Chips di mele sul tavolo

Il passaggio di Apple ai propri processori è quasi terminato. L’ultimo evento primaverile dell’azienda ha visto la comparsa di Mac Studio e M1 Ultra Processore: il pezzo di silicone più resistente fino ad oggi. Ma ha anche rivelato come potrebbe essere il futuro dei computer di Apple.

Per la prima volta, tutte le fiches Apple sono sul tavolo.

La prima intuizione cruciale è che Apple è ora una forza da non sottovalutare quando si tratta di chip (se non lo hanno già fatto). La ricezione incredibilmente positiva della prima ondata di computer M1, insieme a un successo simile MacBook Pro M1 Pro e M1 Max laptop l’anno scorso, La società è stata fondata in buona fede. Ma l’M1 Ultra ha visto Apple fare il suo più grande colpo, con quello che si vanta di essere “il chip più potente al mondo per un PC”.

Questi chip sono già diventati punti vendita per i computer. L’acquisto di un Mac non significa più solo ottenere il software Apple o l’estetica del design, ma anche ottenere il tipo di prestazioni e durata della batteria che nessun altro può offrire.

Apple ha sparato contro il processore di fascia alta di Intel, il Core i9-12900K, rivendicando un miglioramento del 90% rispetto all’M1 Ultra nelle prestazioni multi-thread allo stesso livello di potenza e nella capacità di eguagliare i migliori numeri di Intel utilizzando 100 watt in meno di energia. azienda Ottieni una vittoria simile sulla GPU Nvidia RTX 3090, che secondo Apple supera le prestazioni consumando 200 watt in meno. (Ovviamente, non vediamo l’ora di testare questi numeri noi stessi nei prossimi giorni e settimane.) La transizione di Apple Silicon non è più un’esperienza: è il futuro di Apple e uno a cui i produttori di PC devono prestare attenzione per andare avanti.

Quante volte Apple può raddoppiarlo?
Foto: Mela

Poi c’è il modo in cui Apple costruisce i suoi chip. Al momento, Apple ha quattro diversi modelli dei suoi chipset M1 basati su Arm, che offuscano il confine tra i fattori di forma del prodotto in un modo che di solito non vediamo dai semiconduttori. Apple adotta un approccio diverso: invece di creare chip per hardware specifico, Apple ha effettivamente costruito un chip davvero buono: il proprio processore serie A. E tutto ciò che stava facendo era aumentarlo, apparentemente senza limiti. Dal telefono, al laptop, a quello che si dice sia il desktop più potente, la salsa segreta di Apple sembra non essere altro che Raddoppia la dimensione di ogni fetta E il Getta più raffreddamento ad ogni passo. Ma è fantastico perché nessuna azienda è mai riuscita a farlo e perché consente ad Apple di costruire un’intera famiglia di computer da 430 dollari a 8000 dollari (e contando) circa un punto nella sua roadmap di ingegneria del silicio.

L’M1 del MacBook Air o dell’iPad è lo stesso chip che si trova nei computer desktop iMac e Mac Mini di Apple e funziona più o meno alle stesse velocità ed efficienza. L’M1 Max va da un laptop MacBook Pro a una scrivania con Mac Studio. E anche l’ultra potente M1 Ultra dell’azienda non è un design incentrato sul desktop, dal momento che è sufficiente elaborare un M1 Max in un impermeabile. I dispositivi vengono contrassegnati in base a determinate funzionalità o fattori di forma, non necessariamente alla loro potenza.

Il MacBook Air M1 ha trasformato il capo del settore quando abbiamo visto cosa poteva fare Arm.
Foto di Vjeran Pavic / The Verge

I MacBook Pro Beefier esistono lanciando più core e raffreddando gli stessi problemi.
Foto di Amelia Holowaty Krales/The Verge

È quello stile di ridimensionamento che probabilmente vedremo anche con il prossimo Mac Pro di Apple Bloomberg Mark Gurman riporta entro la fine dell’anno con un massimo di 40 core CPU e 128 core grafici su un chip (l’equivalente di quattro processori M1 Max combinati insieme, o due chip M1 Ultra). È un’altra complicazione: dovrebbe essere aggiunto più raffreddamento per compensare.

Allo stesso modo in cui Apple ha differenziato Mac Studio e Macbook Pro con diversi fattori di forma, porte e set di funzionalità, probabilmente vedremo un cambiamento simile per aiutare il nuovo Mac Pro a distinguersi dal Mac Studio. L’attuale Mac Pro è il prodotto più potente (e più costoso) di Apple, uno che si adatta a una nicchia molto diversa rispetto ad altri computer, e uno che ha una buona parte degli errori che l’azienda ha commesso nel corso degli anni. Anche Apple l’ha giudicato male Di cosa hanno bisogno gli utenti esperti dai loro dispositivi.

Il Mac Pro con alimentazione M1 avrà probabilmente bisogno di più del doppio del numero di core M1 per soddisfare i professionisti; Necessita di scalabilità, modularità e personalizzazione. Cose come schede PCIe, slot di memoria accessibili all’utente, compatibilità con schede grafiche discrete e acceleratori hardware esterni: gli stessi fattori che hanno reso l’ultimo aggiornamento del 2019 un successo (e la cui mancanza ha portato al 2016) modello di pattumiera quasi subito). Nessuno dei design basati su Arm di Apple offriva nessuna di queste cose e rimane una domanda aperta se Apple sarebbe interessata a offrirle a qualsiasi livello.

Un chip M1 Ultra arcobaleno luminoso, circondato da moduli di memoria integrati

Non ci sono slot RAM sull’M1 Ultra: questi quadrati neri sono memoria integrata.
Foto: Mela

La pura potenza della CPU e della GPU di Apple potrebbe significare che può battere l’attuale RTX 3090; La GPU a 128 core in Mac Pro offre un cuscino più ampio per un periodo di tempo più lungo. Ma senza parti aggiornabili dall’utente, Apple costringerà i futuri acquirenti di Mac Pro ad anticipare tutte le loro esigenze sin dall’inizio. Tuttavia, dovremo aspettare un annuncio più ufficiale per vedere se Apple può sfuggire alla trappola di appoggiarsi troppo sui sistemi non aggiornabili.

La striscia sempre più sfocata tra i prodotti si applica anche ai chip stessi: mentre il conteggio dei core, la divisione tra core efficienti e le prestazioni variano da modello a modello (e anche all’interno delle famiglie di processori, dove Apple offre una varietà di configurazioni), i core stessi sono lo stesso: un core ad alte prestazioni Firestorm sul MacBook Air da $ 999 è più o meno lo stesso dell’M1 Ultra di Mac Studio a $ 3999, Velocità di clock fino a 3,23 GHz, sebbene i chip più potenti siano dotati di cache aggiuntiva e larghezza di banda della memoria dinamica. Tecnicamente, i core Firestorm dell’M1 non sono molto diversi da quelli dell’A14 dell’iPhone 12, anche se i core dell’iPhone funzionano un po’ più lentamente.

Gli ultimi processori Intel di 12a generazione sono costruiti utilizzando un approccio a livelli simile, con una combinazione di prestazioni e core efficienti dai chip desktop più potenti ai modelli di laptop leggeri più compatibili con la batteria. Ma i chip Intel non si stanno espandendo allo stesso modo di Apple, con prodotti ancora più tradizionalmente suddivisi in più bucket per diverse classi di modelli di laptop e desktop. I chip desktop Intel (per lo più) non vengono trasferiti su laptop o tablet allo stesso modo di Apple.

M2 domanda

Infine, c’è il futuro dei processori Apple. Apple Silicon è chiaramente qui per restare (in questo momento, Apple vende solo un paio di dispositivi basati su Intel: un vecchio Mac Mini con hardware molto vecchio e un Mac Pro che sarà presto sostituito). Ciò significa che ad un certo punto, forse già quest’anno, inizieremo a vedere un file prossimo Un’ondata di maghi, che si tratti di “M2” o di qualche altro nome.

Qualunque sia la prossima generazione di chip Apple, probabilmente non sarà lo stesso tipo di enorme balzo in avanti dovuto al passaggio da Intel a M1. Invece, è probabile che si tratti di un aggiornamento graduale e incrementale, simile ai cambiamenti da una generazione di processori iPhone serie A a quella successiva.

Quando si tratta di aggiornare i processori, ci sono due modi efficaci per farlo. Puoi utilizzare un’architettura nuova (o aggiornata) che offre CPU o core GPU più potenti o efficienti, oppure puoi passare a un nodo di produzione più piccolo, consentendoti di imballare più transistor in uno spazio simile o ridurre ulteriormente dispositivi simili.

L’M1 Ultra in realtà non utilizza gli ultimi core Apple.
foto; una mela

Sappiamo che Apple ha già design migliori del silicio: il chipset A15 dell’azienda ha i più avanzati core Avalanche e Blizzard ad alta efficienza energetica, che (almeno sulla carta) sono migliori dei core Firestorm e Icestorm che li hanno sostituiti ( che erano originariamente Apple Ha debuttato con il chip A14 nella gamma iPhone 12). Storicamente, Apple ha avuto la tendenza a concentrarsi sul miglioramento dei suoi design single core con i suoi chipset della serie A su iPhone, ma i profitti tendono a essere inferiori di anno in anno.

La “M2” potrebbe seguire in futuro in questo senso e iniziare ad aggiornare la gamma di chipset di Apple con core Avalanche e Blizzard, offrendo potenzialmente prestazioni o guadagni di efficienza simili all’aggiornamento dell’iPhone 12 all’iPhone 13. Al massimo. Una voce da 9to5Mac Indica che Apple sta cercando di farlo per la sua gamma M2, oltre ad aggiungere core GPU aggiuntivi ad alcuni dei suoi modelli di chipset.

Apple potrebbe anche – come suggeriscono molte voci – fare un aggiornamento più modesto e prendere i progetti M1 esistenti e spostarli su un nodo di produzione più avanzato. Questo è qualcosa che potrebbe accadere già quest’anno, con rapporti Che Apple possa spedire un nuovo MacBook Air con un chipset sostanzialmente identico costruito sul nodo TSMC a 4 nm, piuttosto che sul nodo a 5 nm che attualmente utilizza per i chip M1, il che potrebbe consentire ad Apple di aumentare le prestazioni e/o l’efficienza energetica.

Salvo alcune disgrazie con il Mac Pro, è chiaro che Apple ha realizzato la prima generazione di computer in grande stile. Ma i suoi concorrenti non stanno a guardare: Intel sta finalmente distribuendo i suoi chip per laptop di prossima generazione e anche i prodotti AMD sono migliori che mai. E questo non include nemmeno la competizione armata, come i piani incombenti di Qualcomm per portare la lotta Apple con il suo chipset progettato da Nuvia nel 2023.

Apple Silicon è stato un nuovo inizio per l’hardware del PC dell’azienda che l’ha spinta davanti alla concorrenza. Ma con la transizione in via di completamento, Apple deve fare molto di più che impressionarla una volta: deve mantenere questo slancio continuo anche per i prodotti futuri.

READ  Amazon e Visa raggiungono una tregua globale sulle commissioni delle carte di credito

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,596FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles