Citibank vince la causa dopo aver licenziato un dipendente per aver mentito sulle spese del pranzo per due panini

Il signor Fickett inizialmente ha detto di aver mangiato da solo 2 panini, 2 pasta e 2 caffè.

Il colosso bancario Citibank ha vinto una battaglia legale nel Regno Unito dopo aver licenziato un dipendente per aver addebitato al suo partner panini e caffè durante un viaggio d’affari e aver poi mentito al riguardo. secondo BBC, l’ex analista finanziario Szabolcs Fekete ha citato in giudizio la banca per licenziamento ingiusto dopo essere stato licenziato l’anno scorso per colpa grave in merito a una richiesta di rimborso spese. Inizialmente aveva detto di aver mangiato lui stesso i due panini, i due piatti di pasta e le due tazze di caffè durante un viaggio d’affari ad Amsterdam, ma in seguito ha ammesso che il suo partner aveva condiviso parte del cibo con lui.

secondoBBCIl signor Fickett, che ha lavorato presso Citibank per sette anni, si era recato ad Amsterdam per lavoro dal 3 al 5 luglio 2022. Al suo ritorno a Londra, ha presentato una richiesta per le spese di cibo e bevande che riteneva fossero coperte dalla diaria della sua azienda. . Tuttavia, il supervisore che ha presentato la sua richiesta gli ha chiesto se avesse consumato tutto il cibo per il quale chiedeva un risarcimento.

In Scambio di e-mail Il dipendente della Citibank e il suo manager hanno detto che “ha controllato la ricevuta e non ha visto nulla di rotto… ero in viaggio d’affari da solo… ho preso due tazze di caffè perché erano troppo piccole”.

In risposta, il direttore di Citibank ha detto che la ricevuta “sembra contenere due panini, due caffè e un’altra bevanda… Consiglieresti di consumare tutto questo?”

READ  Una rapida inversione di tendenza delle obbligazioni e un rally delle azioni coronano una settimana selvaggia per i mercati

Fickett ha spiegato: “Quel giorno ho saltato la colazione e ho preso solo un caffè al mattino. A pranzo ho mangiato un panino con una bevanda e un caffè al ristorante, ho portato un altro caffè con me in ufficio e ho preso un secondo panino”. nel pomeriggio.”Che era anche la cena.”

Ha detto anche al suo manager: “Tutte le mie spese rientrano nell’indennità giornaliera di 100 euro. Puoi spiegarmi cosa ti preoccupa perché non penso di dover giustificare le mie abitudini alimentari a quel punto”.

Leggi anche | Gli hacker affermano di aver rubato i dati del DNA di milioni di utenti e di averli venduti online

D’altro canto la banca ha precisato che la sua domanda non riguardava l’importo ma se il sinistro avesse violato la sua politica di gestione delle spese, che prevede il non rimborso delle spese di viaggio e dei pasti della moglie. Mi chiedevo anche se avesse condiviso due cene a base di pesto e spaghetti alla bolognese con la sua compagna. Ma il signor Fickett ha detto che non era così.

Tuttavia, in seguito ha ammesso di aver condiviso il cibo, che aveva pagato al suo datore di lavoro, con la sua compagna. Ha anche affermato di aver avuto difficoltà personali in seguito alla morte di sua nonna, di aver preso sei settimane di congedo medico e di assumere farmaci forti quando ha risposto alle e-mail.

Tuttavia, Citibank alla fine licenziò Fickett. Il giudice del lavoro Eling ha concluso che il suo licenziamento era giusto perché il signor Fickett inizialmente non era stato onesto riguardo alle spese erroneamente dichiarate.

READ  Amazon abbandona i pagamenti senza contanti nei suoi negozi di alimentari

“Ho scoperto che questo caso non riguarda le somme di denaro coinvolte. Questo caso riguarda la presentazione della richiesta di rimborso spese e la condotta del querelante da allora in poi”, ha detto.

Il giudice ha aggiunto: “È significativo che il ricorrente non abbia fatto un’informativa completa e franca alla prima occasione e che non abbia risposto direttamente alle domande”.

Un portavoce di Citibank ha detto in risposta alla sentenza: “Siamo soddisfatti della decisione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto