Una rapida inversione di tendenza delle obbligazioni e un rally delle azioni coronano una settimana selvaggia per i mercati

Azioni e obbligazioni sono aumentate venerdì, estendendo una brusca inversione dopo che i nuovi dati sulla salute del mercato del lavoro statunitense hanno chiuso una settimana turbolenta per gli investitori.

Venerdì il rendimento dei titoli di stato a 10 anni, che sostiene i tassi di interesse su tutto, dai mutui ai prestiti alle imprese, è sceso di 0,1 punti percentuali, un altro grande calo per un mercato in cui i movimenti giornalieri sono misurati in centinaia di punti. I rendimenti si muovono in modo inverso rispetto ai prezzi.

Un nuovo rapporto ha mostrato che l’economia statunitense ha aggiunto meno posti di lavoro del previsto in ottobre, segno di un mercato del lavoro in rallentamento che potrebbe ridurre la necessità per la Federal Reserve di aumentare nuovamente il tasso di interesse di riferimento nel tentativo di rallentare l’economia per combattere l’inflazione. .

Ciò ha contribuito a sollevare il mercato azionario, che era stato svenduto con l’aumento dei tassi di interesse negli ultimi mesi. L’indice S&P 500 ha chiuso la settimana in rialzo di quasi il 6%, segnando la migliore settimana dell’anno.

La Fed ha iniziato ad alzare il tasso di interesse chiave a breve termine nel marzo dello scorso anno, ma recentemente gli investitori si sono concentrati sui tassi di mercato a lungo termine, che sono guidati da una serie di fattori come la crescita economica e le aspettative di inflazione, non solo dalla politica della Fed. decisioni. . Questi tassi a lungo termine hanno iniziato a salire ad agosto, intensificando, tra le altre preoccupazioni, le preoccupazioni sulla sostenibilità del debito pubblico di 33mila miliardi di dollari.

READ  Secondo l'accusa Sam Bankman-Fried dovrebbe scontare dai 40 ai 50 anni di carcere

Queste preoccupazioni sono state in qualche modo dissipate questa settimana. Gli investitori hanno accolto con favore i piani del Tesoro di spostare l’indebitamento verso il debito a breve termine, alleviando la pressione sui rendimenti a lungo termine. Poi, il presidente della Fed Jerome Powell è sembrato calmare i nervi degli investitori dopo che la banca centrale ha mantenuto i tassi di interesse stabili per la seconda riunione consecutiva. Una crescita occupazionale più debole del previsto suggerisce anche che gli sforzi della Fed per rallentare l’economia stanno avendo un impatto.

“Per me, il rapporto sull’occupazione è decisamente positivo”, ha affermato Ronald Temple, capo stratega del mercato di Lazard. “Penso che sia davvero un buon segnale per la Fed: stanno rallentando l’economia e non hanno bisogno di aumentare nuovamente i tassi.”

Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni è sceso di 0,3 punti percentuali durante la settimana a poco meno del 4,6%, il calo più grande dalla crisi bancaria di marzo. Tuttavia il rendimento è ancora più alto di oltre mezzo punto percentuale rispetto all’inizio di agosto.

Il calo dei rendimenti di questa settimana ha portato ad un ampio rally nei mercati azionari. Venerdì l’indice Russell 2000 delle piccole imprese, più sensibile ai flussi e riflussi dell’economia, è aumentato del 2,8%. Questo indicatore è diminuito di oltre il 18% negli ultimi mesi, ma questa settimana è aumentato di quasi l’8%, l’aumento maggiore in una settimana dalla ripresa anticipata dell’epidemia nel 2020.

Tuttavia, alcuni investitori hanno avvertito che la reazione del mercato potrebbe non riflettere una storia così rosea. Il tasso di disoccupazione è salito al 3,9% in ottobre, dal 3,8% del mese precedente, mentre è diminuito il numero di persone che lavorano o cercano attivamente lavoro.

READ  Inflazione dell’Eurozona, giugno 2024

“Ciò che mi preoccupa è che quando vediamo un tale aumento del tasso di disoccupazione, esso tende ad avere una tendenza al rialzo”, ha affermato Blerina Orochi, capo economista statunitense presso T. Rowe Price. «Questo è ciò che sto osservando con attenzione, altrimenti il ​​rallentamento delle assunzioni appare ordinato.

Dopo il rapporto sull’occupazione, gli investitori hanno minimizzato la probabilità che la Fed aumenti i tassi di interesse nella prossima riunione, a dicembre, e hanno offerto aspettative di tassi di interesse più bassi il prossimo anno, indicando che credono che la Fed abbia finito di aumentare i tassi di interesse e che l’economia si riprenderà. . Continua a rallentare.

Powell, presidente della Fed, ha affermato mercoledì che il recente aumento dei tassi di interesse a lungo termine, che aumenta anche i costi di finanziamento e rallenta l’economia, deve essere “sostenuto” per svolgere un ruolo nel convincere i politici a non farlo. Alzare nuovamente il tasso di interesse di riferimento.

Ma se la recente inversione nel mercato obbligazionario dovesse continuare e i rendimenti continuassero a scendere, “paradossalmente” potrebbe rendere più probabile che la Fed aumenti i tassi di interesse a dicembre, perché lo farà, ha affermato Mark Dowding, chief investment officer di BlueBay Asset Management. Ridurre i costi di finanziamento e allentare le restrizioni sull’economia.

Mentre si prevede che un’economia in rallentamento spingerà verso il basso i tassi di interesse a lungo termine nel tempo, le preoccupazioni su chi acquisterà l’ondata di debito che il governo americano è pronto ad emettere potrebbe spingere i tassi di interesse nella direzione opposta.

“Ci sono due forze opposte in gioco”, ha affermato Paul Christopher, responsabile della strategia di investimento globale presso il Wells Fargo Investment Institute. “Uno è il rallentamento dell’economia, che è ormai ben consolidato e che farà scendere i rendimenti. Ma col tempo, il Tesoro emetterà più debito e tali rendimenti aumenteranno di nuovo. Ci troviamo in una corrente contraria ora.”

READ  Nvidia manca il collegamento in una stagione forte per i rapporti sugli utili dell'IA

Jenna Smialek Contributo ai rapporti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto