Gli scienziati identificano gli elementi costitutivi del linguaggio dei capodogli

ROSEAU, Dominica (AP) – Gli scienziati che studiano i capodogli che vivono intorno all’isola caraibica di Dominica hanno descritto per la prima volta gli elementi di base del modo in cui parlano tra loro, in uno sforzo che un giorno potrebbe aiutare a proteggerli meglio. .

Come molte balene e delfini, i capodogli sono mammiferi altamente sociali Comunicano comprimendo l’aria attraverso il sistema respiratorio Per eseguire una serie di clic rapidi che possono suonare come chiusure lampo molto rumorose sott’acqua. I clic vengono utilizzati anche come forma di ecolocalizzazione per aiutarli a rintracciare la preda.

Gli scienziati hanno cercato per decenni di capire cosa potrebbero significare quei clic, ma hanno fatto pochi progressi. Anche se ancora non lo sanno, ora credono che esistano gruppi di clic che formano un “alfabeto fonetico” che le balene possono utilizzare per costruire l’equivalente approssimativo di ciò che la gente considera parole e frasi.

“Stiamo iniziando a trovare i primi elementi costitutivi del linguaggio delle balene”, ha affermato David Gruber, fondatore e presidente della Cetacean Society. Iniziativa di traduzione dei cetacei Oppure CETI, uno sforzo dedicato alla traduzione della comunicazione dei capodogli.

La luce splende su un capodoglio mentre nuota al largo della costa della Dominica nel marzo 2024. (Samuel Lam via AP)

In Stare I ricercatori, pubblicando martedì sulla rivista Nature Communications, hanno analizzato più di 8.700 estratti di clic di capodogli, noti come codas. Dicono di aver trovato quattro componenti fondamentali che credono costituiscano questo alfabeto fonetico.

READ  La Cina registra il primo decesso per Corona virus in più di un anno

Questo alfabeto potrebbe quindi essere utilizzato dalle balene in un numero illimitato di combinazioni, ha affermato Pratyusha Sharma, il ricercatore principale dello studio.

“Non sembrano avere una serie fissa di codici”, ha detto Sharma, un’esperta di intelligenza artificiale e informatica al MIT. “Questo dà alle balene l’accesso a un sistema di comunicazione molto più ampio”, ha detto, spiegando che è come se le balene avessero un dizionario molto grande.

I capodogli hanno il cervello più grande di qualsiasi animale del pianeta: pesa fino a 20 libbre, sei volte la dimensione del cervello umano medio. Vivono in gruppi matriarcali di circa 10 individui e occasionalmente incontrano centinaia o migliaia di altre balene. I capodogli possono crescere fino a 60 piedi (18 m) di lunghezza e immergersi fino a circa 3.280 piedi (1.000 m) per cacciare i calamari. Dormono verticalmente, in gruppo.

I capodogli sembrano avere legami sociali sofisticati e decifrare i loro sistemi di comunicazione potrebbe rivelare somiglianze con il linguaggio e la società umana, ha affermato Gruber, professore di biologia alla City University di New York.

Un capodoglio e il suo piccolo nuotano al largo della costa della Dominica nel marzo 2024. In uno studio pubblicato martedì 7 maggio sulla rivista Nature Communications, gli scienziati che studiano i capodogli che vivono intorno all'isola caraibica descrivono per la prima volta le caratteristiche di base legate al come parlano tra loro, nello sforzo che può... Per aiutarci un giorno a proteggerli meglio.  (Samuel Lamm tramite AP)

Un capodoglio e il suo vitello nuotano al largo della costa della Dominica nel marzo 2024. (Samuel Lam via AP)

Per ottenere esempi sufficienti di clic di capodogli in Dominica, dove la popolazione residente di balene è di circa 200 esemplari, gli scienziati hanno allestito un gigantesco studio di registrazione subacqueo dotato di microfoni a diverse profondità. I tag sulle balene registrano anche la posizione in cui si trovano quando cliccano – ad esempio mentre si tuffano, dormono, respirano in superficie – e se ci sono altre balene nelle vicinanze con cui potrebbero entrare in contatto.

READ  Putin ha gli occhi puntati su Gotland, avverte il capo dell'esercito svedese - POLITICO

Jeremy Goldbogen, assistente professore di oceani alla Stanford University, ha definito la nuova ricerca “straordinaria”, affermando che ha “implicazioni ad ampio raggio sul modo in cui comprendiamo i giganti oceanici”.

Se un giorno riusciremo a capire cosa dicono i capodogli, questa conoscenza dovrebbe essere utilizzata per scopi di conservazione, come ridurre il rischio che vengano colpiti dalle navi o ridurre i livelli di rumore nell’oceano, ha affermato Goldbogen, che non è stato coinvolto nello studio. .

I capodogli sono classificati come ” esposizione “Dall’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura Le balene sono state cacciate per secoli per il petrolio contenuto nelle loro teste giganti e la specie si sta ancora riprendendo.

La giornalista dell’Associated Press Jackie Quinn riferisce dell’intelligenza artificiale che aiuta i ricercatori a decifrare gli elementi di base dell’alfabeto utilizzato dai capodogli.

Diana Rees, esperta di comportamento e comunicazione dei mammiferi marini presso la City University di New York, ha affermato che gli scienziati comprendono bene alcuni aspetti della comunicazione degli animali marini, tra cui Fischi Utilizzato dai delfini e Canzoni Cantato dalle megattere.

Ma quando si tratta dei capodogli manca anche questa conoscenza di base.

“La novità di questo studio è che stanno cercando di esaminare le basi del sistema di comunicazione delle balene… non solo le chiamate specifiche che fanno”, ha detto.

Rees, che non è stata coinvolta nella nuova ricerca, ha detto che spera un giorno di poter abbinare i clic delle balene al loro comportamento.

“Non capiremo mai cosa significano i clic per un’altra balena, ma potremmo essere in grado di capire cosa significano abbastanza per prevederne il comportamento”, ha detto. “Questo da solo sarebbe un risultato straordinario”, ha detto.

READ  Esclusivo: la Russia non indagherà sull'incidente aereo di Prigozhin secondo le regole internazionali

Gruber, il fondatore del CETI, ha affermato che sarebbero necessari milioni e forse miliardi di codici delle balene per raccogliere dati sufficienti per cercare di capire cosa dicono le balene, ma si aspetta che l’intelligenza artificiale aiuti ad accelerare l’analisi. Ha detto che altri gruppi di capodogli – balene che vivono negli oceani profondi dall’Artico all’Antartico – probabilmente comunicano in modi leggermente diversi.

___

Il Dipartimento Salute e Scienza dell’Associated Press riceve il sostegno del Science and Education Media Group dell’Howard Hughes Medical Institute. AP è l’unico responsabile di tutti i contenuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto