Uno sguardo molto precoce alle previsioni sulla copertura nuvolosa per l’eclissi solare

Per prima cosa: qui non troverai nulla che assomigli a una previsione nuvolosa affidabile di pochi minuti tra 12 giorni. Ma se hai intenzione di vedere l'eclissi solare totale l'8 aprile, in particolare piani di viaggio, pensiamo che tu sia abbastanza disperato da continuare a leggere.

In tutta serietà, ci sono alcune cose che possiamo dire sulle prime previsioni di quel giorno, e alcune cose che vale la pena imparare prima di iniziare a controllare ossessivamente le previsioni ogni giorno, più volte al giorno, se non l'hai già fatto.

Perché le nuvole sono così difficili da prevedere?

Le nuvole sono uno dei fattori meteorologici più difficili da prevedere, anche con pochi giorni di anticipo, per non parlare di più di 10 giorni in anticipo.

Non sono solo i grandi sistemi temporaleschi a produrre una copertura nuvolosa diffusa. Queste nuvole sono relativamente facili da prevedere, soprattutto entro pochi giorni. Anche le perturbazioni più piccole e deboli nell'atmosfera possono generare nuvole, anche quando non contengono abbastanza umidità per le precipitazioni. Nel frattempo, i cieli possono passare da completamente nuvolosi a completamente sereni a sole 50 miglia circa da un fronte meteorologico, mentre le previsioni dei modelli sulla posizione del fronte possono essere sbagliate due volte con un giorno o due di anticipo.

La sfida è che la copertura nuvolosa spesso dipende da processi che si verificano su scala molto piccola nell’atmosfera, abbastanza piccola da non consentire ai modelli di disporre di dati abbastanza dettagliati per risolverli con precisione.

Perché ho bisogno di sapere cos'è un “gruppo”?

Di solito cerchiamo di ridurre al minimo il gergo tecnico. Tuttavia, per quelli di voi che hanno investito in queste previsioni, è utile sapere cos’è un “gruppo” e perché è importante.

READ  Gli scienziati hanno scoperto per la prima volta che lo sperma sfida una delle leggi della fisica di Newton

Esistono due tipi principali di modelli di previsione: deterministici e di insieme.

Il modello deterministico è la previsione a cui sei abituato. Sono previsioni con un'unica soluzione: la temperatura sarà X, la probabilità di precipitazioni sarà Y e la copertura nuvolosa sarà Z. Queste previsioni sono solitamente più precise fino a due o tre giorni prima.

Per le previsioni da diversi giorni a circa due settimane in anticipo, la maggior parte dei meteorologi preferisce guardare gli ammassi. Si tratta essenzialmente di più esecuzioni di previsioni deterministiche. In ogni esecuzione o simulazione, le osservazioni meteorologiche grezze inserite nei modelli vengono leggermente modificate per rappresentare le imperfezioni sia nelle osservazioni che nei modelli stessi. Analizzando le somiglianze e le differenze tra più simulazioni, i meteorologi possono farsi un’idea migliore della portata e delle probabilità dei possibili esiti meteorologici, nonché della fiducia generale nelle previsioni.

Quali sono le inevitabili previsioni per l’8 aprile?

L'immagine sopra è un modello di previsione deterministica per mezzogiorno dell'8 aprile. Mostra molte nuvole su gran parte del percorso della totalità, la fascia larga circa 115 miglia che si estende attraverso gli Stati Uniti dal Texas al Maine. Può essere completamente vero, oppure può essere completamente sbagliato. Sono semplicemente troppi giorni per basare qualsiasi cosa su aspettative deterministiche.

Ciò che mostra è simile alla climatologia – o alle condizioni nuvolose medie per questo periodo dell’anno – con cieli più limpidi sul Texas e aumento delle nuvole nel nord-est. Sono comunque presenti sacche di cielo sereno anche sul Nordest, associate ad una prevista zona di alta pressione nelle vicinanze, al largo della costa orientale.

READ  Come il rover Curiosity ha conquistato la salita marziana più ripida mai vista (video)

Quali gruppi appaiono?

L'immagine sopra mostra una previsione collettiva della pressione atmosferica, utilizzando la pressione media prevista da 30 simulazioni dell'US Modeling System. In generale, le aree di bassa pressione – mostrate nei toni del blu – tendono ad essere più nuvolose, mentre le aree di alta pressione – mostrate in giallo e arancione – tendono ad essere più luminose.

Un buon numero di simulazioni individuali indicano una pressione più bassa e quindi cieli più nuvolosi su gran parte del percorso complessivo. Ce ne sono alcuni che indicano una pressione più elevata e cieli più luminosi nelle parti orientali o nordorientali del percorso di totalità, ma mostrano comunque una pressione più bassa spostandosi nelle parti occidentali del percorso di totalità, in particolare nelle aree del Texas settentrionale.

La previsione della copertura nuvolosa mostrata all'inizio di questo articolo indica che l'area di bassa pressione è abbastanza lontana a nord del Texas da poter limitare la copertura nuvolosa se la simulazione della posizione della bassa pressione è corretta.

Naturalmente, non solo la fiducia nella presenza e nell’ubicazione dei sistemi meteorologici è bassa, ma i modelli possono essere lenti o veloci come un giorno o due in termini di come i sistemi progrediranno in tutto il paese.

XcartaUna startup di previsioni meteorologiche con intelligenza artificiale ha lanciato un progetto Localizzatore di eclissi solare Fornire previsioni nuvolose lungo il percorso dell'eclissi.

L’azienda è una delle numerose aziende che hanno sviluppato modelli meteorologici basati sull’intelligenza artificiale, che fanno previsioni imparando a riconoscere modelli nei dati meteorologici storici, mentre i modelli tradizionali elaborano complesse equazioni matematiche che rappresentano la fisica dell’atmosfera.

READ  SpaceX ha lanciato quest'anno 22 satelliti Starlink nella sua 70esima missione

“Ciò ci consente di produrre previsioni orarie globali altamente accurate in pochi minuti anziché in ore”, ha affermato in una e-mail Vivek Ramavajala, CEO e fondatore di Excarta. “Possiamo anche sfruttare la velocità e i costi migliorati per produrre insiemi di previsioni meteorologiche, che sono cruciali per misurare l’incertezza delle previsioni a distanza di pochi giorni”.

UN Nuova versione L’azienda afferma che le sue previsioni possono essere il 20% più accurate rispetto ai modelli tradizionali.

Di seguito sono riportate le attuali previsioni del modello AI per diverse città nel percorso della totalità al momento del picco dell’eclissi:

  • Dallas: 53% di copertura nuvolosa (+/- 20% di incertezza).
  • Little Rock: 58% di copertura nuvolosa (+/- 15% di incertezza).
  • Indianapolis: 54% di copertura nuvolosa (+/- 19% di incertezza).
  • Cleveland: 55% di copertura nuvolosa (+/- 19% di incertezza).
  • Buffalo: copertura nuvolosa del 53% (+/- 19% di incertezza).
  • Burlington, Vermont: 47% di copertura nuvolosa (+/- 22% di incertezza).

(Il numero di incertezza significa, ad esempio, che si prevede che Dallas avrà una copertura nuvolosa compresa tra il 33 e il 73%.)

Le previsioni sono un ottimo inizio per chi spera in cieli sereni? non esattamente. Ma mancano ancora diversi giorni prima di poter prendere sul serio qualsiasi previsione nuvolosa, e la fiducia nelle previsioni potrebbe non essere terribilmente alta fino a solo un giorno o due prima dell’8 aprile.

Venerdì il Washington Post lancerà il proprio software di monitoraggio delle previsioni del cloud di eclissi, quindi rimanete sintonizzati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto