Elezioni iraniane: bassissima affluenza alle urne alle urne, vincono gli estremisti

Commenta la foto,

Si terrà il ballottaggio per più della metà dei 30 seggi di Teheran dopo che i candidati vincitori non sono riusciti a ottenere il 20% dei voti.

I sostenitori della linea dura hanno vinto la maggioranza dei seggi alle elezioni parlamentari iraniane, che hanno visto un'affluenza record, pari al 41%, dopo le richieste di boicottaggio.

La maggior parte delle figure moderate e riformiste sono state escluse dalla candidatura alle elezioni di venerdì, le prime dalle proteste del 2022 che hanno travolto il Paese.

Il ministro degli Interni Ahmed Wahidi ha dichiarato in una conferenza stampa che alle elezioni hanno partecipato 25 milioni dei 61 milioni di elettori aventi diritto.

È stato inoltre rivelato che circa il 5% dei voti espressi erano “non validi” o non validi.

Il presidente intransigente Ebrahim Raisi in precedenza ha elogiato “l'affluenza entusiasta”, che ha descritto come un “duro colpo” per gli oppositori della Repubblica islamica.

Ma il capo della coalizione di partiti del Fronte riformista – che ha rifiutato di partecipare alle elezioni, che considera “prive di significato” e “non competitive” – ​​ha detto che spera che le elezioni servano da “lezione” per lo Stato.

I media statali hanno citato le parole di Azar Mansouri: “Le autorità devono ascoltare la maggioranza silenziosa… e riformare il metodo di governo”. “Spero che se ne rendano conto prima che sia troppo tardi per riparare i danni che questo percorso causerà”.

Gli analisti hanno affermato che la bassa affluenza alle urne sarebbe una dimostrazione di disillusione nei confronti della politica, dopo che il leader supremo, l’Ayatollah Ali Khamenei, ha esortato le persone a votare.

Circa il 42% degli aventi diritto ha votato alle ultime elezioni parlamentari del 2020. Prima di allora il tasso di affluenza alle urne era stato costantemente superiore al 50%.

Il quartier generale elettorale iraniano ha annunciato lunedì che al primo turno sono stati assegnati 245 dei 290 seggi parlamentari.

I restanti 45 seggi andranno al ballottaggio perché i candidati vincitori non hanno ottenuto il 20% dei voti richiesto.

Solo 14 candidati hanno raggiunto la soglia elettorale nella capitale, Teheran, e nella provincia circostante, il che significa ballottaggio per più della metà dei 30 seggi della regione.

La maggior parte dei candidati vincitori a livello nazionale sono ultraconservatori, fieramente fedeli al sistema di governo islamico e contrari alle libertà politiche e sociali.

Spiegazione video,

Guarda: la corrispondente della BBC Carrie Davies visita un seggio elettorale a Teheran all'inizio delle votazioni

I conservatori hanno dominato anche le elezioni separate di venerdì per l'Assemblea degli Esperti, un organo clericale composto da 88 membri responsabile della nomina del prossimo leader supremo quando sarà il momento.

L'ayatollah Khamenei, la figura più potente della Repubblica islamica e comandante supremo delle forze armate, ha 84 anni e il nuovo consiglio durerà otto anni.

Come nel caso delle elezioni parlamentari, molti potenziali candidati sono stati squalificati dal Consiglio dei Guardiani, un severo organo di controllo composto da chierici e giuristi.

Tra quelli banditi c'è l'ex presidente Hassan Rouhani, un moderato che in precedenza ha prestato servizio nel consiglio per 24 anni.

Rouhani aveva avvertito a gennaio che tali decisioni avrebbero “minato la fiducia della nazione nel regime”, ma venerdì è andato a votare.

Un altro ex presidente, il riformista Mohammad Khatami, era tra coloro che non hanno votato, avendo avvertito il mese scorso che l’Iran era “molto lontano dallo tenere elezioni libere e competitive”.

Narges Mohammadi, premio Nobel per la pace e attivista per i diritti umani, ha denunciato le elezioni come “farsa”, in seguito a quella che ha definito la “repressione brutale e brutale” delle proteste del 2022.

I disordini sono scoppiati dopo la morte in custodia di Mahsa Amini, una giovane donna che era stata arrestata dalla polizia morale con l’accusa di aver indossato l’hijab “in modo inappropriato”. Centinaia di persone sono state uccise e migliaia arrestate nella repressione in corso da parte delle forze di sicurezza, che hanno descritto le proteste come “rivolte”.

Una donna che non ha votato ha detto lunedì alla BBC: “È la percentuale di voti più bassa [voter] Partecipazione alla Repubblica islamica. “Ma la gente pensa che in realtà sia inferiore al 41%.”

Quando le è stato chiesto se credesse nel tasso di partecipazione effettivo, ha risposto di aver visto commenti su Instagram che indicavano che il tasso di partecipazione avrebbe potuto raggiungere il 20%. “Alcuni dicono addirittura il 15%”, ha aggiunto.

Allo stesso modo, un'altra donna ha messo in dubbio l'affluenza ufficiale alle urne, dicendo: “Non è il vero risultato”.

READ  Quasi l'intera popolazione mondiale è stata esposta al riscaldamento globale nel periodo da giugno a settembre - studio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto