Home Assistant Green è qui per rendere accessibile la piattaforma di casa intelligente più potente

Acquista abbastanza tecnologia e non sarai in grado di sfuggire al richiamo della sirena della casa intelligente. Amazon ti sta praticamente lanciando Echo Dots. Google metterà Nest Mini nella confezione con quasi tutto ciò che acquisti nel suo negozio. Buona fortuna con l’acquisto di un nuovo elettrodomestico da cucina che non richiede una connessione Internet. Tutte queste piattaforme sono dotate di piattaforme chiuse basate su cloud, che richiedono di sottomettersi ai desideri dell’azienda nell’utilizzarle.

Ma negli ultimi dieci anni, Home Assistant è stato il software preferito dai fanatici della privacy che desiderano tutti i vantaggi offerti dai prodotti Apple, Google e Amazon con una flessibilità infinitamente migliore e meno rischi per la sicurezza. Ora, per il decimo anniversario dello spettacolo, le persone dietro Home Assistant stanno introducendo un nuovo prodotto nella speranza di espanderlo oltre il regno dei geek: Home Assistant Green.

“Il nostro futuro ideale, a lungo termine, è che vogliamo che le persone abbiano una casa intelligente incentrata sulla privacy, che non è solo qualcosa a cui hanno accesso solo i ricchi o i nerd”, ha detto Paulus Schoutsen, fondatore di Home Assistant e CEO di Nabu Casa. io in un’intervista. .

“Vogliamo che le persone abbiano una casa intelligente incentrata sulla privacy… non solo i ricchi o i nerd.”

Come molte persone, inizialmente ho finito per cercare Home Assistant perché avevo troppi dispositivi che non funzionavano bene o non funzionavano affatto tra loro: luci Hue, altoparlanti intelligenti, NAS e condizionatore d’aria, per non parlare degli interruttori casuali, sensori di movimento e altri scomodi dongle acquistati su AliExpress. Mentre le principali aziende stanno abbracciando Thread nel tentativo di far funzionare tutto bene insieme, l’interoperabilità attorno ad esso è stata un disastro. Ovviamente, l’insoddisfazione generale per lo stato delle cose e il bisogno di privacy angosciante sono un percorso comune per un collaboratrice domestica.

Ma c’erano molti ostacoli. Anche se il processo di configurazione di Home Assistant non è troppo difficile per qualcuno che armeggia regolarmente con Raspberry Pis, non è ancora un’esperienza per i deboli di cuore. A questo punto è ancora un software per appassionati e l’impostazione delle cose è ancora un processo molto intenzionale in fase di progettazione. Ma c’è un ampio segmento di persone che vogliono partecipare senza armeggiare con i dispositivi. Home Assistant Green è un piccolo pacchetto conveniente e un tentativo di rendere il processo di installazione più semplice per tutti.

Una scatola per tutti

La scatola verde ha dimensioni simili ai computer Raspberry Pi e necessita solo di alimentazione ed Ethernet per comunicare.
Foto: Aiutante domestico

Al prezzo di $ 99 e pianificato come articolo permanente insieme Aiutante domestico gialloCiò che rende Home Assistant Green una novità non è il fatto che abbia un hardware potente e avanzato, sebbene la CPU quad-core RK3566 sia abbastanza veloce per eseguire il programma senza problemi. Ciò che rende unico il dispositivo è la capacità di archiviazione eMMC da 32 GB precaricata con la piattaforma Home Assistant. È un’opzione molto meno costosa e più semplice per le persone che vogliono immergere i piedi nell’acqua senza dover caricare una scheda di memoria da un altro computer. L’unità è inoltre dotata di 4 GB di RAM LDDR4x, alcuni slot USB 2.0, un’uscita HDMI e uno slot microSD per l’espansione.

READ  Milioni di utenti iPhone utilizzano già RCS, ma non lo sanno

Il dispositivo è esplicitamente progettato per eseguire solo il sistema operativo Home Assistant e non è concepito per essere un computer multiuso come il Raspberry Pi. Inoltre, non è un componente hardware che puoi regalare al tuo parente tecnofobico, ma piuttosto qualcosa per la persona che conosce Home Assistant ma non vuole avere a che fare con il fastidio di gestirlo tutto.

Per iniziare, basta collegarlo all’alimentatore incluso, collegarlo al router tramite Ethernet (il Green non ha Wi-Fi “perché la dorsale della tua casa intelligente deve utilizzare Ethernet”, spiega Schutzen), e poi seguire la procedura di configurazione utilizzando il telefono o un altro computer. Il sistema rileverà automaticamente i dispositivi sulla tua rete che possono funzionare con esso. Se non disponi di un hub Hue o di un modo esistente per connetterti ai dispositivi Zigbee (e… L’argomento è sperimentale), potrai aggiungere un dongle Skyconnect in un secondo momento. Esistono innumerevoli dispositivi su cui Home Assistant è già in esecuzione, ma per Home Assistant Green l’obiettivo è la semplicità.

Il colore verde si unisce alle caselle gialle e blu in Home Assistant.
Foto: Aiutante domestico

Ho ricevuto un primo campione del dispositivo da testare, contenuto in una bella custodia in plastica satinata con base in metallo e istruzioni facili da seguire. Questa è una configurazione molto più bella di quella che ho attualmente, ovvero un Raspberry Pi 4 Modello B che si rilassa sulla mia libreria con i cavi che sporgono da diverse angolazioni.

Dopo aver collegato tutto e aver visitato l’indirizzo di Green nel browser del tuo computer (http://homeassistant.local:8123/) o nell’app mobile Home Assistant, verrai accolto da una schermata di installazione rapida che ti chiede se desideri avviare un nuovo progetto di casa intelligente oppure restaurare una vecchia casa. Dato che stavo già utilizzando Home Assistant, mi sono assicurato di eseguire un backup completo della mia istanza e di scaricarla sul mio computer prima di disconnetterla dal router. Da lì ho scaricato il backup e ho aspettato circa 20 minuti affinché tutto andasse a posto. Al momento non ti fa sapere quando ha finito, quindi devi solo aggiornare la finestra del browser, ma come previsto, tutte le mie cose erano esattamente dove le avevo lasciate, tutte le modifiche all’interfaccia utente e le integrazioni minuziose erano lì, e il mio Skyconnect è lavorando. Tutto funziona e basta.

READ  WD ha rifiutato di rispondere alle nostre domande sugli SSD SanDisk che si cancellano automaticamente

Se l’obiettivo era la semplicità, il team lo ha raggiunto.

Una volta connesso al router, puoi configurare Home Assistant visitando il suo indirizzo IP nel tuo browser.
Foto: Chris Pearson/The Verge

“In questo momento, ci rivolgiamo a un pubblico che chiamiamo ‘agricoltore all’aperto'”, ha spiegato Schutzen tramite Discord. “È l’azienda che utilizza Amazon/Apple, ecc., affronta limitazioni e vuole di più. Effettua una ricerca sul Web e trova Home Assistant. A questo punto gli utenti sanno già di volere una casa intelligente e cercano soluzioni ai loro problemi, che Home Assistant in genere può risolvere. Crediamo che con la necessità di un Raspberry Pi per iniziare o il prezzo relativamente alto di Yellow (non so se i tuoi problemi saranno risolti per $ 200), abbiamo perso gran parte di agricoltori indipendenti. Quindi, con Green, stiamo cercando di fornire a chiunque un modo per iniziare a utilizzare Home Assistant.

Assistente domiciliare da 10 anni

Home Assistant, che festeggia oggi il suo 10° anniversario, è cresciuta molto negli ultimi 10 anni. Come me, Schoutsen si è messo in gioco dopo aver acquistato un costoso set di lampadine Philips Hue e aver sbattuto contro un muro con ciò che gli permettevano di fare.

“Non ho iniziato a creare Home Assistant perché volevo creare una piattaforma di casa intelligente”, ha spiegato. “Hugh è stato rilasciato e l’ho comprato. A quel punto ero uno studioso in visita alla UC San Diego, stavo finendo la mia tesi di master e stavo facendo un sacco di cose su Python, quindi ho scritto del codice per parlare con Hugh.

Da allora il progetto e Il gruppo Ampliato a 28 persone. Lo sviluppo di Home Assistant è finanziato tramite abbonamenti al servizio cloud dell’azienda Assistente domestico sul cloudoltre a vendere dispositivi come gialloedizione limitata blu, il dongle SkyConnect e ora l’hub Green, che consente all’azienda di svilupparsi senza che investitori esterni le mettano il collo. Al di fuori del team principale stesso, ci sono innumerevoli persone che aggiungono schemi e contribuiscono al codice nel loro tempo libero. Secondo Schoutsen, Home Assistant è il secondo progetto open source più attivo su GitHub.

L’ultimo logo di Home Assistant, ridisegnato per il suo compleanno.
Foto: Aiutante domestico

Quando ho chiesto informazioni sulla possibilità di espandere il progetto oltre i confini domestici, Schutzen ha detto di non essere interessato. “Ogni volta che si espande l’attenzione, è necessario aggiungere funzionalità che si adattino bene a un caso d’uso e all’altro non così bene”, ha spiegato. “Non voglio inseguire hotel o uffici. Quando si parla con le aziende, la gente ha sempre pensato che saremmo andati lì, dove ci sono soldi ma non divertimento 🙂. E non abbiamo investitori che ci distolgano dal nostro focus sulla casa”, ha affermato Schutzen. Anche la costruzione di uffici richiederà una supervisione. Troppo rigido sull’accesso, che può rallentare il processo di aggiunta di funzionalità. Questa è una visione più realistica per un prodotto rispetto a quella che normalmente si vede dai fondatori, e che era ulteriormente esacerbato quando ho chiesto dove vedono l’assistente domestico rispetto alle offerte di Google o Apple.

READ  2XKO Trailer di "Illoi, la sacerdotessa del Kraken".

“Non credo che competeremo direttamente con Google/Amazon/Apple nel prossimo futuro per il segmento di utenti che hanno bisogno di conoscere la casa intelligente perché il punto è che chiunque abbia uno smartphone ha accesso a Google Home e Apple Home. Tuttavia, noi non affermare che questi utenti abbiano una casa intelligente. Anche avere più dispositivi connessi non rende una casa intelligente. Una casa è considerata “intelligente” solo quando le persone iniziano a preoccuparsi che i loro dispositivi connessi abbiano un controllo unificato o funzionino insieme.

“Una casa viene etichettata come ‘intelligente’ solo quando le persone iniziano a preoccuparsi di far sì che i loro dispositivi connessi abbiano un controllo unificato o funzionino insieme”.

Avendo utilizzato sia HomeKit che Home Assistant, sono propenso ad essere d’accordo. Il mercato principale per Home Assistant sarà sempre quello delle persone che desiderano una casa intenzionalmente intelligente, qualcosa che faccia esattamente quello che gli dicono di fare, non un giardino recintato eccessivamente paesaggistico. E anche se c’è ancora molto lavoro da fare per renderlo più attraente per i principianti (Schutzen ammette che i progetti creati dagli utenti dovrebbero essere più facili da trovare), il nucleo di ciò che lo fa funzionare rimane lo stesso: migliaia di utenti ottengono dispositivi per i loro case, dicendo “Non funziona come vorrei.” “, trovano una soluzione alternativa e condividono i loro progressi.

“Ci vuole un certo sforzo per mantenere la macchina in movimento”, ha detto.

Anche se per natura sono una persona che ama scherzare, vivo anche la mia vita con la consapevolezza che la maggior parte delle persone non è così. Puoi stuzzicare la tua curiosità con Raspberry Pis, ma molte persone vogliono qualcosa che li ottenga davvero. Molti dispositivi IoT vengono venduti come facili e attraenti invece di essere chiusi, insicuri e invasivi. Guardando la custodia in plastica semiopaca dell’Home Assistant Green, spero che Schoutsen abbia ragione. Spero che sempre più persone siano d’accordo con l’esecuzione di Home Assistant, con software open source e, infine, con il pieno controllo di una casa veramente “intelligente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto