È morto all’età di 90 anni l’arcivescovo Tutu, attivista anti-apartheid in Sudafrica

  • Tutu ha vinto il premio Nobel per la pace per la sua opposizione non violenta all’apartheid
  • Tutu considerava la coscienza della nazione sia bianca che nera
  • Il guerriero anti-apartheid ha combattuto per la “Nazione Arcobaleno”
  • Il governo non ha detto cosa ha causato le morti
  • A Tutu è stato diagnosticato un cancro negli anni ’90

JOHANNESBURG, 26 dicembre (Reuters) – È morto all’età di 90 anni l’arcivescovo Desmond Tutu, vincitore del Premio Nobel per la pace e veterano della lotta del Sudafrica contro il dominio delle minoranze bianche.

Tutù nel 1984 Ha ricevuto il Premio Nobel per la pace per la sua opposizione nonviolenta all’apartheid. Un decennio dopo, ha visto la fine di quel regime ed è stato a capo di una Commissione per la verità e la riconciliazione per scoprire le atrocità di quei giorni bui.

Tutu, che parlava apertamente, era considerato sia dai neri che dai bianchi come la coscienza della nazione, un testamento duraturo del suo spirito di speranza e armonia in una nazione divisa.

Iscriviti ora per un accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Gli è stato diagnosticato un cancro alla prostata alla fine degli anni ’90 e negli ultimi anni è stato ricoverato in diverse occasioni per curare infezioni legate al suo trattamento contro il cancro.

La morte dell’arcivescovo emerito Desmond Tutu è un’altra pietra miliare nell’addio della nostra nazione alla generazione di grandi sudafricani che ci ha regalato un Sudafrica liberato”, ha affermato il presidente Cyril Ramaphosa.

“Desmond Tutu è un patriota impari.”

Il presidente non ha detto cosa ha causato la morte.

READ  40 La migliore lavatrici ad ultrasuoni del 2022 - Non acquistare una lavatrici ad ultrasuoni finché non leggi QUESTO!

Tutu predicò contro la tirannia della minoranza bianca, ma anche dopo la sua fine non vacillò mai nella sua lotta per un onesto Sudafrica, definendo l’élite politica nera quanto crudele fosse con gli africani bianchi.

Nei suoi ultimi anni, si è pentito del suo sogno “Nazione Arcobaleno” Non ancora soddisfatto.

“Finalmente, all’età di 90 anni, è morto pacificamente all’Oasis Fry Care Center di Cape Town questa mattina”, ha affermato il dott. Rambola Mambole, presidente esecutivo dell’arcidiocesi Desmond Tutu IP Foundation e coordinatore dell’ufficio dell’arcivescovo. In una dichiarazione a nome della famiglia Tutu.

UN Tutù dall’aspetto debole Per il suo servizio speciale del Ringraziamento in occasione del suo novantesimo compleanno a ottobre, la sua ex chiesa presso la Cattedrale di San Giorgio a Città del Capo è stata un rifugio sicuro per gli attivisti anti-apartheid.

L’arcivescovo Desmond Tutu ride mentre le persone si riuniscono per festeggiare il suo compleanno il 7 ottobre 2017, fuori dalla cattedrale di San Giorgio a Cape Town, in Sudafrica, aprendo un arco in sua memoria. REUTERS / Mike Hutchings

Conosciuto come la “bussola morale della nazione”, il suo coraggio nel difendere la giustizia sociale, anche a caro prezzo, è sempre stato traspariva – Non solo durante l’era dell’apartheid. Spesso fallì con i suoi ex alleati nel partito al governo dell’African National Congress, che si impegnava a sradicare la povertà e la disuguaglianza.

Alto solo cinque piedi e cinque pollici (1,68 metri) e con un sorriso contagioso, Tutu ha contribuito a ispirare campagne di base in tutto il mondo per porre fine all’apartheid attraverso l’abbandono economico e culturale.

READ  Il più grande incubatoio del mondo

Sebbene molti dei leader dell’ANC ribelle, come Nelson Mandela, fossero dietro le sbarre, ha viaggiato instancabilmente per tutti gli anni ’80, ma è diventato il volto del movimento anti-apartheid all’estero.

Cattedrale del Popolo

Tributi Versato da tutto il mondo.

L’arcivescovo di Canterbury Justin Welby ha elogiato Tutu su Twitter, dicendo che era “un profeta e un prete, un uomo di parole e azioni”, mentre il miliardario britannico Richard Branson ha detto in un post sul blog: Il mondo ha perso un gigante. Era un leader coraggioso, una cheerleader dispettosa, un profondo pensatore e un caro amico”.

Conosciuta come la “Cattedrale del popolo” e un potente simbolo di democrazia, Tutu ha guidato molte marce e campagne per porre fine al razzismo dai primi gradini.

Era un amico di lunga data di Mandela e la coppia ha vissuto per un po’ nella stessa strada nella città sudafricana di Soweto, rendendo Vilagasi Street l’unica strada al mondo ad ospitare due premi Nobel.

“Il suo tratto più caratteristico è che è disposto ad assumere posizioni che non piacciono alle persone senza paura”, ha detto una volta Mandela di Tutu. “Tale libertà mentale è essenziale per una democrazia prospera”.

Al servizio di Santo Stefano a St. George’s, c’erano solo una manciata di persone presenti per ascoltare la notizia della morte di Tutu in un breve tributo a Michael Weeder, che ha parlato dal sermone dell’ex arcivescovo. Comando” prima di chiedere ai parrocchiani di chinare il capo in silenzio per un momento.

“È triste, ma è vecchio e ha servito bene il suo Paese. Una passeggiata mattutina a Cape Town.

Rapporto aggiuntivo di Wendell Roelf; Scritto da James Macharia Seke; Montaggio di Robert Brussel, Kirsten Donovan

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,498FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles