Il Brasile meridionale è stato esposto alle peggiori inondazioni degli ultimi 80 anni. Morirono almeno 39 persone

San Paolo (AFP) – Le forti piogge nello stato di Rio Grande do Sul, nel sud del Brasile, hanno ucciso 39 persone, mentre altre 68 sono ancora disperse, ha annunciato venerdì l’agenzia governativa di protezione civile. Registrare le inondazioni Città devastate e costrette migliaia di persone a lasciare le proprie case.

Si è trattato del quarto disastro ambientale di questo tipo in un anno, dopo le inondazioni di luglio, settembre e novembre 2023 che hanno causato la morte di 75 persone in totale.

Secondo il Servizio Geologico Brasiliano, le inondazioni in tutto lo stato hanno superato quelle osservate durante lo storico diluvio del 1941. L’agenzia ha affermato che i livelli dell’acqua in alcune città hanno raggiunto i livelli più alti da quando sono iniziate le misurazioni circa 150 anni fa.

Giovedì la diga di una centrale idroelettrica tra le città di Pinto Goncalves e Cutipora è parzialmente crollata e interi paesi nella valle del fiume Tacuari, come Lajedo ed Estrella, sono stati sommersi. Nella città di Velez, a 80 chilometri dalla capitale dello stato, Porto Alegre, un fiume in piena ha spazzato via un ponte che la collegava alla vicina città di Linha Nova.

Gli operatori hanno segnalato interruzioni di corrente, comunicazioni e acqua in tutto lo stato. Secondo l’Agenzia per la Protezione Civile, più di 24.000 persone sono state costrette a lasciare le proprie case.

Senza Internet, il servizio telefonico o l’elettricità, i residenti hanno difficoltà a fornire aggiornamenti o informazioni ai loro parenti che vivono in altri stati. Gli elicotteri sorvolavano costantemente le città mentre le famiglie con i loro bambini aspettavano i soccorsi sui tetti.

Strade allagate dopo forti piogge a São Sebastião do Cai, stato di Rio Grande do Sul, Brasile, giovedì 2 maggio 2024. (AP Photo/Carlos Macedo)

I vigili del fuoco evacuano le persone da un'area allagata dopo forti piogge a Sao Sebastião do Cai, stato di Rio Grande do Sul, Brasile, giovedì 2 maggio 2024. (AP Photo/Carlos Macedo)

I vigili del fuoco evacuano le persone da un’area allagata dopo forti piogge a Sao Sebastião do Cai, stato di Rio Grande do Sul, Brasile, giovedì 2 maggio 2024. (AP Photo/Carlos Macedo)

Strade allagate dopo forti piogge a São Sebastião do Cai, stato di Rio Grande do Sul, Brasile, giovedì 2 maggio 2024. (AP Photo/Carlos Macedo)

Strade allagate dopo forti piogge a São Sebastião do Cai, stato di Rio Grande do Sul, Brasile, giovedì 2 maggio 2024. (AP Photo/Carlos Macedo)

Isolite Newman, 58 anni, vive nella città di Lajedo, nella valle del fiume Tacuari, e ha detto all’Associated Press di non aver mai assistito a uno scenario come quello che sta vivendo ora.

READ  Ci sono innumerevoli cadaveri sul Monte Everest, quindi perché centinaia di alpinisti si dirigono verso la "Zona della Morte" questa primavera?

“La gente stava erigendo barriere davanti agli ospedali con sabbia e ghiaia. “Sembrava un film dell’orrore”, ha detto al telefono. Ha aggiunto che alcune persone nella sua zona erano così disperate che si sono gettate nei corsi d’acqua.

Il quartiere di Newman non è stato allagato, ma non ha acqua corrente e lei non si fa la doccia da martedì. Ha detto che raccoglie l’acqua piovana in una bacinella per poter cucinare. Ha aggiunto che il negozio di abbigliamento di sua proprietà nella zona centrale della città è stato allagato.

“Non so nemmeno come dovrebbe essere. Non dovrebbe rimanere più niente.”

Marcelo Cellucci, meteorologo capo del Centro nazionale per il monitoraggio e l’allarme dei disastri naturali, ha dichiarato venerdì alla televisione pubblica brasiliana che le piogge sono iniziate lunedì e dovrebbero continuare almeno fino a sabato.

Giovedì sera, il governatore Eduardo Leyte ha allertato i residenti dello stato – conosciuti come gauchos – delle continue piogge e delle inondazioni. Ha aggiunto che la situazione a Porto Alegre è destinata a peggiorare.

“Come essere umano, sono distrutto dentro, come ogni gaucho”, ha detto. Ma come governatore, sono qui per restare fermo e garantire che non vacilleremo. Facciamo tutto con concentrazione, attenzione, disciplina e rabbia, per assicurarci di fare tutto ciò che è alla nostra portata.

Il presidente Luiz Inacio Lula da Silva ha riconosciuto le vittime delle inondazioni venerdì in una conferenza stampa Insieme al primo ministro giapponese Fumio Kishida a Brasilia.

“Le prime parole del ministro Fumio Kishida nel nostro incontro sono state di solidarietà con il popolo dello stato di Rio Grande do Sul, che è stato vittima di una delle più grandi inondazioni che abbiamo mai conosciuto”, ha detto Lula. “Mai prima nella storia del Brasile c’è stata una tale quantità di pioggia in un unico posto.

READ  Il neozelandese Ardern etichetta le proteste contro i vaccini "importate" mentre la folla sfida le chiamate ad andarsene

Il clima in tutto il Sud America è influenzato da… Fenomeno climatico El NiñoSi tratta di un evento periodico che si verifica naturalmente e che provoca un aumento della temperatura dell’acqua superficiale nel Pacifico tropicale. In Brasile, El Niño storicamente ha causato siccità nel nord e forti piogge nel sud.

Quest’anno gli effetti di El Niño sono stati particolarmente drammatici Siccità storica nella regione amazzonica. Gli scienziati affermano che le condizioni meteorologiche estreme si stanno verificando più frequentemente a causa dei cambiamenti climatici causati dall’uomo.

Karina Lima, scienziata 36enne e dottoranda in climatologia presso l’Università Federale del Rio Grande do Sul, ha dichiarato all’Associated Press che lo stato si trova in una regione con alcune caratteristiche che aumentano il potenziale distruttivo di El Niño.

“I modelli prevedono da tempo che lo stato del Rio Grande do Sul continuerà a vedere un aumento delle precipitazioni medie annuali e delle precipitazioni estreme, il che significa precipitazioni più concentrate e intense”, ha affermato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto