USPS propone di aumentare i prezzi dei francobolli nel 2024

Lui gioca

Martedì il servizio postale degli Stati Uniti ha proposto un aumento di quasi l’8% dei prezzi dei francobolli, l’ultimo di una serie di aumenti dei prezzi postali durata tre anni per l’agenzia federale in difficoltà finanziaria.

Le modifiche ai prezzi dovrebbero entrare in vigore il 14 luglio se approvate dalla Postal Regulatory Commission, un organismo indipendente che supervisiona il servizio postale. Tra le modifiche proposte ci sono un aumento in nichel per i francobolli per sempre di prima classe da 68 centesimi a 73 centesimi, un aumento di 3 centesimi per le cartoline nazionali da 53 centesimi a 56 centesimi e un aumento di 10 centesimi per le cartoline internazionali da $ 1,55 a $ 1,65.

Se approvati, gli aumenti delle tariffe postali proposti segnerebbero la sesta tornata di aumenti delle tariffe da parte del servizio postale dal 2021. L'ultima tornata di aumenti è avvenuta a gennaio, quando il costo dei francobolli di prima classe è aumentato di 2 centesimi da 66 centesimi a 68 centesimi. .

Gli aumenti temporanei delle tariffe facevano parte del piano decennale Serving America, che mira a trasformare l’agenzia da “un’organizzazione in crisi finanziaria e operativa a un’organizzazione autosufficiente e ad alte prestazioni”, secondo il Postal. Servizi sito web.

“Questi aggiustamenti tariffari sono necessari per raggiungere la stabilità finanziaria” richiesta nel piano “poiché i cambiamenti nel mercato della posta e delle spedizioni continuano”, ha affermato martedì il servizio postale in un comunicato stampa.

READ  Dave Limb, ex capo dei dispositivi Amazon, assumerà la carica di CEO di Blue Origin

Il servizio postale ha dovuto affrontare sfide finanziarie principalmente a causa di un mandato durato anni che richiedeva finanziamenti anticipati per le prestazioni sanitarie dei dipendenti in pensione, con conseguenti perdite finanziarie significative. Inoltre, sempre meno persone inviano posta di prima classe a causa dell’aumento delle comunicazioni online, con il numero di singole lettere inviate ogni anno in calo di circa il 50% negli ultimi dieci anni.

Quest'anno, il servizio postale prevede di perdere 6,3 miliardi di dollari dopo aver perso 6,5 miliardi di dollari l'anno scorso. In generale, le sue operazioni non sono finanziate utilizzando le entrate fiscali.

Sebbene i prezzi siano aumentati nel corso degli anni, secondo l'Ufficio dell'ispettore generale del servizio postale degli Stati Uniti i francobolli di prima classe negli Stati Uniti costano ancora meno che in molti altri paesi sviluppati. Dei 30 paesi esaminati dall'ufficio, solo i francobolli di quattro paesi erano più economici di quelli americani.

“I prezzi USPS rimangono tra i più convenienti al mondo”, ha affermato il servizio postale.

Anche se è raro che la Commissione di regolamentazione postale respinga le proposte del servizio postale, è già successo in passato. Nel 2010, la commissione ha rifiutato un aumento delle tariffe perché il servizio postale “non è riuscito a quantificare l’impatto della recessione sulle sue finanze e a dimostrare come la sua richiesta di tariffa sia collegata alla conseguente perdita di volume della posta”, secondo una dichiarazione.

Madeleine Nguyen è una giornalista dell'ultima ora per The Republic. Accesso a Madeline.Nguyen@gannett.com Oppure 480-619-0285. Seguitela su X @madelineynguyen.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto