Gli astronomi hanno finalmente scoperto un pianeta roccioso dotato di atmosfera

WASHINGTON – Gli astronomi hanno cercato per anni pianeti rocciosi al di fuori del nostro sistema solare che abbiano un’atmosfera, una caratteristica considerata essenziale per qualsiasi possibilità di ospitare la vita. Sembra che abbiano finalmente individuato un luogo. Tuttavia, ha una superficie di roccia fusa, che non offre alcuna speranza di abitabilità.

Il pianeta è una “super-Terra” – un mondo roccioso molto più grande del nostro pianeta ma più piccolo di Nettuno – che orbita pericolosamente vicino a una debole stella leggermente meno massiccia del nostro Sole, completando rapidamente la sua orbita ogni 18 ore circa, hanno detto i ricercatori. Mercoledì.

Le osservazioni a infrarossi effettuate con due strumenti a bordo del telescopio spaziale James Webb hanno indicato la presenza di un’atmosfera significativa, anche se inospitale, forse costantemente rifornita da gas emanati da un vasto oceano di magma.

“L’atmosfera è probabilmente ricca di anidride carbonica o monossido di carbonio, ma potrebbe contenere anche altri gas come vapore acqueo e anidride solforosa”, ha affermato lo scienziato planetario Renyu Hu del Jet Propulsion Laboratory della NASA e del California Institute of Technology dell’atmosfera. , autore principale dello studio pubblicato sulla rivista Nature.

Anche i dati di Webb non mostravano lo spessore dell’atmosfera. Ha detto che potrebbe essere spesso quanto la Terra o addirittura più spesso di Venere, la cui atmosfera tossica è la più densa del nostro sistema solare.

Il pianeta, chiamato 55 Cancri e o Janssen, è circa 8,8 volte più massiccio della Terra, e ha un diametro circa doppio di quello del nostro pianeta. Orbita attorno alla sua stella a una distanza di 25 volte la distanza tra il pianeta Mercurio e il Sole, ed è il pianeta più profondo del nostro sistema solare. Di conseguenza, la sua temperatura superficiale è di circa 3140 gradi Fahrenheit.

READ  Un'esplosione stellare irripetibile appare nel cielo dopo un intervallo di 80 anni

“In effetti, questo è uno dei pianeti rocciosi più caldi conosciuti”, ha detto l’astrofisico e coautore dello studio Brice-Olivier Demaury del Centro per lo spazio e l’abitabilità dell’Università di Berna in Svizzera. “Probabilmente ci sono posti migliori per le vacanze nella nostra galassia.”

Il pianeta è probabilmente bloccato in base alle maree, il che significa che è sempre rivolto dallo stesso lato della sua stella, proprio come fa la Luna verso la Terra. Il pianeta si trova nella nostra galassia, la Via Lattea, a circa 41 anni luce dalla Terra, nella costellazione del Cancro. Un anno luce è la distanza percorsa dalla luce in un anno, ovvero 5,9 trilioni di miglia. È noto che altri quattro pianeti, tutti giganti gassosi, orbitano attorno alla loro stella ospite.

Questa stella è legata gravitazionalmente ad un’altra stella in un sistema binario. L’altra è una nana rossa, che è il tipo più piccolo di stella regolare. La distanza tra questi compagni è 1.000 volte la distanza tra la Terra e il Sole, e la luce impiega sei giorni per viaggiare dall’uno all’altro.


Probabilmente ci sono posti di vacanza migliori nella nostra galassia.

– Brice Olivier Demaury, Università di Berna


Dopo tutte le ricerche, si scopre che l’esopianeta roccioso, di cui gli scienziati hanno finalmente trovato prove dell’esistenza di un’atmosfera, è un pianeta che probabilmente non dovrebbe averne una. Poiché è così vicino alla sua stella, tutta l’atmosfera deve essere strappata via dalla radiazione stellare e dai venti. I gas disciolti nel vasto oceano di lava che si ritiene ricopra il pianeta potrebbero continuare a evaporare per ricostituire l’atmosfera, ha detto Hu.

READ  La NASA ancora non comprende la causa principale del problema dello scudo termico di Orion

“Il pianeta non può essere abitabile”, ha detto Hu, perché è così caldo che non c’è acqua liquida, una condizione fondamentale per la vita.

Tutti i precedenti esopianeti di cui si è scoperto che avevano un’atmosfera erano gassosi, non rocciosi. Mentre Webb spinge i confini dell’esplorazione degli esopianeti, la scoperta di un pianeta roccioso con un’atmosfera rappresenta un progresso.

Sulla Terra, l’atmosfera riscalda il pianeta, contiene l’ossigeno che le persone respirano, protegge dalle radiazioni solari e crea la pressione necessaria affinché l’acqua liquida rimanga sulla superficie del pianeta.

“Sulla Terra, l’atmosfera è la chiave della vita”, ha detto Demory. “Questo risultato su 55 Cnc e fa sperare che Webb possa eseguire indagini simili su pianeti molto più freddi di 55 Cnc e, il che potrebbe supportare la presenza di acqua liquida sulle loro superfici. Ma non siamo ancora arrivati ​​a quel punto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto