Draymond Green è stato espulso a meno di quattro minuti dall'inizio della partita contro i Magic mentre i Warriors competono per il posto finale nel Play-In

I Golden State Warriors hanno bisogno di ogni vittoria possibile per chiudere la stagione mentre competono per un posto post-stagionale nella Western Conference. Entrando mercoledì sera, hanno guidato gli Houston Rockets di una partita per il seme n. 10, l'ultimo posto in cui giocare. Ogni partita sarà pubblicizzata nel corso del tempo, e quello che è successo nei primi minuti dell'incontro con gli Orlando Magic non poteva essere quello che i Warriors avevano in mente.

A meno di quattro minuti dall'inizio del primo quarto della partita di mercoledì, l'attaccante dei Warriors Draymond Green è stato espulso dopo aver commesso due falli tecnici mentre discuteva con l'arbitro Ray Acosta. Green si è surriscaldato dopo un canestro dell'attaccante dei Magic Paolo Banchero, mentre si avvicinava ad Acosta e sembrava toccare il braccio dell'arbitro. Green ha ricevuto un fallo tecnico, ma ha continuato a discutere mentre si dirigeva verso la panchina, provocando la sua seconda espulsione tecnica e automatica.

Dopo la partita, il capo dell'equipaggio Mitchell Irvin ha spiegato che Green ha ricevuto un secondo fallo tecnico per aver rivolto “un linguaggio osceno e profano verso un ufficiale di gara”.

E con i Warriors – che mercoledì erano senza Jonathan Kuminga – che avevano bisogno di vincere quante più partite possibili, la frustrazione dei compagni di squadra di Green, incluso Stephen Curry, era palpabile.

Fortunatamente per i Warriors, sono riusciti a resistere fino alla vittoria per 101-93 a Orlando, grazie a una tripla di Curry e 23 punti di Andrew Wiggins.

“Peccato. È stato un peccato. Se lo meritava”, ha detto Kerr dopo l'espulsione di Green. “Si riprenderà. Sono orgoglioso dei ragazzi che si sono fatti avanti”.

READ  La partita quasi perfetta di Brock Purdy contro i Cardinals non sorprende i 49ers - NBC Sports Bay Area & California

Green ha ora registrato 21 cessioni nella sua carriera, secondo solo alle 29 cessioni di Rasheed Wallace in NBA data. A dicembre, Green è stato sospeso per 12 partite per un flagrante fallo sul giocatore dei Phoenix Suns Jusuf Nurkic. L'NBA ha citato le precedenti azioni di Green nella sua spiegazione della sospensione a tempo indeterminato originale.

L'impennata di vittorie dei Warriors a gennaio e febbraio ha coinciso con il ritorno di Green, poiché sono diventati una delle migliori squadre difensive del campionato. Green ha totalizzato il maggior numero di punti (8,8) dalla stagione 2017-18, raccogliendo sette rimbalzi e distribuendo sei assist a partita. Sta anche tirando con il 38,7% da 3 punti, il suo punteggio più alto dal 2015-16. Il punteggio difensivo dei Warriors migliora di quasi cinque punti ogni 100 possedimenti quando è a terra.

Golden State affronterà i Rockets per l'ultima volta in questa stagione giovedì prossimo, un incontro che potrebbe dimostrarlo Fondamentale per le gare Play-In. Con Green ancora una risorsa vitale per i Warriors su entrambi i fronti, sperano che possa rimanere in campo per tutta la durata di questa partita.

Cerchi più copertura NBA? Jon Gonzalez, Bill Reiter, Ashley Nicole Moss e ospiti speciali si tuffano ogni giorno nelle storie più importanti della lega su Podcast Oltre l'Arco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto