Una nuova analisi rileva che il tasso di inflazione raggiungerà il 10% se il conflitto tra Russia e Ucraina dovesse peggiorare

I prezzi del petrolio sono balzati significativamente al di sopra dei 90 dollari al barile nelle ultime settimane, poiché i rischi di un’invasione russa sono aumentati.

Se la crisi Russia-Ucraina spinge il prezzo del petrolio a circa 110 dollari al barile, l’inflazione negli Stati Uniti supererà il 10% su base annua, secondo una nuova analisi di RSM condivisa esclusivamente con la CNN.

“Stiamo parlando di un vero shock a breve termine”, ha affermato Joe Brusolas, capo economista di RSM.

La Russia è il secondo produttore mondiale di petrolio, gas naturale e fornitura globale di petrolio. La crisi arriva in un momento in cui il mercato energetico globale sta già lottando per tenere il passo con la domanda. JPMorgan ha avvertito che qualsiasi interruzione dei flussi petroliferi russi sarebbe tale “Facilmente” manda petrolio a 120 dollari al barile.
& # 39;  persone infelici & # 39 ;  ;  Il funzionario della Fed avverte dell'aumento dell'inflazione

“Riscaldare la casa e mettere la benzina nell’auto diventerà più costoso subito dopo l’invasione russa”, ha detto Brusolas, aggiungendo che ci sarebbe uno “shock per la fiducia dei consumatori” e una diminuzione degli investimenti delle imprese.

Il prezzo del petrolio statunitense ha raggiunto i 95 dollari al barile lunedì per la prima volta dal 2014. Ma martedì il greggio ha invertito la rotta, scendendo sotto i 92 dollari al barile lunedì. Spera di ridurre l’escalation tra Russia e Ucraina.
tasso di inflazione attuale – I prezzi al consumo sono aumentati del 7,5% Nel gennaio dell’anno precedente – è il livello più alto dal febbraio 1982. E Spese di soggiorno elevate Ha fortemente influenzato la fiducia dei consumatori, che È sceso all’inizio di questo mese al minimo del nuovo decennio.
I prezzi alla pompa erano un punto dolente. La media nazionale per la benzina normale è stata di $ 3,50 al gallone martedì, rispetto a $ 3,46 di una settimana fa, Secondo AAA.

Brusuelas stima che un aumento di circa il 20% dei prezzi del petrolio a circa $ 110 aumenterebbe i prezzi al consumo di 2,8 punti percentuali nei prossimi 12 mesi, spingendo l’inflazione al di sopra della soglia del 10%. Ciò contraddirebbe le attuali aspettative di una graduale calma dell’inflazione da livelli elevati.

READ  Marc Thiessen: La Cina aiuta Putin chiudendo i canali Tik Tok dalla Russia

Tuttavia, l’impatto sull’economia in generale potrebbe essere meno drammatico.

Brusolas stima che il salto a 110 dollari per il petrolio ridurrà solo di un punto percentuale del prodotto interno lordo statunitense nel prossimo anno.

Tuttavia, è probabile che l’aumento dell’inflazione eserciterà nuove pressioni sulla Federal Reserve affinché intensifichi la sua battaglia per controllare i prezzi aumentando significativamente i tassi di interesse.

Riferendosi alle recenti richieste alla Federal Reserve di aumentare i tassi di interesse di mezzo punto percentuale in una riunione della Federal Reserve, ha affermato Brusolas. Per la prima volta dal 2000.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,582FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles