Apple prevede di utilizzare i chip M2 Ultra nel cloud per l’intelligenza artificiale

Apple prevede di iniziare la sua incursione nell’intelligenza artificiale generativa scaricando query complesse sui chip M2 Ultra in esecuzione nei data center prima di passare ai chip M4 più avanzati.

Bloomberg Rapporti Apple prevede di posizionare M2 Ultra su server cloud per eseguire query AI più complesse, mentre le attività semplici vengono elaborate sui dispositivi. Il giornale di Wall Street In precedenza ho riferito che Apple voleva creare chip personalizzati da introdurre nei data center per garantire sicurezza e privacy in un progetto che la pubblicazione afferma si chiama Project ACDC, o Apple Chips in Data Center. Ma ora l’azienda ritiene che i suoi attuali processori dispongano già di componenti di sicurezza e privacy sufficienti.

I chip verranno distribuiti nei data center di Apple ed eventualmente sui server gestiti da terze parti. Apple gestisce i propri server negli Stati Uniti e sta sviluppando… Nuovo centro a Waukee, IowaAnnunciato per la prima volta nel 2017.

Sebbene Apple non sia passata così rapidamente all’intelligenza artificiale generativa come concorrenti come Google, Meta e Microsoft, l’azienda ha svolto ricerche sulla tecnologia. A dicembre, il team di ricerca sull’apprendimento automatico di Apple ha rilasciato MLX, un framework di apprendimento automatico in grado di eseguire in modo efficiente modelli di intelligenza artificiale su un processore Apple. L’azienda ha anche pubblicato altre ricerche sui modelli di intelligenza artificiale che suggeriscono come potrebbe apparire l’intelligenza artificiale sui suoi dispositivi e come i prodotti esistenti, come Siri, potrebbero ottenere un aggiornamento.

Apple si è concentrata molto sulle prestazioni dell’intelligenza artificiale nell’annuncio del suo nuovo chip M4, affermando che il suo nuovo Neural Engine è un “chip AI estremamente potente”.

READ  La patch 7 per Baldur's Gate aggiungerà 3 nuovi finali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto