Altri democratici mettono in guardia Biden dal modo in cui Israele sta lanciando il suo attacco a Gaza

WILMINGTON, Delaware – Il fermo sostegno del presidente Biden a Israele si trova ad affrontare crescenti pressioni mentre alcuni dei suoi fedeli sostenitori all’interno del suo stesso partito mettono in guardia sul modo in cui si sta svolgendo la risposta israeliana.

Biden ha resistito alle richieste di unirsi ad altri democratici che cercano un cessate il fuoco, e ha ampiamente evitato di commentare come Israele attuerà una nuova fase nella guerra che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha avvertito durante il fine settimana “sarà lunga, lunga”. difficile.”

Ma negli ultimi giorni, altri democratici hanno criticato apertamente il ritmo degli aiuti umanitari, le interruzioni delle comunicazioni e l’aumento degli aiuti umanitari. Bilancio delle vittime tra i civili palestinesi. Con uno dei più stretti alleati dell’America che si sta ora posizionando per un conflitto potenzialmente prolungato, hanno anche sollevato preoccupazioni sulla possibilità che Israele abbia obiettivi chiari e realizzabili nel lanciare un’importante offensiva di terra.

In uno recente Movimento, gruppo di più di venti persone I senatori, tra cui Chris Murphy (D-Conn.), Chris Van Hollen (D-Md.) e il senatore Jeff Merkley (D-Oregon), hanno invitato Biden a collaborare con Israele, Egitto e Nazioni Unite per fornire assistenza. Carburante a Gaza nel mezzo della crisi umanitaria.

“Dobbiamo sostenere il diritto di Israele a difendersi e Hamas deve essere ritenuto responsabile. Murphy ha scritto su X, la piattaforma precedentemente nota come Twitter. Ma se l’America pagherà gran parte dei costi della guerra, allora ovviamente dovremo preoccuparci del piano di guerra. “Non sarebbe una buona idea finanziare un piano che non funziona.”

Visione del mondo oggi: l’attacco di Israele a Gaza scatena un’ondata di proteste globali

Biden ha parlato domenica pomeriggio con Netanyahu per la prima volta da quando Israele ha ampliato le sue operazioni di terra a Gaza. Il Presidente, secondo la Casa Bianca, ha sottolineato la necessità di aumentare immediatamente e in modo significativo il flusso di aiuti umanitari per soddisfare i bisogni dei civili a Gaza.

Le critiche provenienti dall’interno del suo stesso partito creano nuove sfide per Biden, che si è allineato così strettamente con Israele e il suo diritto di ritorsione che rischia di assumersi la responsabilità di come viene portata avanti la sua risposta. I funzionari dell’amministrazione affermano di ritenere Israele responsabile – e di condividere alcune delle stesse preoccupazioni sollevate dai loro colleghi democratici – ma spesso conducono una diplomazia tesa in privato.

READ  I palestinesi fuggono dal nord di Gaza dopo che Israele ha ordinato l’evacuazione di un milione di persone mentre si profila un’offensiva di terra

“Li abbiamo pressati su questioni come gli obiettivi e la corrispondenza dei mezzi con gli obiettivi, su questioni tattiche e strategiche associate a questa operazione”, ha detto alla CNN il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan durante una delle numerose interviste condotte domenica. Ma abbiamo fatto tutto a porte chiuse. Quindi oggi non descriverò qui la natura specifica di questi colloqui.

Ha ammesso che la situazione sul campo è complessa. Hamas sta facendo tutto il possibile per rendere la situazione ancora più difficile. “Si nascondono tra questi civili, si integrano tra loro e li trasformano in scudi umani”, ha detto, ma ha aggiunto che ciò non esenta Israele dalla responsabilità di evitare vittime civili.

“Il governo israeliano deve adottare ogni mezzo possibile a sua disposizione per distinguere tra i terroristi di Hamas, che sono obiettivi militari legittimi, e i civili che non lo sono”, ha detto Sullivan.

Tuttavia, Sullivan ha ampiamente evitato di commentare se credesse che il governo israeliano stesse facendo così. Ha anche chiarito che la responsabilità ultima ricade sugli israeliani, non sugli americani.

Continueremo a parlare con le nostre controparti israeliane. “Continueremo a porre domande difficili su come stanno pensando a questo, come stanno andando avanti”, ha detto a ABC News. Ma alla fine queste sono le loro decisioni. Questo è il loro lavoro e sono in una posizione migliore per poter rispondere a domande su come funziona.

Gli Stati Uniti, cambiando la loro politica, sollecitano una tregua umanitaria a Gaza

Secondo una lettura della Casa Bianca dell’appello tra Biden e Netanyahu, i leader hanno parlato di Gaza e degli sforzi per liberare gli ostaggi, compresi i cittadini americani che risultano dispersi e potrebbero essere trattenuti da Hamas.

La sintesi dell’appello affermava: “Il Presidente ha ribadito che Israele ha ogni diritto e responsabilità di difendere i suoi cittadini dal terrorismo e ha sottolineato la necessità di farlo in modo coerente con il diritto internazionale umanitario, che dà priorità alla protezione dei civili”.

Biden ha anche parlato domenica con il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi del tentativo di accelerare gli aiuti a Gaza. “Hanno anche discusso dell’importanza di proteggere le vite dei civili, di rispettare il diritto internazionale umanitario e di garantire che i palestinesi di Gaza non vengano sfollati in Egitto o in qualsiasi altro Paese”, ha affermato la Casa Bianca.

READ  Un incendio boschivo fuori Atene mentre centinaia di incendi devastano la Grecia

Nella dichiarazione dei 25 senatori, il focus è stato quello di portare carburante a Gaza per garantire che gli ospedali possano curare i pazienti e le stazioni di pompaggio dell’acqua per fornire acqua potabile sicura.

Murphy ha anche avvertito che un conflitto di terra prolungato potrebbe avvantaggiare Hamas, e si è anche chiesto cosa potrebbe riempire il vuoto se la rete venisse eliminata, dato che Hamas attualmente fornisce servizi governativi.

Ha aggiunto: “È molto probabile che un’operazione israeliana lunga e aperta – come le nostre disastrose campagne in Iraq e Afghanistan – che tagli il carburante, l’acqua e Internet e porti a diffusi danni civili, creerà tanti combattenti di Hamas quanti ne eliminerà. .” Scritto su Xla piattaforma precedentemente nota come Twitter.

Il senatore Brian Schatz (D-Hawaii), che ha anche firmato la dichiarazione, ha detto sabato sera di essere “profondamente preoccupato” per l’interruzione delle comunicazioni a Gaza.

“Esiste già una situazione umanitaria disastrosa, inclusa la pericolosa vicinanza dei civili alle operazioni militari e quantità insufficienti di cibo, acqua, medicine e carburante”. Scritto su X.

Ha aggiunto: “L’incapacità di oltre due milioni di abitanti di Gaza di comunicare tra loro o con il mondo esterno rischia di peggiorare ulteriormente la crisi, ostacolando il lavoro cruciale delle organizzazioni umanitarie e dei giornalisti sul campo”. “Chiedo l’immediato ripristino delle comunicazioni complete”.

Venerdì Israele ha interrotto le comunicazioni con Gaza, provocando un’interruzione quasi totale della corrente elettrica che ha isolato i palestinesi dal resto del mondo. Le comunicazioni sono state parzialmente ripristinate domenica e gli Stati Uniti hanno fatto pressione sul governo israeliano affinché le riprendesse, secondo un alto funzionario americano che ha parlato a condizione di anonimato per discutere dei delicati negoziati.

La deputata Pramila Jayapal (D-Mich.), un’alleata progressista che ha sostenuto la candidatura per la rielezione di Biden, ha detto di essere preoccupata che Biden rischi di andare fuori strada con l’elettorato americano più ampio e di perdere il sostegno tra gli elettori più giovani di cui ha bisogno. Si è mobilitato per la rielezione.

“Era coraggioso sul fronte interno”, ha detto Jayapal in “Meet the Press” di NBC News. “Il presidente deve essere altrettanto coraggioso su questo tema.”

“Sono decisamente preoccupata per la sua gestione della situazione”, ha aggiunto. “Voglio che il presidente Biden sia il prossimo presidente e che ci chiami su un piano morale più elevato”.

READ  Parnas convoca all'udienza un rappresentante del Partito repubblicano con l'accusa di "aver eseguito gli ordini della Russia"

I commenti di Jayapal su Israele hanno attirato critiche in passato, soprattutto quest’estate quando ha descritto Israele come uno “stato razzista”. Successivamente ha ritrattato tale affermazione, dicendo che intendeva dire che alcune persone e alcune politiche del governo di Netanyahu erano razziste.

Domenica Jayapal ha espresso preoccupazione per il fatto che la posizione di Biden sugli attuali combattimenti a Gaza potrebbe alla fine danneggiarlo politicamente in patria.

“Penso che sarebbe sfidato a spiegare alla gente una questione di questa importanza morale”, ha detto. “Il popolo americano è in realtà molto lontano dalla posizione del presidente e persino del Congresso, che rappresenta la maggioranza del Congresso, su Israele e Gaza”.

“Sostengono il diritto di Israele a difendersi e ad esistere. Ma non sono favorevoli allo scambio di un crimine di guerra con un altro crimine di guerra. “Penso che il presidente debba stare attento a questo.”

UN Nuovo sondaggio Gallup Ha sottolineato alcune delle sfide che Biden deve affrontare nel ottenere il sostegno dei membri del suo partito. Il suo indice di approvazione per il lavoro tra i democratici è sceso di 11 punti percentuali nell’ultimo mese, risultando nel punteggio peggiore del suo partito da quando è entrato in carica.

Nel sondaggio, condotto dal 2 al 23 ottobre, circa il 75% dei democratici ha approvato il lavoro che sta svolgendo. Questo forte calo nell’indice di gradimento dei membri del suo partito ha portato il suo indice di gradimento complessivo al 37%, un calo di quattro punti che corrisponde ai suoi minimi personali.

Gallup ha osservato che, sebbene il sondaggio non sia progettato per fornire stime statisticamente affidabili durante il periodo di tre settimane, i risultati giornalieri “suggeriscono fortemente che l’approvazione di Biden da parte dei democratici è diminuita drasticamente sulla scia degli attacchi promessi da Hamas e Biden il 7 ottobre”. . Pieno sostegno a Israele lo stesso giorno”.

Come ha scoperto Gallup all’inizio di quest’anno Per la prima volta, la simpatia dei democratici per i palestinesi ha superato quella per gli israeliani. Un sondaggio dello scorso marzo ha rilevato che il 49% dei democratici ha affermato che la propria simpatia in Medio Oriente era più rivolta ai palestinesi, rispetto al 38% che ha affermato di essere israeliani.

Devlin Barrett e Claire Parker hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto