Gli Stati Uniti hanno emesso un avviso di viaggio per Israele nella convinzione che un attacco iraniano sia imminente e nel timore che la guerra a Gaza possa estendersi

tel Aviv – Israele si sta preparando per gli scenari peggiori che i funzionari americani ritengono possano realizzarsi in poche ore – il che è La possibilità di un attacco diretto al territorio israeliano da parte dell'Iran In risposta allo sciopero avvenuto circa due settimane fa, che ha provocato la morte di sette ufficiali militari iraniani. L'Iran ha promesso di vendicarsi per l'uccisione da parte di Israele dei suoi leader che hanno subito un attacco all'ambasciata iraniana nella capitale siriana il 1° aprile.

Due funzionari statunitensi hanno detto a CBS News che venerdì è previsto un grande attacco iraniano contro Israele, che potrebbe coinvolgere più di 100 droni e dozzine di missili contro obiettivi militari all'interno del paese.

I funzionari hanno affermato che sarebbe difficile per gli israeliani difendersi da un attacco di questa portata e, pur notando la possibilità che gli iraniani scelgano di lanciare un attacco su scala minore per evitare una drammatica escalation, si ritiene che la loro ritorsione sia una ritorsione. imminente.


La Casa Bianca mette in guardia l'Iran dal lanciare attacchi di ritorsione contro Israele

Teheran non ha dichiarato pubblicamente come o quando risponderà alla sparatoria, quindi non è chiaro fino a che punto si spingeranno i leader iraniani. Se decidono di sferrare un attacco diretto contro Israele, c'è il timore che ciò porti alla distruzione di Israele La guerra in corso contro Hamas è un alleato dell’Iran A un conflitto regionale molto più ampio.

Con una ritorsione iraniana attesa in qualsiasi momento, ha annunciato giovedì il Dipartimento di Stato americano Avvertire gli americani in Israele Non viaggiare fuori dalle grandi città, che sono meglio protette dai missili in arrivo dal sistema di difesa missilistico Iron Dome del paese. Le ultime linee guida indicano che i viaggi dei dipendenti del governo americano in Israele potrebbero essere ulteriormente limitati senza preavviso man mano che la situazione si sviluppa nella regione instabile.

“Chiunque ci faccia del male, gli faremo del male”, ha promesso giovedì il primo ministro Benjamin Netanyahu mentre visitava le truppe in una base aerea dell’esercito israeliano. “Siamo preparati… in difesa e in attacco.”

Membri del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica (IRGC) bruciano bandiere israeliane e americane durante il funerale dei membri della Forza Quds dell'IRGC uccisi in un attacco aereo israeliano in Siria, a Teheran, Iran, aprile 2024.

Mortada Nikoubazel/NoorPhoto/Getty


Sima Shine, esperta di sicurezza ed ex funzionaria dell'agenzia di intelligence nazionale israeliana Mossad, ha detto a CBS News che era un momento pericoloso per la regione e che per lei era “il più preoccupante”. Ha detto che la preoccupazione per una guerra totale sarà probabilmente altrettanto alta “da entrambe le parti, in Israele e in Iran”.

Se l’Iran scegliesse di attaccare direttamente Israele, ciò potrebbe includere un complesso attacco missilistico e droni simile a quello lanciato dalle forze iraniane. È stato lanciato contro un impianto petrolifero saudita nel 2019.

Shine ha previsto che “cercheranno di farlo a livello militare o in alcune risorse militari”. “Ma la domanda riguarderebbe i danni. Se ci fossero molti feriti, morti e feriti… penso che ci sia il potenziale per una significativa escalation.”

Gli iraniani stanno di fronte a uno striscione anti-americano e anti-israeliano durante una marcia per commemorare la Giornata internazionale Quds, nota anche come Giornata Quds, durante il funerale dei membri della Forza Quds della Guardia rivoluzionaria iraniana uccisi in un attacco aereo israeliano in Siria, a Teheran, Iran, 5 aprile 2024.

Mortada Nikoubazel/NoorPhoto/Getty


Tuttavia, Shine ha sottolineato di credere ancora che nessuna delle due parti voglia effettivamente un conflitto regionale.

Gli Usa “cercano davvero di evitare la guerra”

Gli Stati Uniti hanno inviato un alto generale in Israele questa settimana per coordinarsi con lo stretto alleato americano su qualsiasi risposta che potrebbero dare ad un attacco iraniano, e parlando venerdì su “CBS Morning”, l’alto ufficiale militare americano ha detto: “Stiamo davvero provando per evitare la guerra.”

Il presidente dei capi di stato maggiore congiunti, generale Charles Brown Jr., ha dichiarato: “Questo fa parte del dialogo che sto avendo con i miei omologhi nella regione, che include il ministro della Difesa israeliano, con cui ho parlato ieri”. Ha aggiunto che l'esercito americano “sta facendo cose non solo per prevenire la guerra, ma allo stesso tempo, una delle cose fondamentali per me è assicurarsi che tutte le forze nell'area siano protette”.

“Il mio ruolo, come presidente dei capi di stato maggiore congiunti, è quello di pianificare e prepararsi”, ha affermato Brown. “Questo è qualcosa che sappiamo fare molto bene.”

L’esperto israeliano Shine ha affermato che il dilemma per l’Iran è sapere come attuare la risposta promessa all’attacco israeliano in Siria, ma in un modo che non porti ad un’ulteriore escalation. Allo stesso modo, Shine ha affermato che Israele potrebbe scegliere di mostrare moderazione quando risponde a qualunque cosa faccia l’Iran.

Se entrambe le parti sbagliassero l’equilibrio, le conseguenze potrebbero essere disastrose per la regione e persino per il mondo.

READ  Biden ospiterà le Isole del Pacifico, con in mente una Cina in ascesa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto