Bolsonaro affronta nuovi rischi legali dopo la sua permanenza presso l'ambasciata ungherese

La Corte Suprema del Brasile ha ordinato all'ex presidente Jair Bolsonaro di spiegare perché ha trascorso due notti presso l'ambasciata ungherese, e la polizia federale brasiliana ha iniziato a indagare se il soggiorno di febbraio abbia violato precedenti ordini del tribunale, hanno detto la polizia e funzionari del tribunale.

Le mosse della Corte Suprema e della polizia federale si aggiungono ai crescenti rischi legali a cui va incontro l’ex leader brasiliano, e fanno seguito a un’indagine del New York Times pubblicata lunedì che mostrava che Bolsonaro si era nascosto nell’ambasciata ungherese a Brasilia giorni dopo che le autorità gli avevano confiscato il passaporto perché era sotto indagine penale…

Il rapporto del Times, basato su filmati catturati dalle telecamere di sicurezza dell’ambasciata nell’arco di tre giorni, ha mostrato che l’ex presidente sembrava chiedere asilo politico all’Ungheria, il cui primo ministro è un leader di estrema destra, Viktor Orban.

Dopo l’articolo del Times, Bolsonaro ha confermato di essere rimasto nell’ambasciata ma ha rifiutato di spiegare il motivo. “Ho una cerchia di amici con alcuni leader mondiali”. Lo ha detto ai media brasiliani. “Sono preoccupati.” Il suo avvocato ha poi rilasciato una dichiarazione affermando che la permanenza di Bolsonaro presso l'ambasciata era meramente per parlare di politica e che “qualsiasi altra spiegazione” era “solo un'altra notizia falsa”.

Questo resoconto non è bastato al giudice Alexandre de Moraes, della Corte Suprema brasiliana, che ha supervisionato una serie di indagini su Bolsonaro. Lunedì sera, Moraes ha concesso all'ex presidente 48 ore per spiegare la sua permanenza nell'ambasciata, secondo Mariana Oliveira, portavoce della corte.

L'8 febbraio, il giudice Moraes ha autorizzato le incursioni e gli arresti di diversi ex aiutanti e ministri di Bolsonaro con l'accusa di aver pianificato un colpo di stato dopo che Bolsonaro aveva perso le elezioni del 2022. Nell'ambito di questa operazione, il giudice ha ordinato a Bolsonaro di consegnare il suo passaporto e di non lasciare il paese. paese mentre la polizia indaga sul suo coinvolgimento.

READ  Al-Shifa: forze e carri armati israeliani fanno irruzione nel più grande ospedale di Gaza

La polizia federale brasiliana sta ora indagando se la permanenza di Bolsonaro presso l'ambasciata ungherese abbia violato tali ordini, secondo un funzionario della polizia federale che ha parlato a condizione di anonimato per discutere delle indagini.

Alcuni analisti legali in Brasile hanno affermato che l'apparente richiesta di asilo di Bolsonaro potrebbe portare al suo arresto se le autorità ritenessero che probabilmente dovrà affrontare accuse penali e potrebbe tentare in futuro di eludere la detenzione.

“La mossa di Bolsonaro di nascondersi nell’ambasciata è una classica base per la custodia cautelare”. disse Augusto de Arruda Botelhoavvocato ed ex ministro della Giustizia Nazionale del Brasile.

“È una di quelle situazioni usate come esempio nei libri di testo e nelle aule”, ha aggiunto.

I giudici della Corte Suprema del Brasile hanno ampi poteri e il giudice Moraes ha già agito con la forza contro Bolsonaro e i suoi alleati, affermando che le loro azioni minacciavano la democrazia del paese. Molti brasiliani di destra, a loro volta, hanno accusato la Giustizia di abusare del suo potere.

Due membri di sinistra del Congresso brasiliano hanno dichiarato lunedì di aver presentato richieste formali alla Corte Suprema e al pubblico ministero, chiedendo la custodia cautelare di Bolsonaro.

Il signor Bolsonaro è l’obiettivo di varie indagini penali. In un caso, la scorsa settimana, la polizia federale ha raccomandato un’accusa penale contro di lui per aver partecipato a una cospirazione per falsificare i suoi dati sulle vaccinazioni contro il coronavirus. In questo caso la Procura non è ancora intervenuta.

Ci furono ripercussioni anche per i diplomatici ungheresi in Brasile. Il ministero degli Esteri brasiliano ha dichiarato di aver convocato l'ambasciatore ungherese, Miklós Halmay, per spiegare la permanenza di Bolsonaro presso l'ambasciata.

READ  Il ministro Mark Harper nega che i conservatori abbiano un problema con la razza

In un incontro di 20 minuti con funzionari brasiliani, Halmay ha offerto la stessa spiegazione dell'avvocato di Bolsonaro: secondo un funzionario del Dipartimento di Stato che ha parlato in condizione di anonimato, l'ex presidente era all'ambasciata solo per parlare di politica. descrivere un incontro privato.

Maria Luisa Escoril, ministro brasiliano per l'Europa e il Nord America, ha detto a Halmay che è molto insolito per un ex presidente ospitare per diverse notti in una città dove possiede anche una casa, soprattutto perché è sotto criminalità, ha detto il funzionario. . indagine.

Paolo Motorin Reporting contribuito da Brasilia, e Leonardo Coelho Da Rio de Janeiro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto