Funzionario ucraino dice che le persone stanno uscendo dall’edificio del teatro Mariupol bombardato

Il 16 marzo, manifestanti ucraini nella città occupata dai russi di Skodovsk. (Recuperato dalla CNN)

Mercoledì le forze russe hanno sparato gas lacrimogeni contro i manifestanti ucraini nella città occupata dalla Russia di Skodovsk mentre protestavano contro la detenzione del sindaco e di altri due funzionari, ha detto un cittadino sconosciuto per motivi di sicurezza.

Le truppe russe hanno arrestato mercoledì mattina il sindaco Alexander Yakolov, il suo vice Alexander Krychenko e il segretario del consiglio comunale Yuri Baluka, ha detto il cittadino. Decine di residenti della città portuale del Mar Nero si sono poi radunati fuori dal palazzo del governo dove i tre sono stati detenuti intorno a mezzogiorno.

Secondo l’incidente e un video del cittadino, le truppe russe hanno sparato gas lacrimogeni contro i manifestanti, che hanno protestato silenziosamente, cantato, cantato e cercato di mediare il rilascio dei tre ufficiali.

Secondo un video pubblicato su Telegram, Yakolov è stato rilasciato, ma non si sa dove si trovino il suo vice e segretario comunale.

Un po’ di contesto: Questa è la prima volta che i gas lacrimogeni sono stati usati dall’esercito russo contro gli ucraini nei territori occupati dall’inizio dell’invasione tre settimane fa.

Le truppe russe hanno spesso aperto il fuoco e hanno cercato di disperdere i manifestanti sparando loro in testa. Il 5 marzo almeno un manifestante È stato colpito a una gamba nella città orientale di Novopsk In tal caso.

READ  MLB, Players Association continua stasera a discutere di bozze internazionali/offerta di qualificazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto