Crisi in Medio Oriente: il disastroso convoglio faceva parte di un nuovo sforzo israeliano per fornire maggiori aiuti a Gaza

Secondo un funzionario israeliano e palestinesi e palestinesi, il convoglio umanitario che giovedì si è trasformato in un disastro, concludendosi con la morte di dozzine di palestinesi, faceva parte di una nuova operazione israeliana per consegnare cibo di cui gli abitanti di Gaza hanno tanto bisogno, lavorando direttamente con uomini d'affari locali. Uomini d'affari occidentali. Diplomatici.

Con una mossa rara, la settimana scorsa Israele ha co-organizzato almeno quattro convogli di aiuti nel nord di Gaza, dopo che le organizzazioni umanitarie internazionali avevano sospeso le operazioni nell'area, citando il rifiuto di Israele di dare il via libera ai camion degli aiuti e la crescente illegalità. Ma giovedì questi sforzi si sono rivelati controproducenti per i pianificatori israeliani.

Due diplomatici occidentali, che hanno parlato a condizione di anonimato a causa della delicatezza della questione, hanno affermato che i soccorsi israeliani stanno cercando di riempire il vuoto lasciato dalle Nazioni Unite e da altre agenzie umanitarie. L'esercito israeliano e l'ufficio del primo ministro israeliano hanno rifiutato di commentare.

IL Le Nazioni Unite hanno messo in guardia Più di 570.000 abitanti di Gaza – soprattutto nel nord di Gaza – affrontano “livelli catastrofici di privazione e fame” dopo quasi cinque mesi di guerra e un blocco israeliano quasi completo della Striscia in seguito agli attacchi guidati da Hamas del 7 ottobre.

Alcuni residenti hanno fatto irruzione nei magazzini delle case abbandonate, mentre altri hanno macinato mangime per animali per ricavarne farina. I convogli umanitari delle Nazioni Unite che trasportavano beni essenziali nel nord di Gaza sono stati saccheggiati da civili che temevano di morire di fame o da bande organizzate.

I funzionari delle Nazioni Unite avevano fatto appello a Israele affinché gli permettesse di “inondare il mercato” di cibo o almeno di aprire un nuovo valico di frontiera nel nord di Gaza. Invece, hanno detto i diplomatici, i funzionari israeliani hanno deciso di muoversi per colmare il divario da soli.

READ  Le azioni russe crollano e il rublo scende al minimo storico

Secondo due uomini d'affari palestinesi coinvolti nell'operazione, Izzat Akl e Jawdat Khudari, funzionari militari israeliani hanno contattato diversi uomini d'affari di Gaza e hanno chiesto loro di aiutare a organizzare almeno quattro convogli di aiuti privati ​​verso il nord.

Il signor Akl ha detto in un'intervista al New York Times di aver contribuito a rifornire alcuni dei camion che partecipavano allo sfortunato convoglio di giovedì. Ha detto che un ufficiale militare israeliano lo ha chiamato circa 10 giorni fa e gli ha chiesto di organizzare camion di aiuti nel nord di Gaza trasportando quanto più cibo e bevande possibile.

Come il signor Akl, il signor Al-Khodary ha detto di aver organizzato alcuni camion che trasportavano aiuti come parte di un'iniziativa di soccorso che include Israele. “La mia famiglia, i miei amici e i miei vicini stanno morendo di fame”, ha detto Al-Khudari, aggiungendo: “Sono un uomo pratico”.

Il portavoce militare israeliano, tenente colonnello Peter Lerner, ha detto giovedì che il convoglio speciale faceva parte di diversi giorni di operazioni umanitarie per distribuire forniture alimentari a Gaza sotto la supervisione delle forze israeliane.

“Negli ultimi quattro giorni, convogli come quello che abbiamo inviato questa mattina – questa mattina 38 camion carichi – sono passati nel nord di Gaza per distribuire forniture alimentari che provengono da donazioni internazionali ma su veicoli privati”, ha detto giovedì a Channel 4 britannico.

Non è chiaro chi abbia acquistato gli aiuti trasportati sui camion e se altre parti siano state coinvolte in questa parte dell'operazione.

Giovedì, più di 100 palestinesi sono stati uccisi e più di 700 feriti mentre si radunavano nell’oscurità prima dell’alba attorno a camion carichi di cibo e altri rifornimenti, secondo i funzionari sanitari di Gaza.

Testimoni oculari hanno descritto diffuse sparatorie da parte delle forze israeliane in mezzo al panico diffuso, e i medici negli ospedali di Gaza hanno affermato che la maggior parte dei morti e dei feriti sono stati causati dagli spari. Testimoni hanno detto che altri sono rimasti schiacciati sotto i camion mentre cercavano di scappare. I funzionari sanitari di Gaza lo hanno descritto come un “massacro”.

READ  Il segretario generale delle Nazioni Unite afferma di non avere "alcuna autorità" prima della riunione annuale

L’esercito israeliano ha affermato che le sue forze hanno aperto il fuoco dopo che membri della folla si sono avvicinati “in un modo che li ha messi in pericolo”. La maggior parte delle morti sono state attribuite a una fuga precipitosa mentre i palestinesi affamati cercavano di impossessarsi del carico.

Testimoni oculari hanno detto che migliaia di abitanti di Gaza si sono accampati durante la notte in attesa dell'arrivo del convoglio giovedì, nel disperato tentativo di ottenere alcune delle scorte di cibo che si diceva fossero in arrivo.

Dall’inizio della guerra, Israele ha limitato l’ingresso degli aiuti umanitari. La campagna di bombardamenti e l'invasione di terra hanno eliminato il controllo di Hamas sul nord di Gaza, lasciando un enorme vuoto di sicurezza e una catastrofe umanitaria.

I leader israeliani hanno ripetutamente affermato che, mentre vogliono mantenere il “controllo della sicurezza” a Gaza, vogliono che siano altri a gestire questioni civili come la sanità e l’istruzione. Ma non è chiaro quali opzioni abbiano, ed ex funzionari israeliani hanno avvertito che il governo israeliano non ha ancora pianificato seriamente chi si prenderà cura dei civili nella devastata Striscia di Gaza dopo la guerra.

La crisi umanitaria è peggiorata la scorsa settimana dopo che il Programma alimentare mondiale si è unito all’UNRWA, l’agenzia delle Nazioni Unite che serve i palestinesi a Gaza, nel bloccare le spedizioni di aiuti verso il nord. Il Programma alimentare mondiale, anch’esso organismo delle Nazioni Unite, ha sottolineato il caos che prevale nella regione.

In conversazioni private, funzionari israeliani hanno affermato di aver avviato l'operazione di aiuto nel nord, in coordinamento con uomini d'affari privati ​​a Gaza, alla luce della decisione delle Nazioni Unite di interrompere l'invio di convogli lì, secondo diplomatici occidentali.

READ  Netanyahu afferma che lo sciopero che ha ucciso 7 operatori umanitari a Gaza non è stato intenzionale: aggiornamenti in tempo reale

Un funzionario della sicurezza israeliano, che ha parlato a condizione di anonimato data la delicatezza della questione, ha confermato che Israele ha coordinato i convogli con uomini d'affari privati ​​a Gaza.

Il signor Akl ha detto che a partire da questa settimana, i primi tre convogli dell'operazione – ciascuno composto da 15 a 25 camion – si sono diretti verso il nord di Gaza senza problemi significativi. Ha aggiunto che alcuni di questi camion erano camion di aiuti inviati da lui, mentre altri erano organizzati da altri appaltatori.

Akl ha affermato che il convoglio finito in uno spargimento di sangue ha lasciato il valico di Kerem Shalom tra Israele e Gaza prima di dirigersi verso il nord di Gaza, con l'obiettivo di raggiungere aree dove gli aiuti non arrivano da settimane. Ha aggiunto che nel tentativo di garantire la sicurezza dei camion, questi sono entrati nel nord di Gaza intorno alle 4:45

A quel punto si erano radunate folle di gazawi disperati, in attesa nell’oscurità.

“Migliaia di persone si sono riversate sulla strada costiera cercando di portare con sé i rifornimenti in arrivo”, ha detto Akl. “Sapevano che stavano arrivando i rifornimenti, quindi sono rimasti lì e hanno aspettato fino all'alba.”

Aqel ha detto che gli abitanti di Gaza frenetici vagavano intorno ai camion cercando di impossessarsi dei rifornimenti, provocando fughe, spari e caos.

Ha aggiunto: “Se avessero aspettato, avremmo inviato loro più aiuti”. “Ma avevano fame.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto