Guerra Israele-Hamas: il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite adotta la risoluzione di cessate il fuoco

NAZIONI UNITE (AP) – Le Nazioni Unite hanno approvato la prima risoluzione che approva un piano di cessate il fuoco volto a porre fine a un periodo di otto mesi. Guerra tra Israele e Hamas A Gaza.

La risoluzione sponsorizzata dagli Stati Uniti accoglie con favore la proposta di cessate il fuoco annunciata dal presidente Joe Biden, che gli Stati Uniti affermano che Israele ha accettato. Invita il gruppo militante palestinese Hamas ad accettare un piano in tre fasi.

La risoluzione – che è stata votata a favore da 14 dei 15 membri del Consiglio di Sicurezza e la Russia si è astenuta – chiede la “piena attuazione immediata e incondizionata” di Israele e Hamas.

Resta da vedere se Israele e Hamas accetteranno di portare avanti il ​​piano, ma il forte sostegno della risoluzione da parte del più potente organismo delle Nazioni Unite esercita ulteriore pressione su entrambe le parti affinché approvino la proposta.

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken era in Israele Lunedì ha esortato il primo ministro Benjamin Netanyahu ad accettare un piano per Gaza per il dopoguerra, mentre ha sollecitato maggiori pressioni internazionali su Hamas affinché accetti una proposta di cessate il fuoco. Netanyahu è scettico sull’accordo, affermando che Israele è ancora impegnato a distruggere Hamas.

Hamas ha affermato di accogliere con favore l’adozione della risoluzione e di essere pronta a collaborare con i mediatori nei colloqui indiretti con Israele per attuarla. La dichiarazione è stata la più forte mai fatta da Hamas fino ad oggi, ma ha insistito sul fatto che il gruppo continuerà la sua lotta contro l’occupazione israeliana e lavorerà per la creazione di uno stato palestinese “pienamente sovrano”.

READ  Stati Uniti, Israele e Hamas raggiungono un accordo provvisorio per porre fine al conflitto e liberare dozzine di ostaggi - WaPo

Il portavoce di Hamas Jihad Taha ha detto martedì che “continuano gli sforzi per studiare e chiarire alcune questioni per garantire l’attuazione da parte israeliana”. Israele “crea ostacoli e ritarda la continuazione dell’occupazione”, ha detto.

Sebbene un alto diplomatico israeliano non si sia pronunciato direttamente sulla risoluzione, il consiglio ha affermato che la posizione di Israele è incrollabile: “Continueremo fino a quando tutti gli ostaggi non saranno restituiti e le capacità militari e di governo di Hamas saranno rimosse”.

“Ciò significa anche che Israele non si impegnerà in negoziati inutili e interminabili, che potrebbero essere usati da Hamas come mezzo per prendere tempo,” ha detto Reed Shabir Ben Naftali, consigliere del ministro.

Tuttavia, l’ambasciatrice americana Linda Thomas-Greenfield ha ribadito che Israele ha accettato l’accordo di cessate il fuoco, che è sostenuto da paesi di tutto il mondo.

L’adozione della risoluzione “ha inviato un messaggio chiaro a Hamas affinché accetti un accordo di cessate il fuoco sul tavolo”, ha affermato.

“Se Hamas facesse lo stesso, i combattimenti potrebbero finire oggi”, ha detto Thomas-Greenfield al consiglio. “Ripeto, questa lotta può finire oggi.”

Il vice ambasciatore americano Robert Wood ha detto lunedì ai giornalisti che gli Stati Uniti vedono l’accordo come “l’opportunità migliore e più realistica per fermare almeno temporaneamente questa guerra”.

Lunedì scorso, Hamas e i leader della Jihad islamica palestinese hanno discusso una proposta di accordo di cessate il fuoco in Qatar, e in seguito hanno affermato che qualsiasi accordo porterebbe a un cessate il fuoco permanente, al completo ritiro israeliano da Gaza, alla ricostruzione e a un “serio accordo di scambio”. Tra ostaggi a Gaza e palestinesi detenuti nelle carceri israeliane.

L’ONU della Russia L’ambasciatore Vassiliy Nebenzia ha detto che Mosca non ha votato perché i dettagli del piano in tre fasi non sono stati resi noti e “abbiamo molte domande”.

READ  40 La migliore tende cucina porta finestra del 2022 - Non acquistare una tende cucina porta finestra finché non leggi QUESTO!

“Hamas è stato invitato ad accettare questo cosiddetto accordo, ma non c’è ancora chiarezza sull’accordo ufficiale da parte di Israele”, ha detto Nebenzia. “Considerate le numerose dichiarazioni di Israele sul prolungamento della guerra fino alla completa sconfitta di Hamas… su cosa ha concordato Israele nello specifico?”

L’ambasciatore algerino all’ONU Amar Bendjama, rappresentante arabo presso il Consiglio, ha affermato che, sebbene il testo non sia perfetto, “dà un barlume di speranza ai palestinesi perché il popolo palestinese continua a essere ucciso e a soffrire”.

“Abbiamo votato a favore di questo testo per dare alla diplomazia l’opportunità di raggiungere un accordo che metta fine all’occupazione contro il popolo palestinese”, ha detto Bendjama.

La guerra è stata istigata da Hamas. Attacco del 7 ottobre nel sud di Israele I militanti hanno ucciso circa 1.200 persone, principalmente civili israeliani, e hanno preso circa 250 ostaggi. Ci sono circa 120 ostaggi, 43 morti.

Più di 36.700 palestinesi sono stati uccisi e più di 83.000 feriti nell’offensiva militare israeliana. Ministero della Sanità di Gaza. Secondo l’ONU, ha distrutto l’80% degli edifici di Gaza

Il 25 marzo il Consiglio di Sicurezza ha adottato una risoluzione che chiede un cessate il fuoco umanitario a Gaza durante il mese sacro del Ramadan, con l’astensione degli Stati Uniti ma senza la fine della guerra.

La risoluzione di lunedì “sottolinea l’importanza degli sforzi diplomatici in corso da parte di Egitto, Qatar e Stati Uniti. Un accordo di armistizio globalesi compone di tre fasi” e afferma che “i tre Paesi sono pronti a garantire che i negoziati continuino fino al raggiungimento di tutti gli accordi”.

READ  Marvin Harrison Jr. Masterclass Ohio State batte Penn State 20-12

L’annuncio di Biden del 31 maggio della nuova proposta diceva che sarebbe iniziata con un cessate il fuoco iniziale di sei settimane e il rilascio di ostaggi in cambio di prigionieri palestinesi, il ritiro delle forze israeliane dalle aree popolate di Gaza e il ritorno di tutti i civili palestinesi. Aree del territorio.

La prima fase prevede la distribuzione sicura degli aiuti umanitari “in tutta la Striscia di Gaza”, ha detto Biden, il che porterebbe a 600 camion di aiuti che entrano a Gaza ogni giorno.

Nella seconda fase, la risoluzione chiede un “ritiro completo delle forze israeliane da Gaza in cambio della fine permanente delle ostilità e del rilascio di tutti gli altri ostaggi a Gaza”, con l’accordo di Israele e Hamas.

La terza fase inizierà “un importante programma pluriennale di ricostruzione per Gaza e la restituzione dei resti degli ostaggi ancora morti a Gaza alle loro famiglie”.

La risoluzione riafferma “l’incrollabile impegno del Consiglio di Sicurezza a realizzare la visione di una soluzione negoziata a due Stati in cui i due Stati democratici di Israele e Palestina possano vivere in pace all’interno di confini sicuri e riconosciuti”.

Sottolinea inoltre “l’importanza di unificare la Striscia di Gaza con la Cisgiordania sotto l’Autorità Palestinese”. Il governo di destra di Netanyahu non è d’accordo.

___

Lo scrittore dell’Associated Press Bassem Mroue ha contribuito a questo rapporto da Beirut.

___

Questa storia è stata corretta per mostrare che la prima fase del cessate il fuoco proposto durerebbe sei settimane, non sei mesi.

___

Segui la copertura di AP sulla guerra di Gaza https://apnews.com/hub/israel-hamas-war

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto