I fisici rilevano tracce di una misteriosa particella chiamata “Glueball”

Gli scienziati sono da tempo alla ricerca di “palline di colla”, stati associati agli atomi subatomici Gallone Particelle da sole, senza alcuna Particelle subatomiche incluso. Ora, potremmo averli appena trovati, nascosti in un esperimento con un acceleratore di particelle.

Promette di essere una svolta molto significativa nel campo della fisica, ma a beneficio di tutti coloro che non hanno un dottorato in materia, inizieremo dall’inizio. La funzione principale dei gluoni è quella di mantenere i quark in posizione e mantenere stabili gli atomi. I quark sono gli elementi costitutivi che compongono i protoni e i neutroni.

Questo ruolo rende il gluone parte della forza nucleare forte, una delle quattro forze fondamentali della natura che legano insieme le leggi della fisica, insieme alla gravità, all’elettromagnetismo e alla forza nucleare debole.

Collisore elettrone-positrone II di Pechino. (Accademia Cinese delle Scienze)

Speriamo che tu sia ancora con noi adesso. Fino ad ora, le palline di colla erano solo ipotesi teoriche che i fisici credono esistano – perché i gluoni dovrebbero essere in grado di restare uniti – e non qualcosa che è stato effettivamente osservato.

I singoli gluoni non hanno materia, portano solo forza, ma le sfere di colla hanno massa risultante dalle interazioni dei gluoni. Se riusciamo a scoprirli, è un’altra indicazione che la nostra attuale comprensione del modo in cui funziona l’universo, a.k.a Modello standard della fisica delle particelleProprio vero.

E così via per gli esperimenti Collisore elettrone-positrone II di Pechino In Cina. Il collisore veniva utilizzato per frantumare i mesoni, particelle costituite da quark e antiquark tenuti insieme dalla forza nucleare forte.

Setacciando i detriti subatomici generati da queste sessioni di distruzione delle particelle – e stiamo parlando di un decennio di dati che includono circa 10 miliardi di campioni – i ricercatori sono stati in grado di vedere prove di particelle con una massa media di 2.395 MeV/c.2. Questa è la massa che dovrebbero avere le palline di colla.

READ  New York sta affondando. Questi punti affondano più velocemente.

La particella in questione si chiama X(2370) e, sebbene alcuni degli altri calcoli coinvolti non corrispondano esattamente a ciò che i ricercatori stavano cercando, non sono lontani. Saranno necessarie più misurazioni e più osservazioni per ottenere una risposta definitiva.

Pertanto non esiste ancora una prova completa dell’esistenza delle palline di colla, ma le prove iniziano ad aumentare. Già nel 2015 gli scienziati pensavano di aver intravisto delle palline di colla. Tra non molto, un’altra particella potrebbe fare il salto dalla teoria alla realtà.

Gran parte di questa ricerca scientifica è stata resa possibile dai continui progressi nelle tecniche matematiche e nella potenza di calcolo, necessaria per calcolare l’enorme numero di possibili reazioni ed evoluzioni specifiche che potrebbero aver avuto origine da una palla di colla.

Inoltre, ora disponiamo delle attrezzature e degli strumenti necessari per sondare il funzionamento fondamentale del mondo naturale e per produrre i miliardi di stati molecolari necessari per scoprire qualcosa di raro ed esotico come una pallina di colla.

La ricerca è stata pubblicata in Lettere di revisione fisica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto