Panico quando un drone colpisce il Tatarstan a 800 miglia all'interno della Russia

Una fabbrica nel profondo della Russia accusata di assemblare droni iraniani da utilizzare contro l’Ucraina è stata attaccata martedì mattina, ferendo almeno 12 persone, secondo le autorità locali.

Anche la terza raffineria di petrolio più grande della Russia è stata attaccata di prima mattina in Tatarstan, che si trova ad almeno 800 miglia dalla linea del fronte in Ucraina, l'attacco più profondo di qualsiasi altro in Russia dall'inizio della guerra.

Anche se Kiev non si è presa ufficialmente il merito, ha affermato una fonte anonima nell'esercito ucraino La Pravda ucraina L'Agence France-Presse ha affermato che l'attacco è stato effettuato dall'intelligence militare utilizzando droni simili ad aerei leggeri. Il presunto attacco a Elabuga, nella repubblica russa del Tatarstan, ha mostrato il panico in quello che, se confermato, potrebbe essere uno degli attacchi di droni di più vasta portata in Ucraina. Nel video, quello che sembra un piccolo aereo può essere visto precipitare verso un edificio mentre gli spettatori urlano inorriditi, solo per schiantarsi al suolo pochi istanti dopo quando l'edificio viene colpito e prende fuoco.

Le autorità del Tatarstan hanno affermato che l'edificio ospitava studenti e lavoratori locali, sostenendo che due delle persone ferite nell'attacco di martedì avevano solo 17 anni. Ma una fonte dell’intelligence ucraina lo era Citato I media ucraini hanno affermato che la struttura bombardata era un impianto di assemblaggio di droni Shahed di fabbricazione iraniana.

Lo ha detto una fonte anonima dell'intelligence ucraina Reuters Anche la raffineria Taniko di Tatneft è stata colpita nell'attacco, nell'ambito del tentativo di Kiev di ridurre le entrate petrolifere della Russia. Ma le autorità russe hanno minimizzato l’importanza dell’attacco dei droni, affermando che la produzione nella raffineria di Taniko non è stata interrotta.

READ  La fragile economia globale è in gioco mentre gli Stati Uniti e la Cina cercano di calmare le tensioni al vertice dell’APEC

Allo stesso modo, il leader del Tatarstan Rustam Minnikhanov ha dichiarato in una dichiarazione su Telegram che non c’è stato “nessun danno grave” alla struttura di Elabuga.

“È estremamente importante ora mantenere la calma e non cedere al panico che gli autori di questo crimine stanno deliberatamente cercando di seminare”, ha scritto Minnikhanov.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto