavoratori in un grande stabilimento di camioncini Ram nel Michigan e 5.000 lavoratori nello stabilimento GM di Arlington, Texas, che produce grandi veicoli utilitari sportivi tra cui Chevrolet Tahoe, GMC Yukon e Cadillac Escalade.

“Ford sapeva cosa sarebbe successo per loro mercoledì se non avessimo raggiunto un accordo”, ha detto Fine. “Quello era scacco matto.”

Martedì, GM ha riportato utili del terzo trimestre pari a 3,1 miliardi di dollari, in calo del 7% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, in parte a causa dello sciopero in corso. Giovedì è previsto che Ford comunichi i suoi utili del terzo trimestre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto