Ecco perché è così importante che un uomo ricco vada nello spazio per la seconda volta

Ingrandire / L’equipaggio della Polaris Dawn da sinistra a destra: Anna Menon, Scott Poteet, Jared Isaacman e Sarah Gillies.

Programma John Krause/Polaris

Durante il fine settimana, l’equipaggio della prossima missione Polaris Dawn ha condiviso una serie di dettagli sull’intrigante missione speciale che invierà gli esseri umani più lontano di quanto abbiano viaggiato dalla Terra in mezzo secolo.

La missione, guidata e finanziata dall’astronauta privato Jared Isaacman, cerca di testare nuove tecnologie che favoriranno l’espansione dell’umanità nello spazio. Tra gli obiettivi ci sono quello di aumentare le prestazioni della navicella spaziale Dragon e del razzo Falcon 9, condurre la prima passeggiata spaziale commerciale con una nuova tuta spaziale sviluppata da SpaceX e testare le comunicazioni basate sul laser Starlink nello spazio.

“Il nostro primo obiettivo è viaggiare più lontano della Terra e dell’ultima volta che gli esseri umani hanno camminato sulla Luna con l’Apollo 17, oltre 50 anni fa”, ha detto Isaacman durante una chat online ospitata dal sito di social network X. L’apogeo è a 1.400 chilometri, quindi siamo all’interno della fascia di radiazioni di Van Allen, quindi è una grande opportunità per noi per ottenere alcuni dati, ma in realtà si tratta di spingerci oltre la nostra zona di comfort.

La missione Polaris Dawn non ha una data di lancio, ma i funzionari di SpaceX hanno confermato che ora sarà la prossima missione con equipaggio che la compagnia effettuerà. Probabilmente ci saranno molti problemi di programmazione, ma la missione potrebbe essere lanciata entro le prossime sei-otto settimane.

Volare ad alte distanze

Dopo il decollo dalla Florida, Isaacman ha affermato che il Dragon completerà sette orbite con un’altitudine massima di circa 1.400 chilometri, che è il doppio dell’altitudine raggiunta da qualsiasi missione con equipaggio dal 1972. Successivamente, il veicolo scenderà su un’orbita più circolare di circa 700 chilometri. . Quanto e prepararsi per una passeggiata nello spazio.

READ  Aggiornamenti in tempo reale dall'eclissi solare anulare del 2023

Oltre a Isaacman, che ha volato nello spazio per la prima volta nel settembre 2021 come comandante della navicella spaziale civile Inspiration 4, l’equipaggio di questa missione comprende un tenente colonnello dell’aeronautica militare in pensione e pilota esperto di nome Scott Poteet, e due ingegneri di SpaceX, Sarah. Gillies e Anna Menon. Questa sarà la prima volta che un dipendente SpaceX viaggerà nello spazio.

Dopo essersi sistemati nell’orbita più bassa, l’equipaggio si preparerà per una passeggiata nello spazio. Indosseranno tute spaziali e l’atmosfera all’interno della navicella spaziale Dragon verrà scaricata nello spazio. Isaacman e Gillis sarebbero quindi usciti dalla navicella, con le loro tute attaccate all’aria del Drago e ad altri materiali di consumo tramite un cordone ombelicale.

Sarah Gillies, astronauta di Polaris Dawn e ingegnere di SpaceX, mostra la sua nuova tuta spaziale.
Ingrandire / Sarah Gillies, astronauta di Polaris Dawn e ingegnere di SpaceX, mostra la sua nuova tuta spaziale.

SpaceX

Sebbene gli astronauti governativi abbiano effettuato centinaia di passeggiate spaziali negli ultimi 60 anni, nessun privato cittadino ha mai intrapreso l’impresa.

“Questo è importante perché un giorno arriveremo sulla Luna e su Marte, e dovremo uscire dai nostri rover, fuori dalla sicurezza dell’habitat per esplorare, costruire e riparare cose”, ha detto Isaacman . SpaceX ha già detto che sta lavorando su una seconda generazione della tuta per le operazioni sulla Luna e su Marte.

L’azienda ha trascorso circa due anni a progettare la tuta spaziale EVA di prima generazione, un aggiornamento dell’attuale tuta di volo. È stato ampiamente testato in camere a vuoto e altre strutture in siti come il Johnson Space Center della NASA. Isaacman ha condiviso maggiori dettagli sulle tute in a Conversazione successiva Con l’ex astronauta canadese Chris Hadfield.

READ  Uno strano sciame sismico in Europa centrale indica la presenza di magma che scorre sotto la superficie

SpaceX ha anche modificato Dragon per le passeggiate spaziali. Una struttura chiamata “Skywalker” è stata attaccata alla navicella vicino al portello come ausilio alla mobilità, ha affermato Stu Kish, vicepresidente di Dragon presso SpaceX.

Questo ragazzo è legittimo?

Sarebbe facile liquidare Isaacman come un appassionato dello spazio che vive i suoi sogni di volo spaziale dopo essersi arricchito. (Secondo Forbes(Il fondatore di Shift4 Payments vale circa 1,5 miliardi di dollari.) Certo, adora volare. Possiede e pilota regolarmente un MiG-29, uno dei pochi aerei da combattimento sovietici in funzione negli Stati Uniti. Il volo spaziale è l’ultima frontiera per chi ama volare.

Ma Isaacman sembra essere più interessato a questo che alla semplice eccitazione. Durante i suoi primi due voli spaziali, Isaacman cercò e riuscì a cercare compagni di equipaggio provenienti da contesti diversi Donazioni di beneficenza Una componente chiave di ogni missione. Ho avuto diverse conversazioni con Isaacman negli ultimi cinque anni e lui ha costantemente sottolineato l’obiettivo di aprire il volo spaziale a più persone. Ad esempio, se si vuole che gli esseri umani abbiano una presenza veramente sostenibile nello spazio, le passeggiate spaziali dovrebbero essere un luogo comune. Quindi gli astronauti al di fuori della NASA dovranno iniziare a realizzarli. Il suo finanziamento per Polaris Dawn ha aiutato SpaceX a concentrarsi sullo sviluppo di tute per questo scopo in futuro.

Sabato, durante l’evento sui social media, ho chiesto a Isaacman quali fossero i rischi connessi a questa missione. Volando a un’altitudine maggiore rispetto al volo spaziale convenzionale, ventilando la cabina ed eseguendo passeggiate spaziali, lui e l’equipaggio si trovavano ad affrontare una nuova serie di pericoli.

READ  Immagini e video unici di eclissi solari dallo spazio, dall'aria, dalle montagne e altro ancora

“Ci siamo sentiti davvero a nostro agio nel passare dal punto A al punto B verso uno straordinario laboratorio internazionale galleggiante, ma penso che le ambizioni dell’umanità vadano oltre”, ha detto Isaacman della Stazione Spaziale Internazionale. “Incontreremo cose diverse. Il rischio è diverso quando si ventila il veicolo nel vuoto e si indossa una tuta spaziale. Ma penso che questi siano tutti passi positivi nella direzione del bene verso l’umanità, voi.” sapere. Interesse per esplorare il nostro sistema solare e oltre.”

Chiaramente, Isaacman approvava l’idea dell’insediamento spaziale. Si assume un rischio personale per contribuire a realizzare questa visione, investendo una parte significativa di denaro e tempo nella formazione. È una cosa coraggiosa, audace e importante da fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto