Guerra russo-ucraina: ultime notizie e aggiornamenti sul petrolio

La mattina dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina, Maria Horanik ha fatto ciò che centinaia di migliaia di polacchi avrebbero fatto presto: si è iscritta per ospitare i rifugiati nella sua casa a Cracovia.

In serata ha ricevuto una chiamata: stava arrivando una famiglia di Leopoli.

“Non ne abbiamo nemmeno discusso”, ha detto la signora Houranek, una giornalista freelance il cui partner, anche lui giornalista, è partito immediatamente per seguire la guerra. “Era chiaro che l’avremmo fatto”.

Degli 1,7 milioni di persone fuggite dall’Ucraina dall’inizio dell’invasione, più di un milione si è recato in Polonia, Secondo le Nazioni Unite.

Questo massiccio e improvviso afflusso di rifugiati ha portato all’emergere di un numero enorme di rifugiati movimento popolare In tutta la comunità polacca, mobilitare le persone per raccogliere fondi e fornire alloggio e trasporto gratuiti ai rifugiati.

Hanno aderito più di 500.000 polacchi Gruppo Facebook a livello nazionale Formato di supporto. In alcuni luoghi, l’offerta è stata maggiore della domanda, poiché le autorità locali hanno invitato i cittadini ad astenersi dal guidare fino ai confini per offrire corse gratuite, perché causavano ingorghi.

Anni di politiche nazionaliste contro i rifugiati hanno lasciato la Polonia con un sistema di immigrazione frammentato. Ora spetta principalmente ai cittadini occuparsi di quanto affermato dall’UNHCR “La crisi dei rifugiati in più rapida crescita in Europa dalla seconda guerra mondiale”.

Gli ospiti di Horanik sono arrivati ​​venerdì sera: Kostyantyn Komkov, uno sviluppatore di software, Olena Poretskova, una stilista, e il loro figlio di 5 anni, Thomas. Non appena iniziò l’invasione, la famiglia lasciò immediatamente il suo appartamento a Leopoli per i suoi amici che stavano lasciando Kiev e attraversò il confine con la Polonia. “Avevo previsto un attacco negli ultimi due anni, e quando ho visto le forze russe costruire al confine, ho capito che era quello che era successo”, ha detto la signora Boretskova.

READ  Il rublo russo ha raggiunto meno di un centesimo dopo che l'Occidente ha inasprito le sanzioni

Per Tanya Fidesk, un’infermiera di Luck nell’Ucraina occidentale, che ha ricevuto asilo anche in Polonia, la decisione se restare o partire non è stata immediata. Quando l’esercito russo è entrato per la prima volta nell’Ucraina orientale, lei e suo marito hanno deciso di aspettare 24 ore. “Avevamo sperato che la situazione non si trasformasse in un’invasione su vasta scala”, ha detto la signora Videsk. “Ma con il passare delle ore, è diventato chiaro che le cose stavano peggiorando”.

La mattina dopo, la signora Fedchyk e suo figlio di due anni, sono saliti in macchina e sono andati a Wroclaw, in Polonia. Il volo è andato relativamente liscio, fatta eccezione per un’attesa di 10 ore al confine. Ma addio ai mariti e al padre, che sono rimasti fortunati a costruire le barriere, hanno lasciato i loro cuori doloranti.

A Breslavia, sono ospitati da Robert e Hana Reisigová-Kielawski, un insegnante di inglese e supervisore delle risorse umane, che vivono con i loro due figli. La coppia non aveva una stanza in più nell’appartamento, quindi hanno spostato la loro figlia di 5 anni nella loro camera da letto.

“Mentre aspettavamo il loro arrivo, ci siamo innervositi”, ha detto il signor Reisigová-Kielawski. “Non avevamo idea in quale stato fisico ed emotivo si sarebbero trovati. Mi chiedevo come dovremmo agire per essere il più utili possibile, ma anche per non confonderli. Quali questioni dovremmo discutere e quali è meglio non menzionare?”

Una cosa era chiara fin dall’inizio: non chiedevano ai loro ospiti quanto tempo pensavano di rimanere. Il loro invito non aveva una data di scadenza.

Ma ogni volta che chiedevano se la signora Fidesk avesse bisogno di qualcosa, lei rispondeva: “No, grazie. Siamo qui solo per pochi giorni”. Quando iniziò l’invasione, divenne chiaro che quei giorni potevano trasformarsi in settimane, forse più a lungo.

READ  'Non meglio della Corea del Nord': l'aviazione russa rischia l'accusa | notizie di guerra tra Russia e Ucraina

Dall’inizio della guerra, gli ucraini su entrambi i lati del confine hanno dovuto affrontare l’incertezza. In Polonia, il governo sta preparando un disegno di legge di emergenza che faciliterebbe l’accesso degli ucraini al mercato del lavoro e alcuni benefici sociali a disposizione dei residenti permanenti.

Commentatori Lo ha indicato La calorosa accoglienza ricevuta dai rifugiati ucraini è in netto contrasto con la risposta del pubblico Crisi umanitaria al confine con la Bielorussiache ha raggiunto il picco in ottobre. Il governo non ha aperto il confine a questi rifugiati, la maggior parte dei quali provenienti dal Medio Oriente, e ha bandito gli operatori umanitari dalla zona di confine – Politiche ampiamente sostenute dal PolS.

I Reisigová-Kielawski, che sono stati a lungo attivi in ​​vari programmi di sostegno ai rifugiati, sono rimasti frustrati.

“Durante quella crisi, il governo ha reso molto difficile per i polacchi aiutare i rifugiati e sfortunatamente molte persone hanno scelto di ignorarlo”, ha affermato Rysigova Kelowski. “Il movimento popolare per aiutare gli ucraini, che stiamo assistendo in questo momento, è enorme e commovente, ma ho l’impressione che sia anche in linea con un senso di colpa per il fatto che noi come società non abbiamo fatto abbastanza in quel momento”.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,503FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles