I partecipanti all’evento del libro in Colorado affermano di essere “a malapena sopravvissuti” alla vergognosa conferenza, con segnalazioni di “molestie, furti e aggressioni”

  • I partecipanti hanno affermato che l’evento è stato rovinato da scene caotiche e lunghe code
  • Un autore è scoppiato in lacrime nel descrivere l’“incubo”.



Migliaia di avidi lettori hanno definito un evento vergognoso avvenuto in Colorado un “Fyre Festival of Books” dopo segnalazioni di molestie, furti, aggressioni e cattiva gestione.

L’evento “Readers Take Denver”, che ha avuto luogo dal 18 al 21 aprile, ha lasciato i partecipanti descriversi come “sopravvissuti”, mentre gli organizzatori hanno già cancellato La conferenza del prossimo anno.

L’autrice di best-seller Rebecca Yaros ha guidato le critiche alla fiera, facendo eco alle lamentele per la mancanza di sicurezza, il personale aggressivo e i libri preordinati che non sono stati consegnati in tempo.

“Lettori, a nome di ogni autore presente a questo evento, mi dispiace”, ha scritto Yaros in un aspro post su Facebook.

L’evento “Readers Take Denver” è stato criticato dai partecipanti e dagli autori tra segnalazioni di molestie, furti, aggressioni e cattiva gestione
Una partecipante ha affermato che quando ha avuto un “momento di ipoglicemia”, è stata “urlata dal personale per farla alzare dal pavimento”.

Yaros ha continuato ad incolpare gli organizzatori per una serie di problemi, incluso quello che vedeva come il carico di lavoro “al limite dell’abuso” imposto ai volontari durante la conferenza di quattro giorni.

“Quando si tratta degli eventi di questo fine settimana, molti sono stati maltrattati”, ha scritto.

Yaros ha affermato che gli organizzatori hanno spento le luci davanti ai lettori perché “non si muovevano abbastanza velocemente”, hanno chiamato l’autore per nome, si sono rifiutati di cambiare il nome del loro badge e non sono riusciti a organizzare abbastanza tempo affinché i lettori potessero raccogliere le firme nonostante un impegno. di nessun “no”. Linee a questo evento.

“Mi dispiace tanto che non abbiate potuto ricevere i vostri preordini e non abbiate potuto vedere gli autori che volevi”, ha concluso Yaros rivolgendosi al pubblico.

READ  Samsung One UI 6.1 potrebbe offrire molte funzionalità AI e un assistente vocale più capace

“Mi dispiace che ci siano volute ore per registrarci, mi dispiace che abbiamo finito il cibo, mi dispiace che la sicurezza non fosse abbastanza severa durante gli eventi notturni, mi dispiace che alcuni volontari abbiano alzato la voce.

“Mi dispiace che tu non abbia provato la gioia travolgente che trascorrere tre giorni nel mondo dei libri dovrebbe darti.”

Hanno detto i lettori delusi Denver Post Che il programma vergognoso era un “incubo” e ha detto che non è riuscito a mantenere le promesse fatte dall’organizzatrice Lisa Renee Jones.

TikToker Cass ha condiviso le foto dell’occhio nero che ha detto di aver ricevuto durante l’evento
L’organizzatrice Lisa Renee Jones si è impegnata a ospitare l’evento senza file, ma i partecipanti si sono detti delusi di essere rimasti in attesa per ore.
La scrittrice Rebecca Yaros ha incolpato gli organizzatori per una serie di problemi, incluso quello che vedeva come un carico di lavoro “al limite dell’abuso” affidato ai volontari e una cattiva gestione
I lettori hanno affermato di aver avuto difficoltà a godersi la conferenza a causa del “caos”, con un autore che ha affermato che “è stato uno spettacolo dell’orrore assoluto che tutti abbiamo dovuto affrontare”.

“Ho partecipato a molte conferenze e questa è stata di gran lunga la peggiore a cui abbia mai partecipato”, ha affermato Sarah Slusarczyk, 32 anni, arrivata in aereo dal Michigan per partecipare all’evento.

I lettori hanno sborsato fino a $ 375 per partecipare all’evento tenutosi al Gaylord Rockies Resort, e Renee Jones, secondo quanto riferito, ha affermato in un’e-mail ai partecipanti dopo l’evento di essere stata addirittura commossa fino alle lacrime per gli elogi per i suoi sforzi.

Tuttavia, i rapporti suggeriscono che almeno una persona ha affermato che un volontario lo ha spinto, qualcosa che Renee Jones ha insistito fosse gestito in modo professionale.

“Nel caso in cui qualcuno affermasse che un volontario aveva messo la mano su qualcuno, ho immediatamente avviato un intervento di sicurezza”, ha scritto in una e-mail, secondo il Denver Post.

Renee Jones non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento da parte di DailyMail.com.

Accuse di comportamento aggressivo furono citate anche nel caso A.J Post sul blog Dalla scrittrice Abigail Owen, che ha affermato di aver sentito parlare di episodi di “molestie, aggressioni” e “furti”.

READ  iOS 17: novità con Siri e Spotlight

Inoltre esso, TikToker ha chiamato Cass Ha dettagliato l’occhio nero che ha detto di aver ricevuto durante l’evento.

Accuse di comportamento non professionale durante l’evento sono emerse anche su TikTok, con una donna che ha affermato di aver incontrato personale aggressivo mentre stava vivendo un’emergenza medica.

“Avevo un basso livello di zucchero nel sangue e il personale mi ha urlato di togliermi dal pavimento”, ha detto l’utente di TikTok Well Read Nurse.

Ha continuato: “Ci sono state così tante esperienze orribili tra lettori, venditori, autori, assistenti personali e volontari.

“Non si è trattato solo di un’interruzione della comunicazione, è un problema sistemico con questo programma.”

Un’altra autrice presente all’evento, Kate Hall, ha dettagliato la sua esperienza in un video YouTube di 30 minuti, intitolato: “I (Barely) Survived Readers in Denver 2024”.

“Speravo davvero che la situazione migliorasse, ma le cose continuavano a peggiorare sempre di più”, ha detto, sfoggiando un occhio nero nel suo video.

“È stato assolutamente caotico per tutto il fine settimana… È stato uno spettacolo assolutamente horror che abbiamo dovuto affrontare tutti.”

Hall ha detto che gli organizzatori non sono riusciti a consentire agli autori di allestire i tavoli per la firma dei libri in tempo, e sono rimasti esausti per le lunghe file.

Le lunghe file in attesa degli autori all’evento (nella foto) hanno portato un partecipante offeso a descriverlo come “peggiore della Disney, e alla fine non c’era nemmeno un passaggio”.

Renee Jones ha pubblicizzato l’evento come ideale per gli amanti dei libri che sperano di incontrare i loro autori preferiti poiché ha promesso che non ci sarebbero state code e che i partecipanti avrebbero dovuto utilizzare un sistema di biglietti a tempo.

Ma Kelly Mayer – un’autodefinita “sopravvissuta all’RTD” – ha detto che il sistema non ha funzionato e “tutto ciò che abbiamo fatto è stato stare in fila”. Era una totale stronzata.

READ  Niente dice che il telefono hackererà iMessage e porterà le bolle blu su Android - Ars Technica

“Era peggio della Disney, e alla fine non c’era nemmeno un passaggio”, ha aggiunto, sottolineando che le code che avvolgevano l’hotel causavano confusione su ciò che l’autore stava aspettando.

Secondo quanto riferito, ciò ha anche portato alcuni lettori ad aspettare per ore nelle file sbagliate, poiché i volontari hanno fornito informazioni errate.

L’autore Ryan Cahill ha aggiunto in un post sul suo blog che si è trattato di un “disastro disorganizzato”.

Ho assistito al caos totale che ha prevalso durante l’evento e alla mancanza di comunicazione tra l’organizzazione e i volontari, tra i volontari stessi e tra i volontari e i partecipanti. “Era pazzesco quanto poco si sapesse cosa stava succedendo”, ha scritto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto